Commenta

Mobilitazione contro la strada sudUna raccolta firme anche nei negozi di via Giordano

http://www.youtube.com/watch?v=ISS9PD1jEL0

Strada sud, continua la mobilitazione spontanea di cittadini contro l’infrastruttura che, partendo da via Navaroli-via del Sale con una rotonda attraverserà la campagna a ridosso della città nel parco del Morbasco per poi passare davanti alla chiesa di San Sigismondo e finire in viale Concordia e quindi di nuovo sulla Tangenziale. Un’opera da 15 milioni di euro voluta da Comune di Cremona e realizzata da Autostrade Centropadane. La mobilitazione tra chi vive a ridosso di via Giordano è molto forte. Passaparola, incontri, raccolta firme. Il Comune ha promesso il coinvolgimento dei cittadini sul progetto ma tutto pare ormai deciso ed acquisito. Per questa ragione il Comitato spontaneo “No-stradasud” ha chiesto ufficialmente all’Amministrazione di sospendere il progetto per permettere realmente una consultazione di residenti e non su un’opera pubblica che va ad intaccare una delle zone naturalistiche meglio conservate della città, uno sfogo nel verde che una strada di grande scorrimento come quella ipotizzata (una tangenziale) metterebbe a forte rischio. A mobilitarsi soprattutto sono quei cittadini con attività commerciali o residenti in via Giordano che temono di essere stretti in una morsa di traffico, preludio ad un ulteriore allargamento verso la campagna dell’abitato. Insomma via Giordano non sarebbe più la frontiera tra città e campagna ma il tutto verrebbe spostato più a sud con la strada, altre case, altri insediamenti industriali. Ecco nel video la raccolta di firme in uno dei negozi storici e più importanti di via Giordano, il Colorificio Piccioni che vede il titolare, Roberto Piccioni, in prima fila contro la realizzazione della strada.

© Riproduzione riservata
Commenti