44 Commenti

Gazebo e controgazebo: al parco Sartori leghisti e autonomi Vola qualche insulto, ma nessun momento di tensione

evidenza-lega-kavarna

Gazebo e controgazebo. Separati da poche decine di metri, i leghisti da una parte e gli autonomi del Kavarna dall’altra stanno manifestando al parco Sartori (quartiere Po). Spiegamento notevole di forze dell’ordine e per ora, salvo qualche insulto dall’angolo del Kavarna, nessun incidente né momento di tensione.

I leghisti si presentano intorno alle 9,30. Dalle auto scaricano tavolini e materiale per allestire il gazebo all’angolo del parco accanto all’edicola. In tutto i militanti sono una ventina, tra i quali il vicesegretario Alessandro Carpani e il consigliere comunale Giovanni Ferraroni.

“Immigrazione e prostituzione + ghettizzazione e svalutazione = colonizzazione. Il triste destino di un quartiere ambito”, recita il volantino che i militanti distribuiscono ai passanti. E’ un nuovo affondo all’amministrazione e al sindaco, “reo” di aver “dimenticato” i cittadini “lasciando che un intero quartiere” diventasse “territorio di conquista per immigrati e prostitute”.

Agenti di polizia e carabinieri presidiano la zona con discrezione. E’ solo da dopo le 10 che dall’altro capo del parco (verso via del Sale), neanche cento metri più avanti, cominciano ad organizzarsi i ragazzi del centro sociale. Musica ad alto volume, bandiere ‘No Tav’ e abbigliamento in nero: una decina di autonomi intona il controcanto al Carroccio. Tra loro, anche Alfredo Zametta, uno dei ragazzi finiti al pronto soccorso dopo la rissa di questa estate ai giardini, sempre tra lumbard e autonomi.

“La Lega di lotta e non più di governo – proclama al microfono un giovane -, fregata dai suoi stessi assessori e consiglieri disobbedienti, tiene il solito becero banchetto. I militanti razzisti in cravattina verde d’ordinanza non pensano alla discarica d’amianto, se ne fregano della privatizzazione dell’acqua, se ne infischiano della devastazione del territorio provocata da opere inutili come il Terzo Ponte e la Strada Sud, non proferiscono parola sull’aumento della Tarsu lanciato dall’amministrazione di centro-destra tanto amata fino a quando era stata promessa la poltrona della presidenza AEM al cuore infranto Alessandro Carpani”.

Seguono insulti all’indirizzo dei leghisti, che dalla loro postazione ascoltano scambiandosi qualche battuta ma evitando di raccogliere la provocazione. Lungo la via che separa i due gruppi, la camionetta della polizia parcheggiata e qualche poliziotto. Altri agenti percorrono il parco per scoraggiare possibili ‘incursioni’ o contatti tra leghisti e autonomi.

Da un albero sulla via, vicino alla postazione del Kavarna, pende uno scheletro di plastica con un cravattino verde.

Allo stato attuale, la provocazione non si spinge oltre.

f.c.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • ultimo

    Lega uno….Scarafaggi zero….agli insulti rispondiamo con l’indifferenza!!!!

    • Alessandro

      Se non fosse stato per il megafono nessuno si sarebbe accorto della loro scarsissima (una ventina al massimo) presenza. Sempre meno!
      Ma sempre mantenuti dal Comune!

    • bruno

      Lega uno…insulti zero… Chi nulla ha da dire copre il suo “silenzio” alzando la voce e il volume della musica. Spiace per i residenti disturbati dai metodi “maleducati” dei contro-manifestanti.

  • Francesco

    Tengo a precisare che non faccio parte del Kavarna e non sono neanche un suo frequentatore, ma posso dirvi per certo che non sono mantenuti dal comune! Pagano un affitto mensile e pagano pure le bollette… sembra strano, ma è così!

    • Alessandro

      450 euro al mese per tutto quello spazio vuol dire farsi mantenere!

      • Francesco

        Scusa ma sei mai stato dentro al Kavarna? Anni e anni fa mi è capitato di entrarci e devo dirti che è veramente un buco in termini di grandezza…

        • ultimo

          A parte che serve l’antitetanica per entrare nel kavarna e se poi sei allergico alla cannabis anche la mascherina,comunque,mia nonna per un buco più piccolo di 40 MQ col cesso incluso senza lo spazio esterno e senza i disegni porno sui muri paga 550 euro al mese e ne prende 800 euro di pensione,non prendiamoci per il culo per favore!

