Commenta

Piazza del Duomo gremita per il concerto dei giovanissimi musicisti da Bogotà, sul palco insieme agli studenti del conservatorio di Trento

concerto4

Piazza del Duomo affollatissima giovedì sera per “La via dei concerti”, esibizione dell’Orchestra Sinfonica Giovanile Batuta di Bogotà insieme agli studenti del Conservatorio di Musica Bonporti di Trento. Novanta giovanissimi musicisti in un unico suono per un concerto dal repertorio sinfonico e latinoamericano davvero di grande spessore e qualità artistica. In tanti a seguire l’evento dai gradini del Duomo e dalla platea.
Capriccio italiano op. 45 di Tchaikovski per iniziare. Poi Verdi (La forza del destino), La botique fantasque di Rossini-Respighi e La danza ungherese di Brahms. Melodie latine, poi, con Huapango di Josè Pablo Moncayo, Patasdilo di Carlos Vieco, San Pedro en el Espinal di Milciades Garavito. Per concludere, i novanta musicisti da Bogotà e da Trento hanno eseguito Mi Buenaventura di Petronio Alvarez e Carmentea di Miguel Angel Martin. Fiati, violini, percussioni suonati in un’unica voce.

L’Orchestra Sinfonica Giovanile Batuta di Bogotà, diretta dal Maestro Juan Felipe Molano, già laureato con lode al Conservatorio di Vienna, è nata nel 2002 come spazio accademico di incontro e di sviluppo musicale, oggi è composta da 70 giovani musicisti di età compresa tra gli 12 e i 21 anni. L’ OSJB è in Italia fino al 10 settembre, partecipando dapprima al Festival Internazionale della Gioventù della Casa Montagna di Ferriere (Pc), con concerti nelle piazze dei Comuni Piacentini di Fiorenzuola D’Arda e Castelverde (Cr), esibendosi poi in concerti a Salsomaggiore, Busseto, Piacenza, Cremona, Trento, Verona, Firenze e Roma, che si terranno nelle piazze o nei palazzi di maggior prestigio. La direzione della Tournè italiana sarà seguita dal maestro Julian Lombana, direttore della Orchestra Sinfònica del Conservatorio di Trento.

 

© Riproduzione riservata
Commenti