2 Commenti

Il presidente della Provincia Salini perde consensi (-1,5%) mentre Perri si riprende (+3,6%) nel sondaggio annuale del Sole-24Ore

perri-salini-evidenza

Perde consensi (-1,5%) il presidente della Amministrazione provinciale Massimiliano Salini rispetto al 2010. E’ al 69° posto tra i 107 presidenti di Provincia italiani secondo le pagelle della Governance Poll 2011, il tradizionale appuntamento annuale de “Il Sole-24Ore”. La classifica è stilata a campione sugli  elettori attraverso la domanda-chiave rivolta loro dall’Ipr Marketing (Se domani ci fossero le elezioni voterebbe per…), le interviste sono state realizzate nel periodo 12 settembre-18 dicembre.
Salini ha ancora il 53% del consenso della popolazione mantenendo comunque il 2% in più rispetto alla sua elezione avvenuta al primo turno. Nella sua stessa posizione (medio bassa) figurano anche i presidenti di centrodestra di Bari, Brescia, Lecce, Lecco e Lodi e quelli di centrosinistra Roma e Taranto. Ricordiamo che la classifica de “Il Sole-24Ore” tiene conto del gradimento nell’ultimo anno ed è difficile cogliere se il sondaggio abbia potuto rilevare anche gli ultimi scivoloni di Salini sulla gestione dell’acqua (su cui anche la sua maggioranza si è rotta) e sulla discarica di amianto di Cappella Cantone con le vicende giudiziarie ad essa collegata.  I presidenti di provincia più amati sono quelli di Ragusa, di Varese, di Caserta, di Catania, di Pordenone, di Siracusa, di Catanzaro, Isernia (tutti di centrodestra). Nel complesso 62 presidenti su 107 guadagnano consensi.
E’ invece al 60° posto Oreste Perri, il sindaco di Cremona, con il 52,5% dei consensi ed una crescita del 3,6% nei consensi e dell’1% rispetto ai voti ottenuti al ballottaggio con Giancarlo Corada. Una posizione di media classifica (su 104 capoluoghi di provincia). A differenza dei presidenti delle province dove ai primi posti  figurano esponenti del centrodestra, in quelle per i sindaci stravincono i rappresentanti del centrosinistra con il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, che raggiunge consensi da record con il 70% aumentando del 4,6% la percentuale sul risultato delle elezioni avvenute pochi mesi fa. Secondo è il sindaco di Cagliari Massimo Zedda (66% con un aumento del 6,6% rispetto alla sua elezione). Terzi con il 65% dei consensi della popolazione il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, quello di Bari Michele Emiliano, e quello di Verona, il leghista Flavio Tosi (che cresce del 4,3% rispetto alla sua elezione). Il meno amato è il sindaco di Palermo Diego Cammarata (centrodestra) con il 38% (-15,5% rispetto alla sua elezione).

 

I GOVERNATORI – Il sondaggio pubblicato oggi dal Sole prende in considerazione anche i presidenti di Regione. Qui si conferma il drastico calo di Roberto Formigoni, già evidenziato da una recente indagine a cura di Datamonitor, istituto di ricerca del gruppo BSE. Il Governance Poll 2011 del Sole 24 Ore vede il presidente della Regione Lombardia al 12° posto della classifica dei governatori. Con il 51% dei consensi, Formigoni perde 5 punti percentuali rispetto al 2010 e si allontana drasticamente dalla vetta della classifica, dove da anni lo vedevano assestato i sondaggi. Al primo posto, tra i governatori, Luca Zaia (Veneto, 60%), seguito da Enrico Rossi (Toscana, 58%), Raffaele Lombardi Sicilia, al terzo posto con il 57% dei consensi).

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • GIUSTIZIA GIUSTA

    Perri: vi prometto di cancellare sette passaggi a livello, e di impegnarmi per la metropolitana leggera Mantova-Cremona-Milano.
    Salini: lo so che non vi piace, ma se volete l’acqua buona non c’è altro mezzo che far entrare i privati.
    Le nuove classifiche del Sole24Ore insegnano: la gente premia i politici veri.

    Cremona 17 01 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • DEBOLEZZE

    Confesso una mia debolezza, perché è di quelle che si possono raccontare in pubblico: davo fiducia ai sondaggi del Sole24Ore su sindaci e presidenti. Confesso un’altra debolezza. Li leggevo distrattamente.
    Ma quando Gilberto Bazoli, sulla Provincia, sottolinea che Luigi De Magistris, eletto sindaco di Napoli col 65%, oggi è al 70, ho capito tutto. Sbagliati non sono i sondaggi. Sono gli elettori.

    Cremona 19 01 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info