          • Francesco

            Scusami la schiettezza, ma se è vero quello che dici, consiglierei a tua nonna di cercarsi un’altra casa perchè si sta prendendo una delle peggiori fregature che può trovare in tutta Cremona…
            Per quanto riguarda antitetanica, cannabis e disegnini porno credo non ci sia bisogno di risponderti…piuttosto mi chiedo come fai a parlare di queste cose se sei il primo a dire che dal Kavarna ti tieni più che lontano…comunque continuare questi scambi via web credo sia una cosa totalmente inutile…anche perchè chi vuole intendere intenda… tutti gli altri in bungalov!

          • bruno

            …un bungalow pagato dal comune?…scusa, avevi detto prima che non frequentavi il kavarna e poi, dopo, dici che “anni e anni fa” ti e’ “capitato” di entrarci. Hai vergogna a confessare che sei o sei stato un frequentatore? Sembra che ti metti la foglia di fico…”ti e’ capitato”…ma guarda un po’…

    • bruno

      Puo’ esporre l’importo dell’affitto?

      • Francesco

        Non credo sia questa la sede adatta…

      • bruno

        ahahahahah, e’ una cosa che non si puo’ dire davanti a tutti? E’ una cosa oscena?..ahahahah…

  • andrea

    Che tristezza vedere la lega partita come un movimento rivoluzionario anti casta e anti sistema che ho votato nei primi anni novanta diventare un partito xenofobo che si è seduto come gli altri e più degli altri sulle poltrone del potere senza cambiare nulla.

    • rosy

      Se la Lega e’ xenofoba perche’ il primo sindaco nero in Italia e’ della Lega? Vedasi Sandy Cane, Sindaco del Comune di Viggiu’. Basta con i luoghi comuni.

  • azzzz

    Cazzo il Kavarna era il doppio come presenze di quelli della Lega… Ha ragione Perri a non dare poltrone a questi impresentabili…

  • michele

    …sai contare?…erano il doppio?…ed alle elezioni?…

  • rosy

    Se la lega e’ xenofoba perche’ il primo sindaco nero italiano e’ leghista? Vedasi Sandy Cane sindaco del Comune di Viggiu’.

  • Sauro

    Passando per via dei classici e leggendo i due volantini, mi è sembrato di notare come quello del Kavarna fosse molto più veritiero di quello della Lega. Anche io ho notato che c’erano molta più gente nel lato dei ragazzi del centro sociale.
    Impressionante come i poliziotti hanno coperto il banchetto della Lega, lasciando libertà agli altri…
    O almeno c’è qualcuno che si oppone alla Lega in questa città, discutibili però i modi a mio modo di vedere…

    • alfredo

      E’ ovvio che la polizia copriva il banchetto della Lega. Furono oggetto di un’aggressione lo scorso agosto…Che doveva fare la polizia? Difendere i potenziali aggressori del Kavarna?

    • alfredo

      anche se ammetto che furono i kavarni ad uscirne male dallo loro bravata dello scorso agosto.

  • PIno

    Al giornalista, da vecchio autonomo, questi sono anarchici, si vede dalle bandiere. Cerchiamo di fare informazione reale invece di scrivere cose a caso…

    • luca

      gli anarchici, quelli veri, non si fanno mantenere dalla stato o dal comune, lo dico da nipote di un nonno anarchico “malatestiano” negli anni 20-30 del secolo scorso.

  • ultimo

    Ma poi c’era Forchetta…Zanchetta…ah no Puzzetta…ecco come si chiamava!!!…si chiamava così vero?

