4 Commenti

Indagato monsignor Lafranconi dal tribunale di Savona ma c'è richiesta di archiviazione

vescovo

Un atto dovuto ma con richiesta di archiviazione per prescrizione. Così è motivata dal tribunale di Savona l’iscrizione nel registro degli indagati di monsignor Dante Lafranconi, attuale vescovo di Cremona ma da 1991 al 2001 alla guida della diocesi di Savona e Noli. Ne dà notizia con un ampio servizio il quotidiano “Il secolo XIX” di Genova.  “L’alto prelato secondo la procura savonese avrebbe omesso di segnalare ai suoi diretti superiori le morbose attenzioni di almeno due preti nei confronti di ragazzini di cui avrebbero dovuto occuparsi e che sono stati condannati per pedofilia (don Barbacini) e abusi sessuali (don Giraudo). E come recita il secondo comma dell’articolo 40 del codice penale «non avrebbe impedito un evento, che si ha l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo». – si legge sul quotidiano genovese – Trattandosi però di episodi risalente alla fine degli anni ‘90, il procuratore della Repubblica Francantonio Granero e il sostituto Giovanni Battista Ferro hanno avanzato al gip richiesta di archiviazione per prescrizione degli eventuali reati commessi dal Pastore della diocesi savonese. Una notizia che la magistratura era riuscita a tenere riservata nel corso dei due anni di indagini avviate in seguito alle denunce di una delle vittime dei preti pedofili savonesi, Francesco Zanardi,  ma che è deflagrata in maniera violenta alla richiesta di archiviazione presentata al gip”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Paolo Zignani

    Perché non volevate pubblicare questa notizia? L’avete scritta solo dopo insistenze sulla vostra pagina Facebook, a partire dal post di Franco Bolzoni e poi dai miei?

  • SENZA GIUDIZIO

    “Il vescovo Lafranconi salvato dalla prescrizione, non denunciò gli abusi di pedofilia.”
    E’ il titolo di un on line, non importa quale, che ripete un sentire comune, dall’ignorante al dotto. Interessa perché è un tremendo indicatore della nostra insensibilità sociale: esecuzione sommaria, colpevole uno cui non è stato fatto il processo. Né il dotto né l’ignorante si chiedono dove poggi la loro certezza. Né il dotto né l’ignorante si chiedono che giurisdizione sia quella che non riesce a prendere una decisione in dieci anni. Né il dotto né l’ignorante si chiedono che vita passi un imputato all’infinito. E, sembrerà piccola cosa, né il dotto né l’ignorante si chiedono se sia tanto semplice trovare elementi in difesa dopo dieci anni….

    Cremona 12 02 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

    • leggeugualepertutti

      Colpevole è la stampa che oscura.
      Di difensori certe “categorie” ne trovano sempre a bizzeffe.

  • leggeugualepertutti

    Richiesta di archiviazione respinta.
    Amen.