Commenta

Vanoli da manuale in casa contro Roma I biancoblu stravincono 87 a 71

vanoli3

– FOTO FRANCESCO SESSA

Per la sesta giornata di ritorno del campionato di serie A la Vanoli-Braga affronta al PalaRadi l’Acea Roma, squadra di metà classifica a quota 20 lunghezze, otto in più dei biancoblu. Obiettivo, ribaltare il risultato dell’incontro di andata, il 16 novembre 2011, terminato con la vittoria di Roma per il punteggio di 85-78.

LA PARTITA
Parte con grinta la Vanoli Braga al PalaRadi. I biancoblu insistono nella fase offensiva, portandosi subito avanti. A meno di tre minuti dalla fine del primo quarto, i padroni di casa sono a + 5 dagli avversari, 16 a 11. Due triple consecutive di Ercole portano la Vanoli sul 24 a 18 a tredici secondi dalla fine.
All’inizio del secondo quarto, subito una grande azione di Cinciarini con il tabellone che cresce: 27 a 18. Massimo vantaggio dall’inizio del match (30 a 20) con un tiro da tre punti di Tusek. La Vanoli si dimostra in gran forma, sfruttando al meglio le proprie fase difensive che mettono in seria difficoltà le conclusioni della compagine capitolina. A quattro minuti dal termine, 39 a 25 dopo due tiri liberi di Cinciarini che incrementano il vantaggio e costringono Roma al time out. Pubblico del PalaRadi entusiasta sul finire del quarto: Rich protagonista di un nuovo balzo in avanti dei cremonesi: + 16. Il tempo finisce tra gli applausi: 50 a 32.
Una leggera ripresa degli ospiti nel terzo parziale. Qualche disattenzione da parte dei biancoblu concede a Roma un po’ di agio. 67 a 52 è il risultato parziale del tempo. Da segnalare, una grande prestazione di D’Ercole, protagonista di azioni decisive per la compagine cremonese.
Parziale di 4 a 0 all’inizio del quarto quarto. La Vanoli va forte: 79 a 54 (biancoblu avanti 25 lunghezze). Sul finire, i biancoblu amministrano il match. Gli avversari avanzano di poco, Cinciarini realizza due tiri liberi. Roma sovrastata 87 a 71.

Mercoledì biancblu impegnati contro Teramo al PalaRadi (ore 20.30).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti