Cronaca
Commenta

Furti in farmacie tra Cremona Bergamo
e Brescia: forse banda minorenni

Fito di repertorio

Da alcune settimane sembra che una banda di ladri stia imperversando tra il Cremonese, la Bassa Bresciana e il Bergamasco, mettendo a segno colpi nelle farmacie. Difficile, ovviamente, dire se si tratti delle stesse persone, ma alcune similitudini sono piuttosto sospette, come ad esempio il fatto che, nei casi in cui i malviventi sono stati presi, si trattava ogni volta di minorenni.

A inizio novembre, i ladri avevano colpito a Romano di Lombardia, dove due giovanissimi sono stati arrestati in flagranza di reato durante il colpo, mentre ancora si sta indagando se attribuire a loro anche altri due colpi verificatisi nei giorni precedenti. Anche nel Cremonese i furti sono stati tre, tutti nella stessa notte, quella di domenica 6 novembre: in questo caso i primi due colpi sono avvenuti in città, nelle farmacie di via Giordano e via Giuseppina, mentre il terzo in quella di Bonemerse, dove poi sono stati presi, grazie ad una rapidissima indagine dei Carabinieri di Sospiro. Ma si sta lavorando anche per capire se sono attribuibili a loro anche gli altri due colpi.

Negli ultimi giorni, invece, terreno di caccia sembra essere diventata la Bassa Bresciana: due furti in una notte in altrettante farmacie di Manerbio. Modus operandi molto simile: i malviventi sono entrati forzando porte o finestre e hanno portato via i soldi del registratore di cassa. In questi ultimi due casi, per il momento nessuno sarebbe però stato arrestato, quindi difficile dire se si tratti effettivamente della stessa banda.

Certo è che, a fronte di questi numerosi episodi, il sospetto degli inquirenti è proprio che dietro vi sia in una vera e propria banda, presumibilmente di giovanissimi, che colpisce viaggiando per il territorio, in modo da ridurre il più possibile la possibilità di essere individuati.

Laura Bosio

© Riproduzione riservata
Commenti