  • I KAVARNICOLI

    A ben pensare non sono rissosi come sembra, anzi, sono così profondamente socievoli da essere spesso equivocati. Non è vero che Merdinmano volesse offendere gli amici leghisti, troppo sospettosi per esercitare una sana politica: come il bimbo che cresce, mostra fiero, alla mamma, la sua prima produzione, la pupù, così lui voleva mostrare al tavolo della Lega il segno della crescita!
    Pensiero che m’è occorso ancor più chiaro oggi, andando a trovare gli amici leghisti al gazebo del parco Sartori. Apparentemente i Kavarnicoli insultavano con megafono, aggiungendo alla descrizione di ogni atto della Lega un : leghisti di merda! Ma non è così. Con molta fatica dopo la pupù arrivano le elementari, dove, ricordate? ancora incapaci di un’espressione propria, si comincia col copiare aste e puntini, con aggiunta di sfumature personali, leghisti di merda, appunto. In questo momento della loro evoluzione sono giunti alle aste, e tra qualche anno, con un poco d’impegno, vedrete, scriveranno le prime parole, per intero!

    Cremona 27 11 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Sandro

    Cozzaglio… Io ho trovato questo articolo in rete del Kavarna sulla Lega, mi sembra che sanno scrivere, eccome se lo sanno fare… Probabilmente tutti i partiti sono così, ma io quando l’ho letto (non voto a sinistra), ci sono rimasto:

