Cultura
Commenta

Dal 2 aprile mostra personale
di Guatteri a Palazzo Duemiglia

Nuovo appuntamento espositivo a Palazzo Duemiglia. Sabato 2 aprile, alle ore 17.30 (ingresso libero nel rispetto delle norme anti Covid-19) s’inaugura la mostra personale del pittore Claudio Guatteri dal titolo “Scenari d’incanto”. Il vernissage vedrà un preludio con i poeti Piera Cuzzoli, Tiziana Botti e Claudio Elidoro che reciteranno una scelta di loro componimenti.

Nato a Parma, fin da giovane è sempre stato attratto dall’arte in genere. Del 1970 sono le sue prime opere tratte da composizioni messe sul tavolo o da immagini che catturavano l’attenzione. Artisticamente si è formato presso studi di noti artisti appartenenti a varie tendenze. Ma la scuola migliore è stata dipingere all’aperto osservando i vari colori della natura, in diverse località, al fianco di tanti artisti. Ha conseguito più di 380 premi. Numerosi sono i riconoscimenti, sia da parte della critica che del pubblico.

“La preziosità stilistica e immaginativa di Guatteri – spiega il curatore Simone Fappanni – si rivela in un amore, profondo e sincero, per gli elementi naturali. E’ proprio l’osservazione della natura, infatti, il punto di partenza e allo stesso tempo di arrivo del pittore parmense che consegna all’osservatore scenari che sembrano ripresi sempre dal vivo, a stretto contatto con ciò che questo eclettico creativo sente più prossimo, ovvero quel pulsare incessante che soltanto scorci e panorami riescono a suscitare quando ci si trova dianzi ad essi in un atteggiamento di pura contemplazione estatica. Sia che si tratti di scorci della sua generosa terra che panorami lontani, oppure lacustri, i quali si caricano di quei deliziosi passaggi cromatici che derivano dalla famigliare presenza dell’acqua che scorre e tutto attraversa”.

“Una cifra stilistica – prosegue -, questa, che si affida a un realismo d’intonazione plastico-evocativo per cercare di suscitare, riuscendoci, emozioni e sensazioni profonde, così come sanno fare solo quegli artisti che, come Claudio Guatteri, prediligono ritrarre en plein air i propri soggetti, anche durante manifestazioni estemporanee che richiedono un’estrema padronanza tecnica oltre che una precisa vocazione meta-rappresentativa. In questo senso l’artista risulta in grado di condurre, con bella apertura immaginativa, scenari connotati da precise scelte prospettiche che consentono all’osservatore un’immersione totale, un guardare “oltre” l’orizzonte che si carica di una specifica notazione simbolica”.

“Con Guatteri – aggiunge il presidente del Centro Pinoni, Giorgio Denti, che promuove l’evento con il patrocinio e la collaborazione del Comune di Cremona – si torna a parlare di arte figurativa, raffinata e preziosa con un autore capace di esprimersi in quadri di notevole profondità espressiva”. L’esposizione è visitabile gratuitamente da martedì a sabato dalle ore 14.30 alle ore 17.00 fino al 22 aprile.

© Riproduzione riservata
Commenti