Un commento

TALENTI CREMONESI ALL’ESTERO (10) Stefano Ghidetti, 32enne in Inghilterra:«Birmingham offre molto, tornerei in Italia ma il problema è il lavoro»

stefano-ghidetti

Stefano Ghidetti è un cremonese di 32 anni dei quali gli ultimi dieci trascorsi all’estero. Stefano è partito subito dopo il diploma da operatore turistico conseguito all’istituto Einaudi. All’inizio l’idea era semplicemente quella di andarsene per un po’ per imparare una lingua per poi tornare a lavorare nel settore turistico in Italia, ma il caso ha voluto che Stefano dopo più di dieci anni non sia ancora tornato.
Tranne un parentesi spagnola non particolarmente esaltante – a Barcellona e Gibilterra – Stefano ha vissuto sempre in Inghilterra.
I primi annni sono trascorsi studiando, poi Stefano è entrato nel mondo del lavoro, ha lavorato per una catena di alberghi, dopodiché è entrato nel ramo dei lavori bi-lingue alle dipendenze di una grossa multinazionale occupandosi di ricerche di mercato e servizio clienti per il settore italiano. Oggi Stefano è manager a La Scala (lascalasutton.com), un nuovo ristorante vicino a Birmingham, nella zona dove vivono calciatori di Aston Villa, West Bromwich Albion, Wolverhampton Wanderers e altre personalità di spicco inglesi.
«In questi dieci anni sono tornato spesso a casa, anni fa alternavo tre o quattro mesi a casa in estate – facendo il bagnino – e otto o nove mesi in Inghilterra. La nostalgia di casa è tanta, specialmente per la mia famiglia che vive a Malagnino. L’Inghilterra però offre ancora molto, mentre in Italia, e sopratutto a Cremona, le chance sono limitatissime. Non escludo un rientro in un prossimo futuro anche se questo andrebbe ponderato bene. Qui si vive bene, la gente è tranquilla e non ti giudica solamente per il tuo aspetto. L’unica cosa che penalizza è il clima, ma questo lo sapete anche voi che vivete in Italia. Da quando sono all’estero la vita, nel quotidiano, non è cambiata più di tanto, cerco di mantenere dei ritmi italiani soprattutto negli orari dei pasti. Ciò che è cambiato è il modo di pensare, ora penso in Inglese e vedo le cose sotto un altro punto di vista».
Pur vivendo in Inghilterra da molti anni, Stefano non ha mai perso di vista il suo Paese e nemmeno la sua città, ne segue le vicende regolarmente attraverso il web e i canali satellitari tenendosi informato il più possibile. Stefano parla con nostalgia di Cremona e dell’Italia, la scelta di vivere all’estero è dettata solamente dalle opportunità lavorative che al momento sembrano non esserci: «Penso che Cremona sia una splendida cittadina a misura d’uomo dove però bisogna adattarsi ai ritmi e alla mentalità della gente, dove le opportunità lavorative sono poche o nulle e dove è difficile, se non impossibile, imporsi con nuove idee d’impiego. Quando torno i primi giorni sono sempre belli dove ritrovi o riscopri le piccole cose che ti sono tanto mancate, dopo tre o quattro giorni sembra quasi  di non essere mai andato via. Tornerei volentieri a vivere in Italia, il problema è riuscire a trovare un lavoro».
E se fosse rimasto a Cremona Stefano? «Sicuramente avrei tentato in qualche struttura alberghiera o agenzia turistica».

Se siete o conoscete cremonesi all’estero che vogliono partecipare alla nostra rubrica, scrivete a redazione@cremonaoggi.it.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • elia

    complimenti per aver reso pubblica la tua preziosa esperienza di vita ,condivido le tue perplessità sulle possibilità di trovare lavoro a Cremona. auguri e buona fortuna . elia Sciacca