Cronaca
Commenta

Finanza: per Reddito di cittadinanza a
Cremona 10.000 denunce e 29 arresti

Celebrati i 248 anni delle Fiamme Gialle:
tutti i numeri di un anno di attività

E’ stato celebrato questa mattina nel cortile della caserma di via Zara il 248° Anniversario della fondazione del Corpo della guardia di finanza. Davanti al prefetto Corrado Conforto Galli e alle autorità civili e militari, ha preso la parola il comandante provinciale, colonnello Cesare Maragoni, che ha illustrato i risultati operativi conseguiti nel 2021 e nei primi 5 mesi del 2022.

Oltre 1000 gli interventi operativi conclusi dai reparti, oltre 370 le indagini delegate al Corpo dalle autorità giudiziarie ordinarie e contabili della Regione. Un impegno a tutto campo a tutela di famiglie e imprese.

LOTTA ALL’EVASIONE

Evasione fiscale internazionale, frodi carosello, indebite compensazioni, illeciti doganali e traffici di prodotti petroliferi sono alcuni dei fenomeni più gravi, pericolosi e diffusi sul territorio provinciale su cui si sta concentrando l’attenzione della finanza per contrastare gli effetti distorsivi della concorrenza provocati dalla grande evasione e dalle frodi fiscali, particolarmente dannosi soprattutto nei periodi di crisi. Effettuati 250 interventi nel settore della tutela entrate e denunciate 262 persone per reati fiscali, una delle quali arrestata. I delitti più ricorrenti sono stati l’emissione e l’utilizzo di fatture false, la presentazione di dichiarazioni fraudolente, l’occultamento delle scritture contabili e l’indebita compensazione di imposte non spettanti.

Nonostante il periodo sia comunque ancora stato segnato dall’emergenza sanitaria con le relative difficoltà nell’effettuazione dei controlli, sono stati scoperti oltre 288 milioni di euro di imposte dirette sottratte a tassazione e 136 milioni di euro di IVA non versata. I sequestri di patrimoni sottratti agli evasori ammontano a oltre 19 milioni di euro, mentre le proposte di sequestro al vaglio delle competenti Autorità Giudiziarie ammontano a quasi 161 milioni di euro.

78 sono le indagini condotte nel contrasto alle indebite compensazioni di debiti tributari e previdenziali con la quantificazione di 30 milioni di euro di crediti fittizi inesistenti/non spettanti.

Nel contrasto all’economia sommersa sono stati individuati 84 soggetti sconosciuti al Fisco (evasori totali), che hanno evaso nel complesso circa 158 milioni di imposte dirette e 77 milioni di euro di IVA, nonché 15 datori di lavoro che hanno impiegato 95 lavoratori in “nero” o irregolari.

Ammontano, invece, a 11 gli interventi nel settore delle accise.

Nel settore dei giochi e delle scommesse illegali, i controlli eseguiti sono stati 24 con 6 violazioni riscontrate.

TUTELA DELLA SPESA PUBBLICA

La finanza ha dedicato 10 Piani operativi al contrasto agli illeciti in materia di spesa pubblica e a quelle condotte che, mettendo a rischio la legalità e la trasparenza che devono connotare l’azione della Pubblica amministrazione, pregiudicano la corretta allocazione delle risorse, favorendo sprechi, truffe, malversazioni e indebite percezioni.

Si tratta di un settore strategico per il Paese, in quanto il corretto impiego dei fondi pubblici sostiene il tessuto economico nazionale, consente di affrontare le condizioni di disagio in cui possono trovarsi i cittadini e le famiglie, contribuisce a contenere l’esborso complessivo dello Stato e si traduce, in ultima analisi, in un miglioramento complessivo della qualità della spesa, permettendo che essa possa conseguire gli obiettivi cui tende: benessere, crescita e sviluppo.

Quasi 500 gli interventi svolti a tutela dei principali flussi di spesa pubblica, dagli appalti agli incentivi alle imprese, dalla spesa sanitaria alle erogazioni a carico del sistema previdenziale ed al reddito di cittadinanza, dai fondi europei alla responsabilità per danno erariale, cui si aggiungono 24 deleghe d’indagine concluse su delega della Magistratura.

Effettuati 2 controlli in materia di politica agricola comune e politica comune della pesca, con una frode accertata di 116 mila euro.

Le indebite percezioni di contributi a fondo perduto e di finanziamenti assistiti da garanzia, erogati per l’emergenza Covid, ammontano a circa 300 mila euro, con la denuncia di 16 soggetti.

Sono state denunciate 7 persone, con la quantificazione di somme oggetto di assegnazione di appalti irregolari per 5,5 milioni di euro di cui 4,5 nel settore sanitario.

Sul versante dei danni erariali sono state segnalate condotte illecite alla magistratura contabile per circa 345 mila euro a carico di 13 persone.

Nel settore della spesa previdenziale sono stati denunciati 6 soggetti, con una frode accertata di 120 mila euro.

