12 Commenti

Una discarica fondata sulle mazzetteLocatelli pagava tuttiArpa e agricoltori confinanti

evidenza-discarica

Oldrati e Locatelli

I risvolti della inchiesta della Procura bresciana sulle tangenti pagate in Regione Lombardia per i cantieri della Brebemi e per la discarica di Cappella Cantone sono impressionanti. La discarica di amianto della cascina Retorto è tutto un affare basato sulle bustarelle. Pesanti, però, come dimostrano i centomila euro sequestrati a Nicoli Cristiani, Pdl, vicepresidente del Consiglio Regionale della Lombardia, ben conservate in tagli da cinquecento euro. Dalla conferenza stampa terminata da poco in Procura a Brescia emergono particolari destinati a lasciare il segno anche da noi. Sapete quando è stata pagata la mazzetta più corposa? Il giorno del via libera regionale alla discarica di amianto a Cappella Cantone. Un caso? Dalle corpose intercettazioni telefoniche sembrerebbe proprio delinearsi un causa-effetto più che un caso. Ed ancora, Cavenord avrebbe pagato fior di quattrini anche agli agricoltori confinanti con la discarica per facilitare i controlli dell’Arpa e per tenere sotto controllo la falda. Sono dieci le persone finite in manette, altrettanti sarebbero gli indagati. Arrestato anche il titolare del gruppo Locatelli e di Cavenord, Pierluca Locatelli, la moglie (ai domiciliari) e il suo braccio destro, l’architetto Oldrati. Locatelli e Oldrati furono i protagonisti della conferenza stampa all’Hotel Impero nella quale dissero che nessuno poteva fermare la discarica di amianto e che la stessa sarebbe entrata in funzione nel marzo 2012. Adesso capiamo perchè.

TRA BREVE IL SERVIZIO E I PARTICOLARI DAL NOSTRO INVIATO ALLA CONFERENZA STAMPA A BRESCIA

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA


© Riproduzione riservata
Commenti
  • Alessandro

    Questi finanziavano anche le campagne elettorali di qualcuno???

    • Sandro Gugliermetto

      • Giuda

        Del PDL magari?

        • Sandro Gugliermetto

          Non si chiamava ancora PDL. Ma sono documenti pubblici.

  • edmonddantès

    Ecco perchè i giudici per quelli del Pdl sono “criminali”, perchè sono gli unici che gli mandano a monte qualcuno dei loro maneggi. Chissà cosa salterà fuori da questa inchiesta se si continuerà a seguire le tracce delle mazzette.

  • Sandro Gugliermetto

    Improvvisamente sento che anni di battaglie non sono stati inutili, e che forse fare politica non è tempo buttato. E’ un gran giorno.

  • Nilo

    Ancora una volta il diavolo fa le pentole ma non i coperchi, adesso capisco come certi eventi riportati sulla stampa locale forse non erano delle coincidenze. Autorizzazione blindata della discarica di amianto, mazzette, promozioni di dirigenti pubblici, chissà se fra un po’ scoprimero che nella vicenda è coinvolto anche qualche personaggio di spicco locale…

  • ROBERTO MARIANI

    Come ex vice Presidente del Consiglio Provinciale anche per me è un gran giorno, siamo sempre stati coerentemente contro questa discarica come allora maggioranza. Chissà perchè poi con l’avvento dei nuovi tutto è cambiato.
    Meditate gente meditate

    • Sandro Gugliermetto

      vice?

      • ROBERTO MARIANI

        pardon ex Presidente del Consiglio

    • spartaco

      che tristezza…perchè dovrebbe essere un gran giorno?…garantisti davanti e forcaioli dietro, le indagini in corso, sequestri preventivi e cautelari, e voi già con il cappio in mano… contenti voi…

  • Carlo

    I leghisti (quale difesa del territorio???) se la prendono con i centri sociali, inteìanto io, come residente di Cappella Cantone, ringrazio Cittadini contro l’amianto, il comitato Stop Nocività di Crema e il CSA Kavarna per essere stati sempre presenti in questa questione negli ultimi anni.