Cronaca
Commenta5

Nuovo schema organizzativo in Comune: confermato il comandante della Polizia Locale, spariscono quattro settori

– Nella foto, il comandante della Polizia Locale Fabio Germanà Ballarino

 

Minirivoluzione a Palazzo Comunale, dove è stato parzialmente rivisto lo schema organizzativo dei dirigenti. La chiusura di una partita aperta da mesi è stata segnata dalla seduta odierna di giunta. Cinque le posizioni dirigenziali in scadenza al 31 di questo mese: quella per le Politiche Educative (Silvia Toninelli), quella per la Gestione del Territorio (Marco Masserdotti), quella per Ambiente/Trasporti (Enrico Bresciani), quella per la Polizia Municipale (Fabio Germanà Ballarino) e quella per lo Sviluppo Informatico (Marco Torchiana).
In base alla normativa, il Comune di Cremona può tenere al massimo un dirigente a tempo determinato. La scelta è caduta sul comandante della Polizia Municipale, Germanà Ballarino, confermato per un altro anno.
Più complessa la decisione per le altre quattro posizioni. Per la Gestione del Territorio e per le Politiche Educative si procederà con bando di concorso. Nell’attesa, la Gestione del Territorio è stata affidata ‘a scavalco’ al direttore generale, Massimo Placchi, mentre le Politiche Educative sono affidate, sempre ‘a scavalco’ al responsabile del Personale, Maurilio Segalini. Sempre in attesa del bando e a partire dal primo di gennaio, i due dirigenti in scadenza, Masserdotti e Toninelli, passeranno alla qualifica di ‘Posizione Organizzativa Gestionale e di alta professionalità specialistica’.
L’ultima delle posizioni in scadenza, Sviluppo Informatico e Tecnologico, verrà semplicemente eliminata, così come il relativo settore, che verrà sostituito da una ‘Unità di alta specializzazione’ che sarà guidata da una Posizione Organizzativa affidata al dirigente in scadenza, Torchiana, con assunzione a tempo determinato.
Nella stessa delibera licenziata questa mattina, la giunta apporta ulteriori modifiche allo schema organizzativo. Viene anzitutto istituito un nuovo settore, “Direzione Strategica e Controllo di Gestione” aggregato alla Direzione Generale e guidato ‘a scavalco’ dal direttore, Massimo placchi.
Verrà poi eliminato il Settore Servizi Amministrativi, convertito in unità di staff la cui guida sarà affidata al dirigente Maurizia Quaglia.
Eliminato anche il Settore turismo e Marketing Territoriale, convertito in Unità di Staff affidata al dirigente Annamaria Santucci.
Prevista anche l’eliminazione del Settore Affari Generali, convertito in settore Appalti e Patrimonio  affidato all’avvocato Lamberto Ghilardi.
In ultimo, la giunta ha deciso di ridenominare il Settore Ambiente e Trasporti in Settore Ambiente, Trasporti e Mobilità, retto dal dirigente ‘a scavalco’ Massimo Placchi. A questo settore è annessa la nuova ‘posizione organizzativa gestionale e di alta professionalità specialistica’ denominata Servizio Ambiente e Trasporti affidata ad Enrico Bresciani.

Il nuovo schema organizzativo è stato illustrato questo pomeriggio ai sindacati. “Non si vede una grande progettualità dietro questo ennesimo schema organizzativo – è il commento di Giorgio Salami, Rsu del Comune -. Arrivare al 22 dicembre, quindi agli sgoccioli, con il nuovo schema e sapendo che se ne parla da mesi non mi sembra una grande performance”. Restano, tra i sindacati, le perplessità legate alla soppressione del settore Sviluppo Informatico. “Preoccupa il fatto che il settore sia stato abolito – dice Salami – e a maggior ragione resta il dubbio sulla possibile esternalizzazione del servizio”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti