Cronaca
Commenta

Sy, sentenza definitiva: 19 anni
Ci sono le finalità terroristiche

Ousseynou Sy, l’autista 49enne di origini senegalesi che nel marzo del 2019 sequestrò il bus con a bordo 50 studenti delle medie Vailati di Crema, 2 insegnanti, Alessandro Cadei e Giacomo Andrico, e la bidella Tiziana Magarini, è stato condannato in via definitiva a 19 anni di carcere. Lo hanno deciso in serata i giudici della Corte di Cassazione che hanno confermato la sentenza emessa in Corte d’Assise d’Appello a Milano il 9 aprile dell’anno scorso. Non accolta la richiesta del procuratore generale della Cassazione che aveva chiesto una pena di 17 anni e 6 mesi di reclusione perchè non fu un “attentato con finalità terroristiche, delitto che presuppone l’individuazione di un soggetto politico”. Per i giudici, invece, quello messo in atto dall’autista senegalese fu un gesto con scopi di terrorismo.

In primo grado, il 15 luglio del 2020, Sy era stato condannato a 24 anni di reclusione, poi ridotti in Appello in quanto il reato di lesioni da cui era stata esclusa l’aggravante della premeditazione era stato riassorbito in quello di attentato con finalità terroristiche.

Quella mattina, per protestare contro la politica migratoria, l’italo-senegalese aveva costretto a un viaggio del terrore gli occupanti del pullman poi andato a fuoco.

Confermati anche in Cassazione i risarcimenti alle parti civili, rappresentate dagli avvocati Antonino Andronico, Ilaria Groppelli, Vittorio Patrini, Giuseppe de Carli.

Disposto il versamento di 25 mila euro per ognuno degli studenti presenti sull’autobus – fatta eccezione per uno di loro che non aveva fatto richiesta – e di 3mila euro per ciascuno dei genitori che avevano chiesto i danni. Sy è anche stato condannato a versare una provvisionale di 35mila euro ad uno dei professori, 25mila euro al secondo professore e 25 mila euro alla bidella, nonché 10 mila euro al Comune di Crema. Risarcimento di una provvisionale di 150 mila euro anche ad Autoguidovie per l’incendio dell’autobus.

Sara Pizzorni

I legali di parte civile

© Riproduzione riservata
Commenti