Passando, più in generale, al settore della tutela della legalità nella Pubblica Amministrazione sono 9 i soggetti denunciati, di cui 7 tra Pubblici Ufficiali e incaricati di pubblico servizio, con valore delle condotte corruttive accertate per 60 mila euro.

Hanno infine avuto eco nazionale i risultati conseguiti nel settore delle indebite percezioni in materia di “reddito di cittadinanza”, con l’effettuazione di 353 controlli, che hanno portato alla denuncia di circa 10.000 soggetti, l’arresto di 29 persone, 17 delle quali condannate in via definitiva e la quantificazione di contributi indebitamente percepiti e contributi indebitamente richiesti e non ancora riscossi per circa 60 milioni di euro.

CONTRASTO ALLA CRIMINALITA’ ORGANIZZATA ED ECONOMICO FINANZIARIA

La strategia perseguita dalla Guardia di Finanza mira al contrasto di ogni forma di infiltrazione e degli interessi finanziari, economici e imprenditoriali della criminalità organizzata ed economico-finanziaria, attività di rilevanza assoluta nello scenario che va a profilarsi, contraddistinto dall’urgente necessità di tutelare la sicurezza economico-finanziaria a salvaguardia del “sistema Paese” nella delicata fase post emergenza.

Importante direttrice dell’azione della Guardia di Finanza è quella del contrasto del riciclaggio di denaro, che rappresentata dalla massima valorizzazione delle informazioni acquisite nel corso del controllo economico del territorio. In tale ambito sono state denunciate 59 persone, di cui una tratta in arresto, per riciclaggio ed autoriciclaggio, con un riciclaggio di denaro accertato per oltre 60 milioni di euro, sequestri per 750 mila euro e proposte di sequestro per 37,4 milioni di euro.

Denunciati rispettivamente 1 soggetto per reati societari, con l’effettuazione di sequestri per 2,2 milioni di euro ed 1 soggetto per reati fallimentari.

In applicazione della normativa antimafia, sono state sottoposte ad accertamenti economico-patrimoniali 27 persone fisiche e 18 persone giuridiche ed ammonta a circa 2,3 milioni di euro il valore dei beni mobili, immobili, aziende, quote societarie e disponibilità finanziarie proposti all’Autorità Giudiziaria per il sequestro, mentre sono stati confiscati beni per 75 mila di euro.

È continuata, altresì, la collaborazione istituzionale con le Autorità Prefettizie, quale fulcro del sistema di prevenzione antimafia in ambito provinciale.

Complessivamente sono stati eseguiti 977 accertamenti a seguito di richieste pervenute dai Prefetti della Repubblica per le verifiche funzionali al rilascio della documentazione antimafia.

Sul fronte della prevenzione, i Reparti della provincia hanno proceduto all’analisi di 162 segnalazioni di operazioni sospette, inoltrate da intermediari finanziari e professionisti ai sensi della normativa antiriciclaggio.

Nel contrasto al traffico di sostanze stupefacenti sono state sequestrate 4,5 tonnellate di marijuana.

In tema di sicurezza prodotti, di contrasto alla contraffazione, al falso made in Italy e all’illecito sfruttamento economico delle opere protette dal diritto d’autore, i Reparti cremonesi hanno eseguito 33 interventi, sequestrando poco meno di 6.800 prodotti insicuri e 111 prodotti contraffatti.

CONTROLLO DEL TERRITORIO E CONTRASTO AI TRAFFICI ILLECITI

Il controllo del territorio e delle vie di comunicazione che attraversano la provincia è assicurato, durante l’anno, da 1800 pattuglie impegnate nel servizio di pubblica utilità 117 e nel controllo economico del territorio, nonché da un dispositivo permanente di contrasto ai traffici illeciti che vede permanentemente impegnate diverse aliquote dei reparti presenti nella provincia.

I RICONOSCIMENTI

Al termine delle celebrazioni sono state consegnate le ricompense di ordine morale ai militari che si sono particolarmente distinti in servizio:

encomio solenne: tenente colonnello Marco Terenziani, maresciallo aiutante Umberto Ranalli, maresciallo capo Andrea Massari, maresciallo Alessandro Mariano, appuntato scelto Vincenzo Vadacca;

encomio semplice: tenente colonnello Giovanni Gervasi, capitano Vincenzo Ottaiano, tenente Anna Pezone, luogotenente Massimo Tuccia, luogotenente Giancarlo Polimeno, maresciallo aiutante Stefano Matruglio, maresciallo aiutante Guglielmo Pettinenza, maresciallo aiutante Michele De Benedictis, brigadiere capo Stanislao Viscosi.

La cerimonia si è conclusa con la preghiera del finanziere in ricordo dei militari caduti nell’adempimento del dovere cantata dal soprano Marina Morelli, accompagnata dal maestro Giorgio Pastorelli e dalla violinista Lara Celeghin dell’istituto Monteverdi di Cremona.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti