Commenta

Una decina di attivisti dei Centri socialiattaccano e distruggono il gazebodella Lega ai Giardini. Volano botte

Gazebo-evidenza

Un commando di una decina di giovani dei Centri Sociali, intorno a mezzogiorno, ha distrutto il gazebo della Lega in piazza Roma installato per protestare contro l’accesso gratuito ai violini del Comune da parte dei profughi libici. I militanti del Carroccio hanno reagito e sono volate botte: pugni, schiaffi e randellate usando l’anima d’acciaio del gazebo distrutto. Poi gli aggressori si sono dati alla fuga sempre dal lato taxi di piazza Roma, da dove erano spuntati. Erano una decina – tutti abbastanza giovani  tra cui una ragazza – e hanno lanciato un sacchetto contenente sterco poi si sono buttati a peso morto sul gazebo distruggendolo. Al momento dell’attacco non erano presenti forze dell’ordine. Successivamente sono intervenuti carabinieri, polizia e Digos. Rabbia dei militanti leghisti presenti che hanno reagito mettendo in fuga gli aggressori ed usando parole forti sulla situazione della legalità a Cremona. Durissimo Alessandro Carpani anche nei confronti dell’assessore leghista Alessandro Zagni: “Guarda cos’è successo – ha urlato Carpani – è anche colpa tua e del sindaco”, quasi a voler ribadire una rottura che pare ormai insanabile. Simone Bossi, segretario provinciale della Lega, è andato in Questura a presentare formale denuncia. Non dovrebbe essere difficile riconoscere gli aggressori da parte delle forze dell’ordine perché le telecamere dei giardini pubblici avrebbero ripreso l’attacco.

© Riproduzione riservata
Commenti