Spettacolo
Commenta

"Tabù" di Scappin e Vanoni
al Ponchielli il 16 ottobre

Foto Luca del Pia

Uno spettacolo in cui ci si confronta con il proibito, quello di Roberto Scappin e Paola Vanoni, Tabù. Ho fatto colazione con il latte alle ginocchia, in scena sabato 16 ottobre (ore 20) al Teatro Ponchielli. Tutto parte da una mail inviata da un hacker che chiede un riscatto in cambio della non divulgazione di “materiale compromettente”. Questo permette al duo di interrogarsi e dialogare sul concetto del tabù…ovvero contro il divieto di avere contatti con determinate persone, di frequentare certi luoghi, di cibarsi di alcuni alimenti, di pronunciare determinate parole, di mostrarsi indecisi, di fallire.

I tabù alimentano la pornografia e la clandestinità dei desideri. I tabù generano malattia mentale. I tabù comprimono le possibilità. I tabù ignorano la diversità. I tabù ammettono una sola verità. I tabù conducono a un punto morto. Il tema dei divieti viene trattato partendo dalla sfera sessuale per attraversare e disvelare, attraverso una condivisione pubblica, le inibizioni a cui ci si sottomette nel privato e nel sociale, spesso preferendo differire o tacere.

Uno scavo che apre alla possibilità di una conoscenza intima che abbatte infeconde resistenze, favorito da una propensione engagé che argina il faceto, il non necessario.

© Riproduzione riservata
Commenti