Cronaca
Commenta

Formazione professionale,
da Regione 745.788 euro

Sono 745.788 euro i soldi destinati al territorio cremonese dalla Regione Lombardia per la formazione professionale. Ulteriori risorse stanziate (22,5 milioni di euro in tutto) per sostenere un sistema che si pone come eccellenza e modello a livello nazionale, come deliberato dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alla Formazione e Lavoro.

L’intervento strutturale per i percorsi di Istruzione e Formazione Professionale (IeF.P.) si rifletterà in prospettiva sulla programmazione futura, con particolare riferimento al prossimo settennato FSE (Fondo Sociale Europeo). “Il sistema di formazione professionale – sottolinea l’assessore con delega alla Formazione e Lavoro in Giunta regionale – si è rivelato una grande risorsa strategica per la ripresa economica e per la sua capacità di offrire competenze e specializzazioni che hanno facilitato l’inserimento lavorativo”.

“Una delibera di Giunta molto attesa – spiega – che da vigore alle istituzioni formative accreditate della nostra regione. Infatti, il grande sforzo economico stanziato oggi dalla giunta regionale è davvero significativo considerato anche il più alto numero di studenti iscritti (circa 54.000) in Italia”.

Gli enti accreditati alla formazione lombarda in questi anni hanno saputo innovare la propria attività e le strutture in cui operano agendo su più leve. Tra queste, la messa a regime del sistema duale nella relazione con le imprese, nell’elaborazione dei progetti formativi, nell’accompagnamento delle attività svolte in alternanza in vista del futuro inserimento lavorativo.

“Sostenere il sistema regionale di Istruzione e Formazione Professionale – commenta l’assessore regionale – significa sostenere la qualità dei percorsi e conseguentemente sostenere una rapida ed efficace transizione dei giovani dalla scuola al mondo del lavoro”. In particolare, l’aumento per tutte le Doti Formazione è di 400 euro e coinvolgerà gli studenti dei percorsi triennali/quadriennali, di quarto anno.

© Riproduzione riservata
Commenti