Commenta

Una guerra delle donne contro sé stesse nel film 'La sorgente dell'amore'

http://www.youtube.com/watch?v=VkY5fp4z5wk

Secondo un’antichissima tradizione, le donne di un piccolo villaggio del medio oriente devono affrontare un tortuoso percorso fino alla montagna per riuscire a prendere l’acqua dalla sorgente. Molte donne  hanno partorito bambini morti a causa di questo duro e ingrato compito. A fronte dell’ennesimo episodio, Leila, giovane sposa venuta da lontano e dal passato tormentato, decide di non sopportare più questo scempio e convince le donne a fare uno sciopero dell’amore: le moglie non dovranno concedersi ai loro mariti fino a quando non saranno gli uomini a portare l’acqua al villaggio e ad utilizzare i soldi dei turisti per costruire un acquedotto. Ma la giovane Leila non incontrerà la sola resistenza dell’Imam e degli uomini del villaggio, sarà ostacolata soprattutto dalla suocera, donna fredda e fervente sostenitrice della tradizione; suoi unici alleati saranno il marito, uomo istruiti che la comprende e la appoggia nella lotta e la vecchia Lupa, donna saggia e molto astuta.
Il film di Radu Mihaileanu La sorgente dell’amore prende spunto dalla Lisistrata, una della commedie più divertenti del commediografo greco Aristofane, ma qui diversamente la vicenda è calata in un contesto molto più serio e drammatico. Il regista abbandona il registro comico, tipico anche dei suoi lavori precedenti per analizzare la complessa relazione tra uomo e donna a fronte di un integralismo religioso insostenibile.
Come la stessa protagonista Leila dice all’Imam, quella da lei intrapresa non è una guerra contro gli uomini, ma è una guerra delle donne contro se stesse, esse vogliono smettere di essere invisibili e vogliono fermamente essere considerate uguali agli altri. Leila combatte fino alla fine per dimostrare che il Corano non sentenzia la sottomissione della donna ai servigi dell’uomo, ma predica l’amore e l’innalzamento dello spirito, e qualsiasi altra interpretazione è strumentalizzata solo per fini utilitaristici.

Sofia Chiodelli

AL CINEMA CHAPLIN ORE 18.30-21.15

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti