Commenta

Per una famiglia cremonese su quattro qualità della vita non soddisfacente Ma in Lombardia si sta meglio che altrove

Famiglia-Evidenza

I soldi non fanno la felicità, eppure da un uno studio condotto dall’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza emerge la forte correlazione tra la percezione di benessere e felicità e il proprio reddito. In Lombardia, per esempio, solo se le entrate al mese per famiglia sono comprese tra i 1.500 Euro e i 2.000 Euro si può pensare di essere ottimisti. L’indice della felicità, su redditi e spesa medi, varia da regione a regione: se in Lombardia occorrono, quindi, almeno 1.500 Euro per non essere infelici, come in Veneto e in Emilia Romagna, in Piemonte  la soglia è di 1.400 Euro, servono 1.300 Euro per la Toscana ed il Lazio, 1.200 per la Liguria. La soglia scende fino a 1.000 Euro per la Campania e bastano 900 Euro in Sicilia.

Andando più nel dettaglio, in Lombardia, complessivamente quasi 270mila famiglie, residenti nei Comuni capoluoghi lombardi, si fermano al di sotto della soglia della felicità, che vale almeno 1500 Euro netti al mese. Per 1 famiglia lombarda su 4 la qualità della vita non è soddisfacente. Il reddito “pesa” soprattutto sulla “gratificazione” in campo professionale: i lavori meno pagati sono anche meno gratificanti, registrando un gradimento di 6,1 contro il 7,3 dei più retribuiti. E 1 lombardo su 5 è insoddisfatto della propria situazione professionale. Anche se complessivamente la qualità della vita percepita in Lombardia è superiore non solo alla media nazionale ma anche al dato registrato in Spagna e in Francia, ed in linea con la Germania. Unico rifugio per le famiglie a basso reddito resta la casa, la gratificazione per la propria abitazione va infatti al di là del proprio grado di “benessere economico”, con un valore di soddisfazione superiore all’8. Stessa cosa vale per il quartiere, con gradi di soddisfazione inferiori a quelli della casa ma comunque omogenei rispetto alla situazione economica della famiglia (da 7,3 a 7,4). Monza è la città dove le famiglie risultano meno infelici: solo il 22,3% dei nuclei familiari risulta al di sotto della soglia della felicità, poi c’è Milano con il 23,8% di “infelici”, quindi Bergamo (24%). Cremona è fra le città lombarde infondo alla classifica a pari merito con la vicinea Mantova e Como. In città si stima che 8.800 siano le famiglie sotto la soglia di infelicità, pari al 26% circa. Leggermente peggiori i dati di Mantova, 26,1% e Como al 26,3%. Peggio di noi soltanto Brescia, la cui percentuale di infelicità è pari al 28,5% delle famiglie corrispondente a 26.500 fuochi al di sotto dei 1500€ di rettito. L’indice di felicità è stato realizzato con metodo CATI su un campione rappresentativo di famiglie lombarde, tenendo conto di 4 indici sintetici relativi a giudizi ed aspettative sulla propria casa, la propria città, il proprio lavoro e la complessiva soddisfazione rispetto alla qualità della vita. Emerge da una stima  dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza a partire dalla indagine “Famiglie e consumi. Monza e Brianza e Lombardia”, realizzata dalla Camera di Commercio di Monza e Brianza, con il coordinamento scientifico di Ref-Ricerche per l’economia e la finanza e in collaborazione con DigiCamere, e su dati Istat e Ministero dell’Economia e delle Finanze. «La criticità della situazione internazionale – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli, Presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza – si accompagna oggi ad una condizione di incertezza economica delle famiglie, per le quali sono necessari interventi indirizzati alla tutela dei loro  risparmi e all’incremento della loro capacità di spesa, condizioni indispensabili per far ripartire i consumi. Del resto, le famiglie rappresentano il fondamento per il rilancio della nostra economia e la condizione per gli investimenti delle imprese».

Lo studio ha anche tracciato una stima complessiva di alcuni capoluoghi dello stivale delineando un gradiente di felicità che dal nord aumenta man mano che ci si sposta al sud dove la vita costa meno e dove è sufficiente un reddito più basso per “essere felici”. Infatti Analizzando alcuni capoluoghi, le famiglie italiane vivono meglio a Firenze, dove solo il 18,9% delle famiglie è al di sotto della soglia della felicità. Il capoluogo toscano precede Genova (21,1%) e Palermo (21,8%). A Napoli le famiglie infelici rappresentano il 22,8% del totale. A Milano, Bologna e Roma è infelice circa 1 famiglia su 4, rispettivamente il 23,8%, il 24,2% e il 25,2%. A Torino e a Verona la felicità “costa” davvero cara: è infelice il 27,2% e il 27,6% delle famiglie.

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti