Commenta

Sottoscritta la convenzione per l’Istituto Superiore “Monteverdi” e la Scuola Civica di Musica

firma

Approvata con voto unanime dal Consiglio Comunale il 28 novembre scorso, è stata sottoscritta questa mattina (7 dicembre), nella Sala Azzurra di Palazzo Comunale, la convenzione per la gestione ed il funzionamento dell’Istituto Superiore di Studi Musicali “C. Monteverdi” e della Scuola Civica di Musica. Sono intervenuti il sindaco Oreste Perri, Adriana Conti Rinaldi, Presidente dell’Istituto, l’assessore alle Politiche Educative e all’Università Jane Alquati, il direttore generale Massimo Placchi, Ivana Iotta, dirigente del Settore Cultura, Musei ed Università.

“È con grande soddisfazione – dichiara il sindaco Oreste Perri – che il Comune sostiene questa eccellenza che di fatto costituisce a tutti gli effetti un’università che richiama studenti anche dall’estero e possiede un alto livello qualitativo”.

“Questo passaggio – dichiara a sua volta Adriana Conti Rinaldi, presidente dell’Istituto Superiore di Studi Musicali – riempie di soddisfazione non soltanto me, ma tutti coloro che lavorano con passione e determinazione al Pareggiato. In questo modo infatti non solo è possibile proseguire l’attività, ma  anche ampliare l’offerta agli studenti che provengono dall’estero per perfezionare nella nostra città il corso di studi intrapreso. Un risultato importante per la realtà musicale e culturale cremonese.”

L’alta qualità dell’insegnamento dell’Istituto è attestata dai numeri: 79 iscritti agli studi superiori, contro i 66 dell’anno scorso, che arrivano da tutto il mondo per la laurea breve e  per quella specialistica. E la scuola civica costituisce con i suoi 175 studenti una sorta di vivaio in cui si formano i musicisti di domani.

“È preciso dovere dell’amministrazione pubblica – sottolinea l’assessore alle Politiche Educative e all’Università Jane Alquati –  dare vita a investimenti che possano offrire respiro a medio e lungo termine, anche in tempo di crisi. Cremona e la musica costituiscono un binomio inscindibile che permettono alla nostra città di essere conosciuta a livello mondiale e la qualità dei servizi offerti deve necessariamente tenere il passo. Ecco perché sono così convinta della necessità di promuovere la cultura musicale a partire dalle scuole infanzia, con progetti specifici”.

Oltre al contributo proveniente dal Comune, sosterranno il Pareggiato e la Scuola Civica i finanziamenti di Fondazione Stauffer, Camera di Commercio di Cremona e Provincia di Cremona, a testimonianza di quanto i due istituti si siano davvero radicati nel territorio.

“Accanto a questi – aggiunge l’assessore Alquati – ci sarà anche un contributo che il Comune di Cremona ha ottenuto da ANCI,all’interno di un bando nazionale che l’Associazione dei Comuni Italiani ha messo a disposizione per promuovere iniziative a favore di studenti universitari: un segnale di prestigio e il riconoscimento di un’eccellenza di cui andare fieri.”

La convenzione impegna il Comune a sostenere finanziariamente l’attività per la gestione della Civica Scuola di Musica mediante un contributo a copertura dei costi di esercizio opportunamente documentati, nonché a corrispondere annualmente un ulteriore contributo all’Istituto per i corsi pareggiati finalizzato al perseguimento degli scopi istituzionali propri

 

© Riproduzione riservata
Commenti