Cronaca
Commenta

Controlli anti assembramenti
Tanta gente anche oltre il coprifuoco

foto d'archivio

Serata di controlli quella di ieri a Cremona da parte di Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Locale, con il coordinamento della Questura, per verificare il rispetto delle norme anti assembramento. Un’azione prevalentemente dissuasiva, fatta soprattutto di richiami all’ordine nei confronti dei tanti giovani che si ritrovano nelle zone della movida, senza trascurare i locali più periferici. Numerosi i locali controllati, moltissime le persone ancora ferme a chiacchierare in spazi pubblici anche oltre le 22, orario del coprifuoco, ma a quanto risulta, nessuna sanzione. Coprifuoco che dalla fine della prossima settimana potrebbe slittare alle 23, come lasciano intuire i segnali da Roma.

Segnalata anche una festa privata all’interno di una abitazione: non erano presenti in tanti, ma la norma prevede che non si possano ospitare più di quattro persone (oltre i bambini) non appartenenti allo stesso nucleo famigliare.

Nella notte si è registrato anche un intervento del 118, che ha soccorso una giovane donna in corso Vittorio Emanuele poco dopo le 2 per intossicazione etilica: la donna è stata portata in ospedale, le sue condizioni non sono gravi.

Questa mattina  l’atmosfera è molto simile a quella di una normale domenica di primavera di epoca anti – Covid: molta gente a spasso, negozi in buona parte aperti e tavolini dei bar discretamente affollati. Continuano i controlli delle forze dell’ordine. gb

© Riproduzione riservata
Commenti