Ultim'ora
31 Commenti

Finti matrimoni, denuncia in Procura per Marussich e Ventura

Mirella Marussich

Il caso dei finti matrimoni finisce in Procura. Sulla vicenda è stata presentata una denuncia penale per il reato di usurpazione di titoli nei confronti dei consiglieri Mirella Marussich e Marcello

Marcello Ventura

Ventura (entrambi del Pdl). La denuncia è stata presentata questa mattina dall’avvocato Luca Curatti su incarico di Elia Sciacca, concittadino piuttosto noto per il suo impegno sul fronte civico e politico.

Non si tratta, tiene subito a precisare l’avvocato Curatti, di una questione politica. “Quella che ho consegnato stamattina – questo il commento del legale – è una denuncia penale per valutare la sussistenza di reati penali. Nulla più. Si chiede di indagare le persone indicate per valutare se sussistano profili penali in relazione ai fatti che tutti conosciamo. Non c’è alcuna valutazione politica, sociale, morale, etica e nemmeno se ne fa una questione amministrativa”.

Il caso è noto e risale alla metà di settembre, quando Cremonaoggi ha dato la notizia del matrimonio-farsa celebrato dalla consigliera Marussich con fascia tricolore all’agriturismo Relais Convento. Nel polverone alzatosi dall’uscita della notizia è emerso che l’episodio era tutt’altro che isolato e che, nei mesi precedenti, la stessa cosa ha fatto il consigliere Ventura.

A far discutere, in particolare, l’utilizzo della fascia tricolore – artigianale, a quanto dichiarato da Marussich – e il fatto che i matrimomoni venissero replicati in un comune diverso dal capoluogo. L’episodio è finito anche in Consiglio comunale, ma salvo una censura verbale del sindaco non ha avuto conseguenze. Questo anche in virtù della dichiarazione rilasciata dal Prefetto a seguito degli accertamenti disposti in quei giorni.

Elia Sciacca, in passato impegnato sul fronte politico con Lega e Liberal di Sgarbi, difensore civico popolare, firmatario di un ricorso al Tar contro la nomina di Giuseppe Ceraso alle CentroPadane, non accetta il lieto fine dell’episodio. “Ho volutamente lasciato trascorrere più di un mese – spiega -. Volevo vedere se i due consiglieri chiedevano scusa alla cittadinanza, ma questo non è successo. Così mi sono deciso a fare denuncia”.

Firmata da Sciacca, la denuncia è stata quindi depositata questa mattina presso la Procura della Repubblica di Cremona. “L’ingegner Sciacca – spiega l’avvocato Curatti – ha presentato un ricco dossier con tutto quello che è stato pubblicato in quei giorni dai quotidiani e dai mezzi di informazione telematici, sia a livello locale che a livello nazionale. Ha aggiunto lettere di lettori, opinioni della gente, tutto quello che è riuscito a raccogliere”.

Il materiale è posto al vaglio della magistratura, conclude Curatti, “ipotizzando la fattispecie di reato penale di usurpazione di titoli, ma si chiede anche una valutazione del magistrato per capire se sussistano altre fattispecie di reato penale”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti