Un commento

La Nona di Beethoven firmata Maurizio Baglini al teatro Ponchielli

maurizio-baglini

La Nona sinfonia di Beethoven, trascrizione pianistica elaborata da Liszt, sarà protagonista sabato 28 gennaio (ore 20.30), per il cartellone della Stagione Concertistica al teatro Ponchielli. Ad affrontare questa impresa Maurizio Baglini, geniale pianista pisano, accompagnato dal Coro Costanzo Porta diretto da Antonio Greco. Il concerto è dedicato alla memoria di Gianni Carutti (1914-2009).

Premiato al “Busoni” di Bolzano, Maurizio Baglini a 24 anni ha vinto il World Music Piano Master di Montecarlo. Docente all’Istituto Superiore di Studi Musicali della nostra città, invitato dalle maggiori istituzioni concertistiche europee, in Italia si e esibito a Santa Cecilia, al Festival pianistico di Brescia e Bergamo, al Rossini Opera Festival. Il geniale pianista pisano affronta un’impresa che pochi osano: la trascrizione pianistica della Nona Sinfonia di Beethoven elaborata da Liszt nel 1864. “Che non e – sottolinea – una semplice trasposizione delle note dall’orchestra al pianoforte, ma e una summa di genialità e intuito musicale, caratterizzata da profondità, complessità e arditezza”.
In effetti Liszt riesce a conferire a questa trascrizione, grazie a straordinarie invenzioni tecniche, l’equivalenza delle sonorità e del colorito dell’orchestra, con risultati prodigiosi. Per l’esecuzione dell’ultimo movimento affiancheranno Baglini quattro validi solisti vocali e il Coro Costanzo Porta diretto da Antonio Greco. Con questo concerto si conclude il Liszt-Project che nel corso della passata stagione ha celebrato il secondo centenario della nascita del compositore.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti