Cronaca
Commenta

Vaccini e tamponi, scatta l'obbligo
di riconoscimento dell'utenza

A fronte del sempre più frequente rischio di scambi di identità presso i punti vaccinali, promossi da no vax che cercano di ottenere il Green Pass illegalmente, Ats Val Padana, d’intesa con le Asst di Crema, di Cremona e di Mantova, ha stabilito che per sottoporsi alla vaccinazione anti Codiv-19 presso gli Hub, i Centri Vaccinali e le Farmacie è necessario presentare, oltre alla tessera sanitaria, un documento di riconoscimento in corso di validità (carta di identità, patente o passaporto).

Analoga procedura – fa sapere Ats – è attiva presso tutti i punti tampone in fase di accesso alla prestazione: all’accettazione infatti, oltre a presentare la documentazione necessaria per eseguire il tampone – appuntamento prenotato attraverso l’sms di Ats, o da medico o pediatra, oppure presentando la ricetta rossa/elettronica del Servizio Sanitario Regionale rilasciata dal proprio Medico o dal Pediatra – è necessario esibire anche un documento di riconoscimento in corso di validità.

© Riproduzione riservata
Commenti