Commenta

Calcioscommesse, in mattinata i deferimenti di Palazzi

calcio-evidenza

Le testimonianze, i documenti e gli incroci tra elementi hanno dato un gran da fare al procuratore della Figc Stefano Palazzi. Il procedimento della giustizia sportiva, nato dai risultati dell’inchiesta di Cremona sul calcioscommesse, ha subìto ieri, lunedì, un piccolo rallentamento. Grande la mole di lavoro: i deferimenti per società e calciatori coinvolti nello scandalo previsti in serata sono slittati ad oggi. Secondo quanto trapela potrebbero essere addirittura una quarantina, e dovrebbero arrivare in mattinata. Più delle società (tirate in ballo per la responsabilità oggettiva) rischiano i calciatori.

Obiettivo della giustizia sportiva è arrivare a una sentenza di primo grado entro la prima settimana di agosto. Il due dello stesso mese ci si attende l’udienza della commissione disciplinare.

I DETTAGLI

Il procedimento federale partito dall’inchiesta cremonese sul calcioscommesse sta per entrare nel vivo. Da Roma si attendono punizioni e penalizzazioni. E’  tra lunedì e martedì che sembra arriveranno ufficialmente i primi deferimenti per le società e i giocatori coinvolti nelle verifiche portate avanti dal procuratore della Figc Stefano Palazzi, che nelle scorse settimane, dopo aver preso in mano le carte dell’indagine ricevute da Cremona tramite il procuratore della RepubblicaRoberto di Martino, ha ascoltato una cinquantina di persone, tra giocatori, dirigenti e non tesserati immischiati nello scandalo.

Le società che sembrano rischiare (per via della responsabilità oggettiva) sono una quindicina. Tra loro ci sono anche l’Atalanta (neopromossa in serie A), il Chievo e il Lecce (entrambe pronte ad affrontare nuovamente la massima serie dopo la stagione appena conclusa). Sono però i singoli calciatori a tremare di più per i prossimi sviluppi di una vicenda che ha tirato in ballo (anche se per le pesanti accuse bisogna ancora utilizzare il condizionale) nomi eccellenti come quelli del capitano dell’Atalanta Cristiano Doni e dell’ex giocatore Stefano Bettarini. Accostati a figure meno note alla ribalta nazionale calcistica; vedi, ad esempio, l’ex portiere grigiorosso Marco Paoloni.

Pare che siano addirittura 40 i deferimenti in arrivo con l’azione del procuratore federale Palazzi. Di sicuro la volontà è chiudere al più presto. Martedì 2 agosto ci si aspetta l’udienza della commissione disciplinare, mentre prima dell’8 agosto, affrontati il dibattimento e la camera di consiglio, potrebbe già arrivare la sentenza di primo grado della giustizia sportiva.

 

© Riproduzione riservata
Commenti