Un commento

I giovani e il futuro alimentare, incontro all’Istituto Stanga con il presidente di Slow Food

roberto-burdese

Giovedì 10 Novembre alle ore 10 presso l’Aula Magna dell’I.I.S. Stanga in Cremona con Roberto Burdese (nella foto), presidente di Slow Food Italia e gli studenti dello Stanga, sul tema ” I giovani protagonisti del futuro alimentare tra tutela della biodiversità, del territorio e del sistema rurale”. A seguire l’intervento di Paolo Ferrarini che presenterà i corsi dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo (Cn) e le relative opportunità in ambito agroalimentare. L’incontro è aperto alla cittadinanza.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • claudio rambelli

    Intervento di ampio respiro davanti ad una platea gremita ed attenta . I temi fondamentali dell’intervento si riassumone della frase ” il mestiere più importante per il futuro sarà fare cibo e quindi fare agricoltura ” . Indissolubile il legame tra agricoltura e cibo , tutela della salute e tutela del territorio . La buona agricoltura ha la possibilità di guidare la nuova economia , quell’economia che nascerà dalle ceneri dell’economia basata solo sulla finanza .Non è quindi assurdo ipotizzare che ” un contadino sarà lo Steve Jobs del futuro “.
    Il Presidente di Slow Food ha poi consigliati i ragazzi a continuare a studiare , se possono ; a viaggiare , anche in Italia , per vedere e fare altre esperienze di agricoltura ; di imparare a cucinare e degustare il cibo e di fare rete , tra loro e con le associazioni che a vario titolo si occupano di cibo e modo di produrlo .