    Italico Maffini, capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale a Cremona, protesta contro i presunti clandestini
    ospitati dalla Caritas per distrarre l’opinione pubblica dal fatto che il suo nome appare su un pizzino (come quelli di Totò
    Riina) e nel computer sequestrato a Lorenzo Borgogni, responsabile delle relazioni esterne di Finmeccanica, nel corso
    dell’inchiesta napoletana sulle nomine di Marco Milanese (ex ufficiale della Guardia di Finanza, ora a rischio di
    arresto) ai vertici di varie società statali. Il nome di Italico Maffini (con a fianco la scritta Lega) è stato segnalato
    probabilmente da Giancarlo Giorgetti, segretario nazionale della Lega Nord nonché presidente della Commissione
    Bilancio-Tesoro-Programmazione della Camera dei deputati e cugino di primo grado del presidente della Impregilo e
    della Banca Popolare di Milano Massimo Ponzellini (altri nomi sarebbero stati segnalati da Ignazio La Russa,
    ministro della difesa per il PDL) nel corso delle trattative sulla spartizione dei posti tra le varie componenti della
    maggioranza di governo e forse dell’opposizione. Così Italico Maffini (politico di lungo corso, ex senatore, tra i fondatori
    della Lega Nord a Cremona insieme all’attuale assessore al patrimonio comunale Claudio “De’l nimàal sé sbàt yà
    niente” De Micheli e ad Amedeo Garini, ex consigliere comunale arrestato in flagranza di reato con una
    mazzetta di cinquanta milioni delle vecchie lire) si è ritrovato nel consiglio di amministrazione di Ansaldo
    Energia il 27 luglio di un anno fa.
    Alessandro Carpani, vicesegretario provinciale della Lega Nord di Cremona e consigliere uscente di AEM Cremona
    S.p.a. (indennità lorda mensile percepita dal 2008: 1350 euro), protesta contro l’iniziativa promossa
    dall’assessore ai diritti di cittadinanza Maria Vittoria Ceraso (vedete cari elettori che la lista Ceraso è sempre pronta
    all’accoglienza? ) e sostenuta dal sindaco Oreste Perri (il gigante buono che premia i destri e i sinistri purché graditi
    dall’alto) di esentare il gruppetto di profughi dalla guerra in Libia dal pagamento del biglietto al museo cittadino (tra
    l’altro con modalità di accoglienza e risorse stanziate dal governo Berlusconi-Maroni), perché in realtà è stato silurato
    dallo stesso sindaco e dagli altri ex-AN dalla presidenza della ricca multiutility AEM, per riconfermare Franco
    Albertoni e quindi l’inciucio con il bullo di periferia Mr. “5500 euro” Luciano Pizzetti, onorevole deputato del
    Partito Democratico (identica dinamica del polverone alzato per la riconferma di Augusto Galli, sempre in
    quota PD, alla presidenza di Centropadane).
    Franco Mazzocco, capogruppo della Lega Nord nel consiglio provinciale di Cremona, protesta contro la
    pericolosissima discarica di amianto a Cappella Cantone (spalleggiata tra l’altro dal consigliere regionale Mauro
    Gallina, leghista e cremasco), ma in extremis ha votato il documento finale di maggioranza che si esprime in questi
    termini nell’assunto decisivo e finale:
    “Il consiglio provinciale di Cremona impegna la Giunta ad avviare un confronto con la Regione Lombardia e con i Comuni
    della Provincia teso ad individuare EVENTUALMENTE altre ipotesi di soluzione allo smaltimento dell’amianto, che è un
    problema reale, in una logica ispirata a un criterio di federalismo responsabile “. Nei fatti la Regione può fare quello che
    vuole, L’EVENTUALMENTE toglie ogni facoltà di inserimento dei pareri della Provincia di Cremona.
    EVENTUALMENTE è il riferimento diretto alla fermezza dei propositi, insomma al celodurismo dei combattenti
    leghisti.
    La Lega Nord protesta per salvaguardare il territorio cremonese, ma avalla sostanzialmente tutti i progetti istituzionali che
    speculano sull’ambiente, per non perdere ulteriori posti nei vari consigli di amministrazione. L’area cementificata
    a Cremona è salita di oltre l’1 per cento in due anni, mentre la popolazione non cresce. La crisi del centro storico
    dilaga, i centri commerciali sostenuti dal grande capitale non hanno cessato di affluire (Cittadella dello Sport: e qui,
    oltre tutto, violando la salvaguardia della qualità dell’aria si cancella la barriera ambientale rappresentata dal bosco filtro
    già pagato dalla Regione allo scopo e tuttora in fase vegetativa: solo la mancanza di acquirenti per l’area commerciale
    tiene vivo il bosco). Si lamenta la carenza di risorse finanziarie ma intanto si approva il progetto per una inutile strada
    sud, causa di futuro, crescente, ulteriore smog in un’area verde, con un costo prevedibile incredibile, quasi 16 milioni di
    euro. Progetto che si sovrappone incompatibilmente a quelli altrettanto pretestuosi dell’autostrada Cremona-Mantova
    e del terzo ponte, il quale utilizzerà circa 300 ettari di suolo, tra aree golenali, paesaggi agricoli pregiati, dove vivono e
    sono attive aziende agricole, biologiche e agriturismi, ovvero i segni più positivi e concreti (e sostenibili) per rilanciare
    queste aree sul piano socio-economico. Inoltre il costo preventivato nel 2005 (€ 220 milioni) è ritenuto molto rischioso
    dallo stesso consulente esterno di Centropadane. Le istituzioni locali applaudivano al nucleare ma restano tuttora
    indifferenti ai problemi del dio Po e del porto (l’operatività del canale è stata promessa da Umberto Bossi in persona
    nel lontano 2009).
    Alessandro Zagni, assessore della Lega Nord alla Sicurezza e alla Guardia Padana Municipale, protesta contro
    i ciclisti indisciplinati e tranquillizza i bottegai che a Cremona “il centro è vivo” grazie alla nuova ZTL (nel giro di
    un anno il traffico veicolare nel centro della città è aumentato di circa 10.000 passaggi mensili, circa il 10 % del totale),
    forse con macabro senso dell’umorismo considerando i dati relativi alle patologie cardiocircolatorie e tumorali
    che colpiscono i cremonesi ed alla nostra qualità dell’aria: il livello del PM10, solo nei primi mesi dell’anno, ha superato
    per ben 40 giorni il livello d’attenzione, rispetto ai 35 giorni che sarebbero consentiti nell’intero arco di un anno.
    Jane “tipico nome padano” Alquati, assessore leghista alle Pari Opportunità ed ex-fidanzata di Alessandro
    “meglio solo che male accompagnato ” Carpani, protesta contro i bambini che non riescono a pagare le mense
    scolastiche e che vogliono mangiare il cous cous, le banane e l’ananas equo e solidale. Tutto questo lavoro usurante
    per solo 2500 euro al mese (come tutti i suoi colleghi assessori).
    Riusciranno questi poveri martiri della Lega Nord a raccattare la dignità per far saltare questa maggioranza di
    opportunisti (Comunione e Liberazione è evidentemente più attenta agli equilibri di governo cittadino che al
    crescendo di povertà…) ?
    Certo è più facile prendersela con Roma ladrona, che lasciare dei comodi posti con gettone di presenza garantito, alla
    faccia della base indignata e delle dichiarazioni di diversità di decenni (secoli?) fa.
    BUONA FESTA E… BALLA CHE TI PASSA!!!

