7 Commenti

Ordine del giorno dei democratici: “Migranti, confronto in consiglio” E la Lega regala biglietti per i musei ai cremonesi

migranti

Il Partito democratico interviene sulla questione migranti. Lo fa con un ordine del giorno diretto al consiglio comunale, e lo fa a un paio di giorni dalle polemiche nate dalle parole del segretario provinciale della Lega, Simone Bossi, che dalle colonne del quotidiano La Provincia ha così commentato: “Prima pensiamo ai nostri”; praticamente immediata la risposta del parlamentare democratico Luciano Pizzetti: “Parole inaccettabili” (leggi l’articolo). Tutto è scoppiato dopo l’accoglienza dei profughi in Comune e l’annuncio dell’iniziativa che prevede per loro visite ai musei. Ora arriva anche un odg, firmato dai consiglieri Alessandro Corradi, Maura Ruggeri, Caterina Ruggeri e Annamaria Abbate, che più in generale intende porre l’attenzione sulla presenza di persone immigrate nel cremonese. Presenza che “troppo spesso viene sottaciuta per mantenere gli equilibri politici della maggioranza”, come affermato da Corradi. “E’ con forza dunque che richiamiamo l’amministrazione tutta e il consiglio comunale a prendere una posizione forte che metta al centro la persona nell’agire di chi fa politica – ha continuato Corradi – rendendo coerentemente onore alla tradizione solidaristica dei cremonesi e a chi quotidianamente si spende in modo professionale e a titolo di volontariato verso i più fragili siano essi giovani, anziani, italiani o stranieri”.

“Il tema dell’immigrazione, infatti, non può essere affrontato solo a partire dal ruolo degli immigrati per la vita economica del Paese, né può essere confuso con la questione della sicurezza e della legalità, oppure ridotto a un mero problema di autorizzazioni all’ingresso e alla residenza nei nostri confini”, si legge nel documento. “L’approccio rozzo ed ideologico della Lega Nord cremonese che si oppone ad iniziative apprezzabili della stessa Giunta di cui fa parte – prosegue il testo -, rischia solamente di fomentare sentimenti di rabbia e intolleranza, ponendosi così in modo irresponsabile ed in controtendenza rispetto a quello che da sempre è l’atteggiamento dei cremonesi”.

“A seguito degli ultimi e frequenti arrivi sul territorio cremonese – conclude l’ordine del giorno – si impegnano il Sindaco e gli assessori  ad avviare un percorso di confronto con il consiglio comunale, attraverso  le commissioni competenti ed aperto ai soggetti attivi nel campo degli interventi destinati ai migranti, riguardo:  il sostegno e le iniziative messe in campo per l’accoglienza dei migranti provenienti da Lampedusa, le politiche e le iniziative che si occupano dell’accoglienza di precise categorie di migranti (minori stranieri non accompagnati, donne sole, rifugiati e richiedenti asilo), le politiche a sostegno dell’integrazione dei migranti in generale”.

LA LEGA: BIGLIETTI GRATIS PER I MUSEI AI CREMONESI

Di seguito il comunicato del Carroccio sulla questione migranti:

Premesso che nessuno di noi ha attaccato o suggerito ne alla “Caritas” ne alla “Casa dell’accoglienza” quale sia la loro missione sociale.
Anzi addirittura non sono stati nemmeno lontanamente citati nelle nostre dichiarazioni apparse sui quotidiani, poi regolarmente manipolate e strumentalizzate dai vari esponenti politici di sinistra e da quanto letto non solo di sinistra, di turno.

Facciamo invece buon uso delle dichiarazioni odierne raccogliendo il suggerimento regalatoci oggi da chi ci contesta: “Il leghistissimo sindaco Tosi li fa addirittura lavorare”.
Bene. Facciamolo anche noi, questa ci sembra un’ottima soluzione preso atto che lo stato gli paga vitto e alloggio. Nelle prossime settimane ci piacerebbe vederli impegnati in lavori socialmente utili, visto il grande sforzo che il nostro paese sta facendo grazie all’impegno messo in campo dal ministro Maroni per garantire loro asilo politico, che, se veramente Libici, hanno tutto il diritto di avere.

Quello che invece non possiamo politicamente accettare è che vengano ricevuti in pompa magna al suono di archi e violini nelle sale comunali e che gli si conceda di visitare gratuitamente i nostri musei in segno di un finto buonismo che ha veramente ormai nauseato anche gli stomaci più pazienti. Come segreteria Provinciale Lega Nord sabato mattina saremo in Piazza Roma con un gazebo, per regalare con un piccolo gesto simbolico alcune decine di biglietti pre-pagati per visitare i musei cremonesi dalle ore 10.oo alle ore 13.00 ai cittadini cremonesi che si presenteranno.

Speriamo solo che tra le  prossime iniziative dell’ “assessore alla cittadinanza” del comune di Cremona non ci sia una gita di piacere a Gardaland perchè autotassarci anche per quello ci risulterebbe un pò troppo caro.

