Un commento

Oggi sciopero Cgil contro la manovra Corteo dal Cittanova fino in Piazza Roma

cgil

La Cgil cremonese si aspetta una presenza numerosa allo sciopero organizzato per oggi. Un corteo che parte alle 9.30 da palazzo Cittanova e sfila per le vie del centro fino ai giardini di Piazza Roma. Qui, gli interventi dei rappresentanti sindacali, in primis Corrado Baracchetti, segretario regionale scuola. «La scorsa settimana – dice il segretario cremonese Mimmo Palmieri -, abbiamo organizzato una riunione straordinaria con 400 delegati. Se confermiamo i numeri, la partecipazione allo sciopero si preannuncia elevata». Ultimo nodo in questione, l’emendamento approvato in Commissione Bilancio del Senato in base al quale un accordo a livello aziendale o territoriale, raggiunto a maggioranza dai sindacati più rappresentativi, sarà sufficiente per licenziare. «Le recenti cronache – continua Palmieri – confermano la nostra scelta: sappiamo che chiediamo ai lavoratori di perdere una giornata di lavoro in un momento così critico, ma crediamo che sia importante scendere in piazza quando la Manovra è ancora in itinere».
«Rispettiamo la scelta delle altre sigle sindacali di non aderire allo sciopero, ma non la condividiamo – dichiara Palmieri -. La Manovra del Governo è iniqua e negativa per tutti: famiglie, sindaci, regioni, pensionati e lavoratori dipendenti. Serve una lotta seria all’evasione fiscale e la patrimoniale per i ricchi. In quest’ottica sfiliamo domani. Non siamo il sindacato che fa sciopero solo per fini politici, manifestiamo affinché non continuino a pagare le persone che hanno già dato».

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Cantiere dell’Ulivo

    COSTRUIRE L’ALTERNATIVA PER SALVARE IL PAESE

    Ovunque ci sia una iniziativa o una manifestazione contro questo governo e contro questa assurda manovra economico-finanziaria il Cantiere dell’Ulivo ci deve essere e ci sarà.

    Siamo impegnati a far crescere l’alternativa. Ci mettiamo in gioco perché maturino le condizioni di una concreta alternativa di governo per salvare il Paese.

    In questo quadro saremo al fianco dei lavoratori e dei cittadini impegnati nello sciopero generale di martedì 6 settembre.

    E ci uniamo a loro nel richiedere l’abrogazione dell’art. 8 della manovra che non risolve alcuna delle gravi questioni economico-finanziarie oggi in gioco e che viene giustamente vissuto come una inaccettabile vendetta sociale della destra al governo.

    Associazione nazionale “Cantiere dell’Ulivo”
    http://www.cantieredellulivo.it