6 Commenti

La prostituzione guarda al Maristella “Lucciole” fanno comparsa nel quartiere

prostitute

Ora le “lucciole” si fanno ora vedere anche al quartiere Maristella, una zona non certo abituata a questo tipo di fenomeno. Diverse segnalazioni sono arrivate nei giorni scorsi, e la presenza ha trovato conferma. La prostituzione guarda adesso a quell’area che si sviluppa attorno a via Persico. Le “lucciole” fanno la loro comparsa soprattutto nel week-end, ma sono state notate anche in altri giorni della settimana negli ultimi tempi.

L’attenzione delle forze dell’ordine resta comunque alta. Servizi notturni rivolti proprio alla problematica prostituzione sono stati organizzati più volte nel corso di questi mesi, soprattutto dove il fenomeno appare più radicato: ovvero lungo la via Mantova.

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Vincenzo Montuori

    Rispetto a questa notizia, ci si chiede dove sono andati a finire i controlli stradali a tappeto promessi dall’assessore Zagni per arginare il fenomeno della prostituzione di strada; che poi il problema non sono tanto e solo le prostitute, ma i clienti che ci vanno. Proporrei di appoggiare la proposta, apparsa sui media oggi, di quel grande maitre a penser che è l’on. Salvini, leghista rampante di Milano, il quale, forse dimenticando che in Italia esiste una tal legge Merlin per cui la prostituzione è illegale, propone di tassare le prostitute in modo che, con il loro lavoro,esse possano contribuire allo sviluppo della ricchezza nazionale. Ma scherziamo!? Ma vi pare possibile che qualcuno se ne venga fuori con queste proposte di finanza creativa, quando il problema in Italia è scovare i grandi e piccoli evasori fiscali e ridurre i costi della politica? (Faccio presente che i contribuenti lombardi pagano lo stipendio di consigliere regionale al figlio di Bossi, alias Trota, che è stato bocciato tre volte, dico tre volte, all’esame di stato). Ma andiamo!

  • anatra

    Non si può limitare la libertà individuale degli automobilisti, paghiamo tanto di assicurazione, superbollo, e poi ? Ci multano perchè ? Che danno possiamo dare al comune ? Non inquiniamo e non sporchiamo e non facciamo del male a nessuno,ok ? Il vero problema sono i delinquenti alla regia di questo mercato, vanno bramati con sistemi seri e definitivi, al diavolo il perdono e stronzate varie di indole cattolica. E cmq, se volete rovinare dei matrimoni o storie importanti con ste multe ingiuste, siete sulla “strada” buona. Cate..pensateci..

  • anatra2

    Create posti di lavoro e non perdiamo tempo con le bagashe, oppure, xkè il comune non istituisce servizi dentistici gratis x gente disoccupata o povera ? Queste sono cose serie da considerare, lasciate perdere chi batte che non fa del male a nessuno, casomai solo del bene, e se vi dan fastidio, giratevi dall’altra parte o guardate la strada, è così ke poi succedono gli incidenti. Voglio una risposta. By Anatra2

  • taxidriver

    l’aspetto interessante è che i magnacci non li beccano mai, chi ci va di mezzo è sempre il poverino che lavora onestamente e non nuoce alla società, chi lo sa , forse, è un soggetto di serie B…poi se ste cose le si dice davanti aqualcuno, se la prende pure ! Controllate le discoteche, che li dentro si fa a pugni per una ragazza, ke tristezza la vita !

  • taxidriver

    Stanno prendendo per il culo il cittadino.

  • Beppe Malerba

    Cosa? La legge Merlin stabilisce che la prostituzione è illegale? Ma cosa vai dicendo, razza di ignorante? Informati, prima di dire fesserie.
    La prostituzione in Italia non è affatto illegale. Ad essere illegale è lo sfruttamento, e tutti i vari reati collaterali.
    Questa campagna volta ad “arginare il fenomeno” ha davvero del ridicolo.