Commenta

Deceduto mons. Sergio Mutti È stato presidente Caritas cremonese e vice segretario della Caritas italiana

mutti

È deceduto presso Cremona Solidale poco prima delle ore 20 di martedì 1° novembre, solennità di Tutti i Santi, mons. Sergio Mutti, classe 1930. Dal febbraio scorso lottava con la malattia che lo aveva costretto al ricovero prima presso la casa di cura Ancelle della Carità di via Aselli e poi nella struttura geriatrica di via Brescia. Presidente della Caritas cremonese dal 1972 al 1984, prima vicepresidente, poi vice segretario generale della Caritas italiana. La camera ardente sarà allestita alle Ancelle già nella tarda mattinata di mercoledì 2 novembre. Le esequie, presiedute dal vescovo Lafranconi, saranno celebrate venerdì mattina alle 9 in Cattedrale. Il sacerdote, canonico onorario del Capitolo, sarà tumulato nel cimitero di Goito (Mn), suo paese natale.

Biografia di mons. Sergio Mutti

Mons. Sergio Mutti era nato a Goito (Mantova) il 9 agosto 1930 ed era stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1957, la sua prima Messa la celebrò a Viadana. Fu  vicario a Dosolo per due anni poi fu trasferito a San Pietro al Po econtemporaneamente fu addetto dell’ufficio amministrativo della Curia (1959-1964). Nel 1964 fu scelto come delegato Oda, Cassiere della Curia e direttore dell’Opera di Religione S. Omobono, incarichi che mantenne fino al 1984. Nel 1972 fu nominato presidente della Caritas cremonese e contemporaneamente vice presidente della Caritas italiana, incarichi che mantenne fino al 1984. Dal 1979 al 2010 è stato anche canonico effettivo del Perinsigne Capitolo della Cattedrale di Cremona. Dal 1984 al 1986 fu vice segretario generale di Caritas Italiana e al 1986 al 1992 direttore amministrativo di Caritas Italiana. Dal 1991 al 1994 è stato consigliere del segretario generale della Cei, mentre dal 1992 al 2007 ha ricoperto l’incarico di tesoriere della fondazione Migrantes. In diocesi dal 1994-1996 è stato economo del Seminario vescovile e dal 1997 al 2005 responsabile dell’ufficio di pastorale sanitaria; infine dal 2001 al 2010 ha guidato, come presidente, l’istituto diocesano per il sostentamento del clero. Dal 13 novembre 2010 era canonico onorario del perinsigne capitolo della Cattedrale.

 

© Riproduzione riservata
Commenti