Cultura
Commenta

"Nei cinque sensi e nell’alloro",
il nuovo libro di Fabio Strinati

“Nei cinque sensi e nell’alloro” è il nuovo libro di Fabio Strinati dedicato all’amata nonna, passando per i luoghi spirituali della città di Cremona, al quale è strettamente legato tanto da dedicargli numerose poesie. Dopo un lungo viaggio intrapreso nella regione Lombardia, Strinati sceglie la spiritualità come sentiero da percorrere, e lo fa partendo da alcuni luoghi spirituali della città di Cremona, come il Duomo e la Chiesa di San Benedetto.

Parole essenziali ma dai tratti suggestivi. Poesie spirituali che narrano una vicenda intima e profonda. “Nei cinque sensi e nell’alloro” è una raccolta poetica che nasce da un “bisogno irrefrenabile di raccontare un dolore forte vissuto con il cuore in mano e la penna come compagna di un viaggio, a tratti sterminato”. Brevi poesie-preghiere che “portano in superficie il dono della parola come testimonianza rara di una storia eterna”.

Strinati, disegna versi partendo da un pensiero colto e raffinato: “spontaneità e naturalezza” fanno da cornice a un grido che parte da lontano, “portando in dono una dedica toccante”, che recita: “Dedico alla mia amata nonna questa raccolta che tanto assomiglia al suo volto luminoso; al suo cuore rosso, radioso, riposto nel fiore profumato d’una culla, lassù nel Paradiso che porta il nome di Teresa”.

Parole “pregne di significato” e “versi che portano il peso di un dolore interminabile” come fosse “un lungo percorso illuminato dai fari d’una rinascita figlia della Vita, ogni poesia è pregna d’una Fede rara, che si manifesta con sincerità assoluta”. “Si tratta del libro più giusto che io abbia mai fatto: poter donare a mia nonna un’eternità più longeva ed ampia attraverso un percorso poetico e spirituale che tanto mi riempie il cuore”, ha detto l’autore.

© Riproduzione riservata
Commenti