Lega Nord Segreteria Provinciale


 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • silvestro caira

    Noi della Lega siamo davvero egoisti e ignoranti, come ci conferma il
    Pizzetti di turno. Il nostro Bossi, Simone, abituato a contare i soldi
    perché li suda, come la stragrande maggioranza degli italiani, ha detto
    un paio di parole tanto evidenti da sembrare banali ( per l’onorevole
    ovviamente) , sull’accoglienza trionfale riservata in Comune agli
    immigrati, che stanno abituando a considerare l’Italia la grande madre
    d’Europa ( naturalmente da mungere ). Che i soldi, oltre a costare, a
    chi lavora , naturalmente, non sono infiniti e prima di dividerli, con
    le precedenze esatte , bisogna guadagnarli.
    Comprendiamo peraltro che chi, come il Pizzetti, questo percorso di sudore non lo comprenda e veda solo la facilità della distribuzione, con cui in genere si fa bella figura sulla pelle degli altri, cremonesi e immigrati.
    L’onorevole già che c’è, si permette giudizi morali e culturali su una
    maggioranza di destra che a suo giudizio non tiene, e ci potrebbe
    essere anche del vero, lo ammettiamo, grazie alle manovre sue e dei
    suoi compari.
    Ma noi leghisti non ce la facciamo a competere in finezza
    intellettuale col Pizzetti, preferiamo scendere sul pratico.
    Ci spieghi che ha fatto il possibile per il nostro territorio, ma purtroppo, per colpa di Berlusconi, si fa senza dire, non ci sono soldi. O meglio, i pochi rimasti sono andati ai nordafricani, ai nostri disoccupati l’orgoglio della buona azione, ai nostri poveri operai e pensionati pagare e tacere.

  • fortuna che l’art. 9 della nostra costituzione promuove (e tutela) il patrimonio culturale del paese, fortunati i nostri avi emigranti che nel loro andare, anche per fare “grande” e promuovere la cultura di questo paese, conobbero sì stenti e povertà, ma anche tanta gente che non negò mai loro rispetto e dignità.
    ps: se non sbaglio ingresso e visita dei palazzi comunali è libbbero e agggratis, altrettanto i musei di storia naturale e archeologico…
    oops… anch’io non ho mai pagato, forse sono altrettanto perseguibile… 😛

  • carlo cattaneo

    Una volta ce l’avevano duro, una volta erano secessionisti, una volta erano duri e puri, adesso sono ragazzi tutti d’un prezzo… mah.

    • Alessandro

      Dal comunicato stampa dell’Assessore CERASO:Il maestro Antonio De Lorenzi ha loro illustrato la Collezione “Gli archi di Palazzo Comunale” e ha fornito informazioni sui violini. E’ seguita quindi l’audizione di uno di essi, molto apprezzata dai presenti.

      COSTO TOTALE x PERSONA: 9 euro! OVVIAMNETE SOLO X I CREMONESI!
      ALLA FACCIA CHE SONO GRATIS!

      Dal sito: http://musei.comune.cremona.it/PostCE-display-ceid-2.phtml

      Collezione “Gli archi di Palazzo Comunale”
      Palazzo Comunale
      Piazza del Comune, 8
      Sale espositive:
      tel 0372 407033 – fax 0372 407268
      e-mail: museo.archi@comune.cremona.it
      Biglietteria/Book-shop:
      tel 0372 803618
      e-mail: bookshopcr@gmail.com
      Si informa che la biglietteria/bookshop della Collezione civica “Gli Archi di Palazzo Comunale” resterà chiusa dal 4 luglio al 21 agosto 2011.
      I biglietti d’ingresso potranno essere acquistati alla Libreria Cremonabooks in Largo Boccaccino 12/14 – tel. 0372 31743.

      Biglietti e orari
      intero € 6,00
      ridotto € 4,00
      apertura: dal martedì al sabato 9 – 18, domenica e festivi 10 – 18
      chiusura: lunedì
      (con eccezione del lunedì di Pasqua, aperto con orario festivo 10.00/18.00, e dei mesi di
      Aprile-Maggio-Giugno-Settembre-Ottobre in cui sarà osservata l’apertura feriale 9.00/18.00),
      1 gennaio, 1 maggio, 25 dicembre.

      AUDIZIONI MUSICALI
      È possibile assistere ad una audizione degli strumenti della Collezione con una maggiorazione
      sul prezzo del biglietto di ingresso: € 3,00 su un biglietto intero/ridotto/cumulativo; € 2,00 nel caso di scolaresche.
      È richiesta la prenotazione con almeno 15 giorni di anticipo.
      Contattare la Biglietteria/Book-shop per la prenotazione e ulteriori informazioni su modalità e orari.

  • Alessandro

    Dal comunicato stampa dell’Assessore CERASO:Il maestro Antonio De Lorenzi ha loro illustrato la Collezione “Gli archi di Palazzo Comunale” e ha fornito informazioni sui violini. E’ seguita quindi l’audizione di uno di essi, molto apprezzata dai presenti.
    COSTO TOTALE A PERSONA X I CREMONESI: 9 euro! ALLA FACCIA CHE SONO GRATIS!

    • Alessandro

      Ovviamente se sei SOCIO COOP LOMBARDIA paghi il biglietto ridotto!!!

  • ‘illustrare’: «dar chiarezza, splendore, dichiarare e spiegare scritti e/o monumenti»… anche a distanza di migliaia di km.
    quando nel luglio scorso, sempre presso la medesima sala della consulta del palazzo comunale, ancora lo stesso maestro de lorenzi, che lì presta la sua opera, ha suonato lo ‘strady’ del 1715 alla prima ballerina dell’opéra di parigi eleonora abbagnato, nessuno ha fiatato, anche lei ha udito aggratis, e magari le sono state pure ‘illustrate’ le bellezze di cremona, che per mancanza di tempo, e opportunità, non ha potuto visitare in ‘presa diretta’… 😛