    • rosy

      Nonostante la lunghezza del testo e la citazione di fatti diversi tra loro, l’elenco non e’ completo. Manca l’affitto di 450 euro mensili ad una finta associazione del Kavarna di cui non si capisce l’utilita’ sociale e che creano anche problemi di ordine pubblico. Anche questo e’ un’inutile spreco a carico della comunita’ e non ne viene revocato il contratto di affitto. Dobbiamo aspettare un’altro nome nel computer per sapere chi e’ che protegge questa “gente”.

    • michele

      Altro che “sanno scrivere”. Questo testo e’ un “minestrone” sia nel contenuto che nel testo,(non hanno ancora capito a cosa serve la punteggiatura), e rispecchia la confusione che hanno nelle loro teste. E’ una melassa informe di pettegolezzi personali da cortile e di illazioni senza prove all’insegna dello “sparla che ti passa”. Scrivono di “cous-cous”, di “strada sud”, di “cittadella dello post”, di Maffini, De Micheli, di Pizzetti, del Commercio, dei “Centri Commerciali”, ecc.. Anche un bambino e’ capace di scrivere un testo cosi’ scopiazzando di qua e di la’ dai giornali. Ovviamente non c’e’ neanche l’ombra di una contro-proposta perche’ nelle loro teste c’e’ il vuoto assoluto e non saprebbero cosa dire. E il Comune paga il loro affitto a prezzo stracciato per questi “prodotti culturali”?

    • Giuda

      Giorgetti e Maffini sono indagati/denunciati per i fatti scritti sopra? NO, nessuna violazione, nessun reato.
      Chi ha scritto il volantino del Kavarna è indagato/denunciato? SI, e non solo una volta, per diversi reati!
      Carpani alla Presidenza di AEM? Al massimo candidato nel Consiglio…informarsi bene prima no??
      1350 euro al mese il compenso in AEM? Altra cavolata! Informatevi!!!

      • Gigi

        hahahaahahah ” informatevi” haahahaahaha proprio bisogna informarsi!!!! un consigliere di AEM prende 15000€ lordi all’anno. Quindi e’ vero non sono 1350 ma 1250, bisogna proprio informarsi.

        • Giuda

          Sbagliato, ancora sbagliato…riprova, sarai più fortunato!

  • Sandro, ti ringrazio della critica, ogni tanto mi sforzo di ridere, perdonami…

    • luca

      Dalla parte degli “autonomi” c’era una che urlava dal megafono che sembrava la Rosy Mauro della Lega. Ahahahahah… a forza di contestare si finisce per assomigliare al “contestato”…ahahahah

    • luca

      e finiranno per assomigliare anche nel colore perche’, essendo sempre “arrabbiati”, i Kavarna diventeranno “verdi di rabbia”. Ahahahahah…

  • Carlo

    Ai leghisti non va giù che la mazzata finale per la loro fine ingloriosa in giunta dove non hannno ottenuto niente e hanno perso pezzi su pezzi è derivata anche da un manipolo di anarchici al banchetto di agosto, causa i migranti di Lampedusa…

    Qua di arrabbiati mi sembrano tutti i verdi-bianchi della Lega…

    A parte tutto, mi sembra che fa il volantino e il pezzo sulle sporcizie di potere padane, confrontando con il volantino della Lega sul quartiere Po, c’è un’abisso. Almeno i giovani del centro sociale dicono qualcosa e non parlano a vanvera come i razzisti in camicia verde…

    • michele

      Vuoi dire “un manipolo” di nullafacenti, non “anarchici” che non sanno neanche cosa sia l’anarchia. Davvero che siamo finiti in pezzi per merito dei tuoi amici? Peccato che non ce ne siamo ancora accorti. La prossima volta ci lascino un biglietto per ricordarcelo. Bravo che riesci a leggere i “volantoni” dei Kavarnetti, vuol dire che hai un buon senso di orientamento in quei labirinti di sproloqui che, come dici, c’e’ un abbisso nel quale ci stanno dentro.

      • Alessandro

        Posso chiederti qual’è il tuo concetto di nulla facente?

