Spettacolo
Commenta

Tappa da Rivoltini e Bissolotti per
May, de "Il nostro agente in Italia"

E’ approdato a Cremona il nuovo programma del conduttore inglese James May, “Il nostro agente in Italia”, lo show di Amazon Prime Video che ha raccolto l’eredità e ha riunito i protagonisti di Top Gear, la storica trasmissione della BBC dedicata agli amanti dei motori e della velocità.

Per May, c’è stata una prima tappa in terra cremonese nell’azienda Dolciaria Rivoltini di Vescovato, per assistere e prendere parte alla preparazione del torrone, come racconta l’imprenditore Massimo Rivoltini.

“Il fatto di averlo incontrato in azienda – ci dice Rivoltini – è stato bellissimo, prima di tutto da fan ed estimatore di May stesso e di Top Gear: ha un approccio nel raccontare le cose in modo leggero, in azienda è arrivato con un grande staff, ma si è dimostrato molto affabile e si è messo subito in gioco preparando il torrone.

 “Dopo gli ho mostrato la mia collezione di modellini di Ferrari, l’ha apprezzato molto e qualche volta ha detto questa ce l’ho anche io, ma probabilmente intendeva quella vera (ride N.d.r). Una bella esperienza – conclude Rivoltini- che il mio lavoro mi permette di fare”.

Non poteva mancare una visita dedicata alla liuteria cremonese. Le telecamere di Prime Video sono quindi entrate da Bissolotti Violins per assistere alla creazione di un violino.

La serie James May: il nostro agente in Italia è distribuita e realizzata da Amazon ed è disponibile in streaming su Prime dal 15 luglio. Fin da dopo Top Gear il presentatore e giornalista James May ha legato il suo nome al suo lavoro di conduttore di programmi che esplorano vari aspetti della cultura, della tecnologia, della vita.

Da qualche tempo  si è specializzato in programmi di viaggio: dopo James May – Il nostro inviato in Giappone l’“agente” May accompagna gli spettatori nel belpaese dalla Sicilia alle Dolomiti, alla scoperta della cultura, ma anche dell’economia, degli aspetti sociali, e naturalmente del cibo, che caratterizzano il nostro paese, senza mancare di sottolinearne le contraddizioni. May si aggiunge così alle personalità internazionali attratte dal Belpaese e anche se forse è un programma più appetibile per un pubblico di forestieri, un punto di vista straniero sulle cose di casa nostra può rivelare sorprese e scoperte.

Lorenzo Scaratti

© Riproduzione riservata
Commenti