Nazionali
I commenti sono chiusiCommenta

Ucraina, Russia: “Proposta pace Zelensky va verso continuazione ostilità”

(Adnkronos) – La proposta di pace di Zelensky per arrivare a un accordo di pace altro non è che un passo in direzione del proseguimento delle ostilità. A dichiararlo è stato il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, escludendo la possibilità di un ritiro della Russia dall’Ucraina entro fine anno. 

“Questi tre passi vanno nella direzione della continuazione delle ostilità”, ha affermato Peskov parlando del piano dei tre passi formulato da Volodymyr Zelensky. Un ritiro militare dall’Ucraina non è “ipotizzabile”, ha aggiunto Peskov, sostenendo che “l’Ucraina deve accettare le realtà emerse in questo periodo”. “Ci sono realtà che si sono materializzate a causa della politica perseguita durante gli ultimi 15 o 20 anni dai vertici ucraini e dall’attuale regime”, ha aggiunto il portavoce, citato dall’Interfax.  

“Queste realtà indicano che la Russia ha nuovi membri apparsi a seguito di referendum in quei territori. Senza tenere conto di queste realtà è impossibile fare progressi”, ha affermato, riferendosi alla decisione di Mosca di annettere le regioni ucraine di Donetsk, Luhansk, Kherson e Zaporizhzhia. 

Zelensky aveva descritto la sua proposta spiegando che uno dei passi prevedeva l’arrivo di più armi al Paese, un altro puntava a garantire stabilità finanziaria e sociale al Paese nel 2023, il terzo guardava a una nuova “diplomazia” che porti a un processo di negoziati per “fermare l’aggressione russa”. 

“L’Ucraina ha sempre guidato il processo di negoziazione e ha fatto tutto il possibile per fermare l’aggressione russa. Ora sentiamo che l’opportunità di usare la diplomazia per ottenere la liberazione di tutti i nostri popoli e di tutti i nostri territori è più vicina”, ha affermato, secondo una dichiarazione.  

Per questo il presidente ha proposto di tenere un “vertice speciale” per “determinare come e quando potranno essere applicati i punti della formula di pace ucraina” e ha chiesto ai leader del G7 di “dimostrare leadership nell’applicazione della formula di pace.  

“Se la Russia condurrà un ritiro delle sue forze dall’Ucraina, allora assicurerà una cessazione affidabile delle ostilità. Non vedo alcuna ragione per cui la Russia non potrebbe farlo ora, in tempo per Natale” ha detto Zelensky parlando ieri al G7 in collegamento video, secondo quanto riferisce il Guardian. 

“Perché la guerra sia breve, ci serve un maggior aiuto”, ha detto inoltre intervistato da David Letterman per uno speciale su Netflix.  

“Non posso dire con certezza quando finirà la guerra – ha affermato – Combattiamo per tutto il mondo. La cosa più importante è che gli Stati Uniti e la comunità internazionale non vacillino nel loro sostegno all’Ucraina… Gli Stati Uniti sono leader nel sostegno fornito. Senza di loro per noi sarebbe molto dura. La domanda su quanto durerà la guerra dipende interamente da questo sostegno. Perché (la guerra) sia più breve, serve un maggior aiuto”. 

© Riproduzione riservata
Commenti

I commenti sono chiusi.