Commenta

Comune 2.0: stop a carta e formalità, da oggi le comunicazioni istituzionali viaggiano per SMS e MMS

evidenza-consiglio

Stop a carta e formalità: le comunicazioni istituzionali oggi viaggiano sui telefonini. In Comune, alcuni giorni fa, è infatti passata una determinazione con la quale è stata approvata una spesa di 600 euro per un contratto con AemCom. In base all’accordo, il Comune disporrà di un credito dello stesso importo da sfruttare per inviare SMS o MMS a consiglieri e assessori per le comunicazioni istituzionali.
“E’ stato più che mai confermato – si legge nelle motivazioni della determinazione della segreteria generale – che l’invio di comunicazioni istituzionali tramite SMS ai Consiglieri comunali, agli Assessori, ecc., è un sistema efficiente e tempestivo per raggiungere gli interessati e poter dare in tempo reale informazioni al di là di quelli che sono i canali consueti quali e-mail o lettere in formato cartaceo”.
“Si è riscontrato – prosegue la determinazione -, inoltre, il gradimento da parte dei destinatari (Consiglieri, Assessori, ecc.) per questa forma di comunicazione molto tempestiva e rapida. La formula di servizio proposta da AEMCom S.r.l. risulta inoltre essere economicamente vantaggiosa essendo esente dal pagamento del canone annuo”.
In base all’accordo, l’utente (il Comune) acquisterà così un credito da utilizzare per l’invio di SMS attraverso username e password dal portale dedicato. Il credito, specifica la determinazione, “diminuirà in base al numero e al tipo di SMS inviati, dettagliatamente descritti, per costi e caratteristiche”.
La spesa di 600 euro (Iva 21% inclusa) è finanziata con stanziamenti del bilancio 2011.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti