Cronaca
Commenta

Movida, riconfermato divieto asporto
bevande in lattine e bottiglie di vetro

Riconfermato fino al 31 ottobre lo stop all’asporto e al consumo di bevande in bottiglia e in lattina in tutte le zone della movida cremonese. Nei giorni scorsi il sindaco, Gianluca Galimberti, ha firmato l’ordinanza per prorogare quelle misure che già erano in atto dall’inizio di giugno, dopo che il Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica aveva deciso di limitare il rischio di risse ed episodi violenti, che talvolta coinvolgono il centro cittadino.

Il divieto, temporaneo, riguarda la vendita di bevande da asporto in bottiglie di vetro o in lattine, dalle ore 20 alle 2 di notte, nei locali di tutte le vie del centro cittadino, in particolare piazza del Comune, largo Boccaccino, piazza Zaccaria, via Solferino, Via Mercatello, via Gonfalonieri, piazza della Pace, via Lombardini, via Capitano del Popolo, piazza Stradivari, via Baldesio, via Monteverdi, piazza Roma e via Guarneri del Gesù.

Il divieto non vale solo per i locali, ma anche per i distributori automatici, (dalle 19 e fino alle 2) e per il market Carrefour di via San Tomaso aperto 24 ore su 24, dalle ore 21 alle 2. Motivo della decisione, come scrive il sindaco nell’ordinanza, è che “la vendita per asporto di bevande alcooliche fino alle ore 24 presso la media struttura può contribuire a facilitare l’aggregazione di persone ed il consumo smodato di sostanze alcooliche nelle altre pubbliche del centro storico”. Sempre per lo stesso motivo, ad essere vietato è anche il consumo delle suddette bevande “al di fuori delle aree in concessione ai pubblici esercizi”, nonché l’abbandono di bottiglie, contenitori in vetro e lattine o bottiglie di plastica”. Potrà invece continuare la vendita di bottiglie in vetro nei plateatici dei bar e nei ristoranti.

LaBos

© Riproduzione riservata
Commenti