Cronaca
Commenta

"Il mio gin made in Cremona col
profumo del Marocco": storia di Ilias

Un gin made in Cremona, ma dal profumo vagamente mediorientale: l’idea nasce proprio all’ombra del Torrazzo dalla passione di Ilias Riad, nato a Casablanca ma cresciuto a Cremona, educatore di professione ma con una con una grande passione per il re dei distillati.

“Questa passione mi ha portato a curiosare e sperimentare, iniziando, alcuni anni fa, a produrre del gin home made” racconta Ilias. “Mi è sempre piaciuto il gin, e confrontando i vari marchi ho notato come negli ultimi anni si stesse modificando e come iniziassero a circolare i gin aromatizzati. Questo mi ha incuriosito e ho iniziato produrre dei gin casalinghi, per infusione, con ingredienti stagionali”.

Un hobby che ha preso piede sempre di più, fino all’idea di fare un passo oltre: “Mi è venuta l’idea di diventare produttore, così ho iniziato a contattare alcune distillerie blasonate. Volevo però restare il più possibile sul territorio, così mi sono rivolto a una distilleria del Piacentino, a conduzione familiare, a pochi chilometri da Cremona”.

Il prodotto si ispira alle origini di Ilias, con una ricetta nata grazie a un ingrediente sbagliato: “Da tempo stavo cercando di equilibrare il mio gin, poi una sera ho messo in infusione, insieme agli altri, un ingrediente sbagliato. Me ne sono accorto solo il giorno dopo, ma assaggiandolo ho scoperto che la mia idea aveva preso forma. Ho scelto di lasciare segreto questo ingrediente, raffigurandolo sulla bottiglia con una lampada magica”.

Dunque sebbene il sapore del prodotto finale ricordi le calde terre marocchine, agrumi e spezie, esso ha una forte impronta cremonese, a partire dalla bottiglia: l’etichetta, infatti, è stata realizzata dallo street arter Marco Cerioli.

“Sono partito ufficialmente a febbraio di quest’anno, e ho iniziato a promuovere il mio prodotto nei bar, perché il mio gin è pensato per i drink. Per questo ho voluto coinvolgere alcuni barman del territorio (e di alcuni limitrofi), affinché creassero, basandosi su esso, un cocktail personalizzato. Ho avuto molte adesioni e sto iniziando a distribuire il mio gin anche in enoteca”. Ma il neo-produttore ha già molti progetti per il futuro: l’ambizione è quella di estendere la propria rete commerciale. A questo proposito, il 9 luglio parteciperà al Mantova Gin Festival.

© Riproduzione riservata
Commenti