Commenta

IL SONDAGGIO Patrimonio inutilizzato? Il Comune non lo venda (56%)

evidenza-sondaggio

Affittare, mettere a reddito. Togliere le ragnatele da quei 160 garages e da quelle 406 unità immobiliari che da anni attendono un intervento. I lettori di Cremonaoggi rispondono così al sondaggio sull’utilizzo degli immobili “dimenticati” di proprietà comunale. Il 56% dei votanti ritiene che l’amministrazione debba affittare i beni immobili inutilizzati, mentre il 41% pensa che l’amministrazione ne debba alienare il più possibile. Solo il 3% sceglie di lasciare la situazione allo stato attuale.

Tra i commenti, la proposta interessante di Gilberto: «So che negli Stati Uniti questi immobili comunali sfitti possono essere concessi in comodato d’uso a realtà di imprenditorialità giovanile che hanno l’obbligo di ristrutturare e mantenere l’immobile. In questo modo l’amministrazione mantiene in buono stato i propri immobili a costo zero, e dà una spinta concreta all’imprenditorialità giovanile locale: due piccioni con una fava! Tutti dicono Cremona è vecchia ma se non ci sono idee nuove e motivazioni per far star qui in nostri “cervelli” lo sarà sempre di più».

Annamaria, invece, riflette sulle cause: «Tanto per cominciare sarebbe interessante sapere perchè sono sfitti questi appartamenti e garage. Se si tratta ‘solo’ di questioni burocratiche, ci vuole un attimo a riempire gli appartamenti, visto il bisogno di case a prezzi civili. Rimane senza risposta la domanda fondamentale: con tanti appartamenti (e non solo) vuoti, da affittare o da vendere, comunali o di privati, come mai si continua a costruire?».

Nel complesso, ammonta a 580 milioni di euro il patrimonio immobiliare di proprietà del Comune. La “fotografia” degli immobili è stata presentata alcuni giorni fa in Commissione Vigilanza. In tutto, il Comune possiede 377 garages e 1.117 unità immobiliari. A far discutere, è proprio quella significativa quota di immobili abbandonati – un dato ancor più stridente se si pensa al crescente bisogno evidenziato dallo stesso Perri in Commissione. “Ci sono troppi appartamenti sfitti – ha osservato il sindaco – e vorrei capire perché. C’è un elenco di famiglie che chiedono casa, è doveroso da parte nostra essere presenti sui bisogni della gente”.

Ora che il quadro è completo grazie alla ricognizione effettuata in questi mesi dai consiglieri Romani e Borsella, tocca all’amministrazione recuperare, valorizzare e far fruttare il suo patrimonio.

© Riproduzione riservata
Commenti