Commenta

Alfredo Signori, un artista metropolitano Mostra alla Fondazione Città di Cremona

mostra

Alfredo Signori, un artista metropolitano. Questo il titolo della mostra ospitata dal 20 dicembre 2011 al 30 gennaio 2012 nella Sala Consigliare della Fondazione Città di Cremona (Piazza Giovanni XXIII). Cura, allestimento e catalogo ad opera della Prof.ssa Tiziana Cordani. La mostra dedicata al pittore cremonese Alfredo Signori (Cremona 1913-2009) è la prima manifestazione che ne ricorda il lungo percorso artistico iniziato con la frequentazione dell’Accademia di Brera a Milano e proseguito con la partecipazione al secondo Premio Bergamo nel 1940, cui farà seguito una lunga attività espositiva a partire dal dopoguerra accanto ai pittori cremonesi e nell’Associazione Artisti Cremonesi.
Uomo colto e sensibile, Signori si dedicò per lunghi anni all’insegnamento, parallelamente all’attività artistica. Attento alle dinamiche sociali ed ai maggiori problemi esistenziali, individuali e collettivi, del suo tempo, si impegnò attivamente in una approfondita riflessione sulle più stringenti tematiche che lo caratterizzavano. La violenza, la solitudine, l’incomunicabilità, l’isolamento ispirarono importanti cicli di opere, a partire da quel “Uomini soli” accettato al Premio Bergamo, ed una nutrita serie di ritratti ed opere grafiche.
Anche le “Periferie” sottolineano l’attenzione di Signori al mutare dei rapporti umani all’interno della società del benessere. I paesaggi, soprattutto quelli padani, le  “Finestre” e i numerosi disegni testimoniano l’amorevole attenzione, non priva di una sofferta partecipazione dell’artista al mutare e sconvolgersi delle coordinate spaziali e sociali che in essi erano riflesse. Il ciclo dei “Muri” si propone poi come una costruzione pittorica dal duplice significato etico – sociale e di rinnovo del linguaggio pittorico, che da un figurativo geometrizzante e semplificato, vira verso una scrittura astratto/informale. Il catalogo si avvale anche di un pregevole contributo storico – critico della studiosa  d’arte Dott.ssa Nicoletta Colombo, dedicato al Premio Bergamo, di cui esamina le ragioni ideali.

 

© Riproduzione riservata
Commenti