Commenta

Pulicoop, trovato l’accordo tra la società e le sigle sindacali

pulicoop

Mercoledì l’accordo era fallito, questa volta no: l’intesa, relativa alla controversia insorta tra l’Azienda PULICOOP Cremona Società Cooperativa  – che ha avviato e parzialmente concluso con Consorzio Coesi due operazioni societarie relative all’affitto di ramo d’azienda per le pulizie civili ed industriali ed all’affitto di ramo d’azienda per le attività dell’ambiente – e le Organizzazioni sindacali CGIL, CISL e UIL, c’è stata.

All’incontro, presieduto dal Prefetto, Tancredi Bruno di Clarafond, erano presenti oltre ai rappresentanti della PULICOOP, anche esponenti del Consorzio COESI GROUP, il rappresentante della Direzione Provinciale del Lavoro e gli esponenti sindacali della CGIL, CISL e UIL.

Dopo ampia ed articolata discussione, le parti hanno sottoscritto due distinti verbali di accordo. Sinteticamente, nel primo verbale – sottoscritto tra la Pulicoop e gli esponenti sindacali in parola – sono state concordate le modalità relative al pagamento delle spettanze dei lavoratori dipendenti ed ex dipendenti di Pulicoop, maturate al 31 luglio 2011 e comunque all’atto della risoluzione del rapporto di lavoro qualora sia antecedente al 31 luglio 2011.

Nel secondo atto – sottoscritto, invece, oltre che da Pulicoop, anche da Coesi Group e dalle medesime organizzazioni sindacali – sono state definite, nello specifico, le modalità di trasferimento  d’azienda ai sensi dell’art. 47 della l. 428/90 e sono stati esplicitati gli aspetti del vincolo solidale esistente tra Cedente e Cessionario in merito al personale incluso nel trasferimento e gli aspetti disciplinati dall’art. 2112 c.c., nonché quelli economici relativi al personale trasferito.

Il Prefetto, infine, nel rendersi garante di quanto contenuto nei cennati verbali, si è impegnato, a seguito della presentazione di idonea, documentata informazione, ad intervenire nei confronti dei debitori della Pulicoop, al fine di ottenere il sollecito pagamento delle fatture già emesse.

© Riproduzione riservata
Commenti