    • rosy

      Ecco un’altro con la parola “razzisti”. Il primo sindaco nero di tutta la storia italiana e’ della lega, Sindaco di Viggiu’. Voi che non siete razzisti avete mai messo un nero come sindaco? Voi gli immigrati li tenete a rimorchio solo per i vostri comodi politici e poi date del razzista a chi mette a Sindaco persone di origine straniera. Informatevi prima di parlare invece di ripetere a vanvera cio’ che vi imboccano dai vostri giornali e televisioni.

  • razzisti……Carpani s’è limitato a chiedere su fb un provvedimento igienico, la disinfestazione!

  • Renato

    Ragazzi però veramente…come si fa? Cavolo anche questa volta 60000 commenti, ma ce ne fosse uno che dice qualche cosa!!! Continuate a dire Scarafaggi 0 Lega 1, continuate a insultare in maniera anche molto elementare e infantile i Kavarnicoli, ma è obbiettivo e sotto agli occhi di tutte quelle persone che leggono e che hanno un minimo di intelligenza e cultura che il Kavarna, per quanto assurdo sia il modo che utilizza per manifestare, dipinge situazioni assolutamente reali e il più delle volte da pure delle alternative, mentre la Lega continua a lamentarsi di cose che non esistono (come la prostituzione al parchetto dei classici) o comunque di cose totalmente inutili (come per quanto riguarda il banchetto fatto in piazza Roma ad agosto).

    E questo è il parere di una persona che non vota Lega e non frequenta i centri sociali.

    Forse invece che scrivere cavolate su questi siti, dove alla fine vi rispondete tra di voi, dovreste iniziare a pensare giusto un pochettino di più…pace!

    • ross

      D’accordo, i kavarna “dipingono” le situazioni reali; peccato che resta una “pittura” e non una “fotografia” come possono constatare le persone intelligenti anche se non “colte”. Le alternative che danno ce le spieghi lei, per favore, visto che riesce a decifrarle senza frequentare i “centri sociali”. Tra questi “6000” commenti ci sono anche quelli simili ai suoi; anche tra questi “non c’e’ n’e’ uno che dice qualcosa”? Grazie per averci aiutato “a pensare giusto un pochettino di piu’ “…pace!

    • alfredo

      Signor Renato, se quelli del Kavarna, secondo lei, danno delle alternative, per favore, guardi le foto: nel gruppo del kavarna c’e’ uno che porta felice una bandiera con su stampato “NO TAV”, cioe’ contro l’alta velocita’ ferroviaria. Mi spieghi cosa c’entra il no all’alta velicita’ a Cremona, in una zona della lombardia servita dalle ferrovie con un solo binario e con carrozze malandate e rotte, con orari mai rispettati e dove essere pendolari e’ peggio che portare una croce. Se la Lega si lamenta di cose che non esistono, secondo lei, dovrebbe anche convenire che i kavarnini contestano cose altrettanto inesistenti e che vivono in un altro mondo.

  • TORNANDO A DOSSENA

    Il mondo politico compatto è col sindaco di Crema Bruno Bruttomesso, volgarmente aggredito da Luigi Dossena. Benissimo. Però vorrei trovare questa compattezza ogni volta che l’onorevole Pizzetti insulta chi non la pensa come lui; ogni volta che il Kavarna si avvicina ai banchetti della Lega per lanciare, quando va bene, parolacce.
    Oppure anche qui entrano in gioco gli intellettualistici distinguo?

    Cremona 28 11 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Augghete

    Però c’è da dire che i giornalisti di Cremona sono veramente degli incompetenti…al di la del fatto che è chiara la parte da cui sta l’autore di questo articolo, ormai questa vicenda si è trasformata quasi in una specie di sit-com a puntate…che tristezza…un giornalista dovrebbe essere il più obbiettivo possibile, ma è chiaro che in quel di Cremona la cosa non è possibile…vabbè, fortuna che stò da un’altra parte!!!
    Augh!

    • liana

      Questa e’ bella. ora si da’ la colpa anche al giornalista che non e’ stato mai dalla parte della lega, che anzi non le ha mai risparmiato critiche. Purtroppo in italia e’ cosi: non si puo’ essere onesti con i fatti che subito ti danno del fascista o del comunista a seconda della parte che non dai soddisfazione. L’obbiettivita’ per questa gente significa suonare la grancassa di questo o quel partito. Fortuna quando qualcuno di questi “sta da un’altra parte”, spero in una riserva indiana.