3 Commenti

Discarica di amianto, Locatelli conferma le tangenti (220mila euro)

evidenza-locatelli

– Nella foto, l’imprenditore Locatelli

 

Nell’interrogatorio di garanzia a San Vittore del gip del tribunale di Milano, Elisabetta Mayer, Pierluca Locatelli, titolare della «Locatelli spa», conferma tutto:  i 110 mila euro consegnati a Cristiani Nicoli (100mila) e al responsabile degli staff dell’Arpa Giuseppe Rotondaro (10mila) erano soltanto una prima tranche dei 220 mila euro di tangenti per accelerare l’autorizzazione  per la discarica di amianto di Cappella Cantone (Cremona). Martedì  è in calendario l’interrogatorio della moglie di Locatelli, Orietta Rocca, finora agli arresti domiciliari: la donna sa molte cose sulla questione, visto che era con il marito alla consegna della mazzetta a Rotondaro (che ha fatto da tramite con Nicoli Cristiani). Locatelli per ora resta a San Vittore ma lunedì l’avvocato Roberto Bruni, suo difensore, presenterà un’istanza chiedendo per il suo assistito almeno gli arresti domiciliari. Per il filone bresciano relativo al traffico e allo smaltimento illecito di rifiuti, verrà conferito ai primi di gennaio l’incarico per l’incidente probatorio sul materiale finito sotto il tracciato della Brebemi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Sandro Gugliermetto

    Mah. 220mila a fronte di un finanziamento bancario di 15 milioni mi sembrano pochini. O c’è crisi anche nel settore delle mazzette?

    • Gino

      questo è solo l’importo della mazzetta x cui è stato colto sul fatto. da ungere sulla lista ne avrà avuto sicuramente degli altri.

  • SEGRETI AZIENDALI

    Un commentatore nostrano ci informa: i livelli di tassazione delle aziende viaggiano ormai verso il 60%, con punte che arrivano al 90%, in molti casi in cui non si possono detrarre una serie di spese di gestione. Alluderà mica alle buste?

    Cremona 18 12 2011 http://www.flaminiocozzaglio.info