Commenta

I sapori semplici e forti della tradizione Domenica 27 Gran Bollito in piazza Roma

gran-bollito

Domenica torna, ai giardini di piazza Roma, l’ormai tradizionale appuntamento con il Gran Bollito. L’iniziativa nasce dell’impegno del Gruppo Macellai Ascom, per l’occasione impegnati ai fornelli, e degli associati alla Strada del Gusto che proporranno la degustazione e vendita di prodotti tipici. Dalle 10.30 alle 17 (salvo esaurimento delle scorte)  sarà possibile consumare, all’interno della tensostruttura riscaldata, un appetitoso menù a base di marubini e carni. Prelibatezze che sarà  possibile acquistare (sempre a prezzi particolarmente convenienti) in porzioni da asporto, da assaporare a casa propria.

“Quello di domenica  – spiega Amerigo Contini, presidente del gruppo Macellai Ascom – è un appuntamento goloso che vuole essere occasione per scoprire o tornare in un mondo intenso e sincero, che ha come simbolo i marubini e i bolliti, con il loro corredo di salse e mostarda: piatti ideali per celebrare il rito dell’amicizia. Proprio per questo, nella tensostruttura allestita ai Giardini Pubblici, verranno serviti, come ogni anno, oltre trecento coperti”.

“In modo diretto e lampante – osserva Claudio Pugnoli, presidente ASCOM della provincia di Cremona – la giornata dedicata al “gran Bollito Cremonese” ci invita a indagare, con golosità e colore, la storia e l’identità di un territorio che grazie alla propria vocazione agricola ha saputo elaborare un ricettario straordinario per varietà e caratterizzazione. Oggi quest’eccellenza diviene occasione per una più ampia riflessione: le identità culturali sono tanto più forti e radicate quanto più sono aperte all’esterno e quanto più si inseriscono in circuiti di scambio, di confronto. E proprio mentre celebriamo una  delle tante specificità gastronomiche che rendono unica e inconfondibile la nostra cucina, immediatamente ci accorgiamo come questi tratti distintivi possano consolidarsi solo grazie alla passione alacre dei macellai, all’impegno delle associazioni di categoria, alla sinergia con Istituzioni, ma soprattutto a quella passione dei cremonesi per la propria terra e le proprie trazioni che costituisce il fondamento e una qualità importantissima della tempra cittadina”.“Le rassegne che proponiamo durante l’anno – ha continuato Contini – rispecchiano sempre la stagionalità degli alimenti che si infondono con la nostra originalità, mantenendo però inalterati i sapori. Con i bolliti abbiamo voluto rileggere le tradizioni legate ai mesi più freddi e alla stagione delle nebbie”. Un viaggio tra le leccornie che continua, fino a sabato 26 novembre, anche nelle macellerie Ascom, dove le carni del bollito vengono proposte a prezzi particolarmente vantaggiosi. Un’occasione in più per lasciarsi sedurre dai sapori della tavola cremonese.

 

 

 

 

© Riproduzione riservata
Commenti