Un commento

A trent'anni esatti dalla visita di Pertini e a sette da quella di Ciampi, Cremona si prepara ad accogliere il presidente Napolitano

evidenza-napolitano

A quasi sette anni dalla visita del presidente Carlo Azeglio Ciampi, a trent’anni esatti dalla visita del presidente Sandro Pertini e a 52 anni da quella di Giovanni Gronchi, Cremona riceverà la visita del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano. E’ infatti in programma per sabato 22 settembre l’arrivo in città del presidente della Repubblica, in occasione dell’inaugurazione del Museo del Violino in piazza Marconi.
Risale a sette anni fa, per la precisione al 6 dicembre del 2005, l’ultima visita della prima carica dello Stato a Cremona. Accompagnato dalla moglie Franca, Carlo Azeglio Ciampi ha visitato la nostra città accolto dall’affetto e dal calore di moltissimi cremonesi che hanno affollato le vie e le piazze del centro storico.
La visita di Ciampi è iniziata alle 9,30 con l’incontro con il Vescovo Lafranconi. Il presidente si è quindi spostato in piazza del Comune, dove ha ricevuto gli onori militari, e a Palazzo Comunale, dove ha visitato la collezione degli archi. Dopo l’incontro con le autorità locali al Ponchielli, nel pomeriggio il presidente ha assistito in Cattedrale al concerto eseguito dal Maestro Salvatore Accardo, per poi partire alla volta di Lodi.
Trent’anni esatti sono invece passati dalla visita del presidente Pertini. Era il 24 settembre del 1982 quando il presidente-partigiano ha raggiunto Cremona. Ricevuto in Prefettura e poi in Comune, Pertini ha assistito, come Ciampi anni dopo, al concerto in Cattedrale del Maestro Accardo L’allora presidente della Repubblica visitò anche la Fiera Internazionale del bovino a Ca’ de’ Somenzi, soffermandosi a lungo con allevatori ed espositori. Nel congedassi da Cremona, Pertini si congratulò per le manifestazioni in suo onore e per la “sincera e profonda laboriosità dimostrata dal popolo cremonese”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Roberto

    Ne sentivamo davvero la mancanza?

    Roberto