2 Commenti

Cremona Solidale, approvate le linee guida Opposizioni contrarie

azienda-cremona-solidale

Approvate in Commissione Affari Sociali le linee guida per l’anno 2012 riguardanti Cremona Solidale. Gli indirizzi sono stati presentati dal presidente del cda Fabrizio Ruggeri e dal direttore generale Angelo Gipponi. In apertura di Commissione, perplessità da parte di Pd, Quinzani (Cremona per la Libertà) e Lega per uno “scollamento tra le linee d’indirizzo – giudicate troppo generiche e troppo simili a quelle dello scorso anno – rispetto al progetto di revisione della forma statutaria previsto dal Comune”. «Siamo un po’ in ritardo sul percorso di ristrutturazione di Cremona Solidale – ha ammesso poi l’assessore Luigi Amore -, ma continueremo a lavorare in questo senso e per un progetto che sia il più possibile condiviso».
Votazione finale: Pd, Idv e Quinzani contrari («Nel 2011 abbiamo votato contro, e non essendo cambiate le linee, votiamo contro anche nel 2012»), favorevoli Lega («Il discorso dell’assessore ci ha chiarito le cose»), Zaffanella del gruppo misto («Personalmente però mi sarei astenuto») e Pdl. Approvata anche la proroga del contratto di servizio dell’Azienda Speciale Cremona Solidale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA



 


© Riproduzione riservata
Commenti
  • Giacomo Zaffanella

    personalmente mi sarei astenuto in quanto manca una vera e propria linea, ma rappresentando tutti e 5 i componenti del mio gruppo, in questa commissione ho votato a favore rispettando la volontà della maggioranza dei consiglieri del misto.

  • Giancarlo Schifano

    Non so chi vi comunica le votazioni ma vi garantisco che anche il sottoscritto consigliere dell’IDV ha votato contro gli indirizzi strategici per la gestione dell’azienda speciale Cremona solidale.Ho chiesto delucidazioni in merito ai costi e ai benefici;ho chiesto delucidazioni in merito all’eventuale riduzione dei servizi e del personale,ecc….. Su un punto sono d’accordo con l’assessore Amore,nel passato molto spesso i debiti di Cremona solidale venivano coperti dalla Fondazione città di Cremona,e questa situazione ha provocato un indebitamento notevole e consistente,per questo dico e sostengo che ognuno deve far fronte alle proprie esigenze finanziarie,senza ricorrere sempre ai soldi della solidarietà per compensare i debiti contratti da Cremona solidale!