Cronaca
Commenta4

Cargo Bike. Manfredini: "Iniziativa
valida". Zagni: "Spreco di risorse"

Dibattito aperto sulle consegne a domicilio istituite durante il lockdown dal Comune: 150 quelle effettuate sulle 950 messe gratuitamente a disposizione (10 corse a 95 negozi): un numero importante, secondo l’assessore Barbara Manfredini, che ha risposto ad un’interrogazione scritta del consigliere Alessandro Zagni (Lega).

Un progetto denominato “Ti porto la spesa a casa in modalità sostenibile”, che prevedeva per ognuno dei 95 negozi aderenti un carnet di 10 consegne gratuite. “I carnet gratuiti sono stati recapitati alle attività dell’area Duc e il servizio si effettua anche ai residenti al di fuori del Duc” spiega l’assessore. “L’investimento, di 25.000,00 euro con determina del 23.12.2020 “Approvazione della spesa da destinare al progetto cargobike” è il budget previsto quale sostegno alle attività commerciali per l’emergenza Covid 19. Le corse realizzate sono state 150 da gennaio ad oggi”.

L’iniziativa, continua l’assessore, “è stata ritenuta valida dal distretto e dalle associazioni di commercianti ed artigiani anche nell’ultimo Due del 12 aprile, considerato che il progetto è nuovo e le fasi altalenanti di aperture e chiusure non ne hanno favorito la diffusione”.

Di tutt’altro parere il consigliere Zagni, secondo cui “Parlando con molti commercianti e girando per la città si aveva la netta percezione che il progetto cargo bike, che secondo l’amministrazione comunale avrebbe risollevato le sorti dei commercianti nel periodo della pandemia, si era in realtà rivelato un totale fiasco” commente.

“Secondo i proponenti, la cargo bike avrebbe convinto i cremonesi a spendere 5 euro per farsi consegnare a casa la spesa da un fattorino in bici dopo aver fatto le compere in un negozio della città. Il comune ha sostenuto l’iniziativa finanziando con 25.000 euro di soldi pubblici.

Il risultato? Dopo cinque mesi dal suo lancio non si sa a quanto ammontino i ricavi (ovvero quanti cremonesi abbiano speso 5 euro a consegna), in quanto l’assessore non ha risposto a questa domanda. In compenso oggi scopriamo che il comune aveva anche regalato 950 consegne gratuite e di queste ne sono state utilizzate solo 150.

Insomma, i cremonesi non solo non spendono 5 euro per farsi consegnare la spesa, ma nemmeno se la fanno consegnare dalla cargo bike anche quando la corsa è gratis. Il risultato di questa iniziativa? Uno spreco di denaro pubblico, e l’ennesima conferma che i nostri amministratori comunali non sanno quali iniziative adottare per aiutare la città a risollevarsi”. lb

© Riproduzione riservata
Commenti