Commenta

Niente aumenti per la Tarsu La Giunta conferma le tariffe del 2011

rifiuti-aumenti-tarsu

La Giunta comunale, su proposta dell’assessore al Bilancio Roberto Nolli, ha determinato le tariffe della tassa rifiuti solidi urbani (Ta.R.S.U.) per l’anno 2012 confermando quelle del 2011. Ha inoltre rivalutato, per l’anno 2012, sulla base dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo rilevati al 31 dicembre 2011, pari al 3,3%, i limiti di reddito ai fini delle agevolazioni ed esenzioni previste dal Regolamento comunale Ta.R.SU .

La Giunta ha stabilito, per l’anno 2012, di confermare le tariffe Ta.R.S.U. già deliberate per l’anno 2011, per tutte le categorie previste dal vigente Regolamento per la gestione della Ta.R.S.U. nel quale si classificano i locali e le aree tassabili ai fini della tassa per lo smaltimento dei rifiuti urbani interni. Con la conferma delle tariffe del 2011 è previsto un gettito Ta.R.S.U. di euro 9.218.000,00.

Il Regolamento comunale Ta.R.S.U. prevede che la Giunta comunale aggiorni annualmente i limiti di reddito riguardanti le agevolazioni sulla base dell’indice ISTAT dei prezzi al consumo, pertanto gli stessi vengono aggiornati del 3,3%, indice ISTAT al 31 dicembre 2011.

Lo stesso regolamento prevede inoltre che la Giunta comunale aggiorni annualmente i limiti di reddito riguardanti le esenzioni in relazione all’aumento delle pensioni. Ritenuto che l’aumento delle stesse sia pari all’indice ISTAT, viene elevato il limite di reddito del 3,3%, (indice ISTAT al 31 dicembre 2011). In base a tale decisione, dal 1° gennaio 2012 i limiti di reddito per usufruire delle agevolazione e delle esenzioni previste sono i seguenti:

 

Tipologia di agevolazione/esenzione Limite di reddito attuale 

(2011)

Limite di reddito dal 1° gennaio 2012
Agevolazione per anziani soli con più di 74 anni 10.652,12 11.003,64
Agevolazione per coppie di anziani con più di 74 anni 16.723,83 17.275,72
Agevolazione per famiglie numerose 85.216,93 88.029,09
Aumento del limite di reddito per ogni figlio successivo al terzo fiscalmente a carico 2.572,98 2.657,89
Esenzione per nuclei familiari di soli pensionati 7.989,09 8.252,73

 

Infine, la Giunta comunale, sempre  su proposta dell’assessore al Bilancio Roberto Nolli, ha determinato per l’anno 2012 le tariffe relative all’imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni confermando quelle in vigore nel 2011.

La decisione di mantenere inalterate le due tariffe per l’anno 2012, nonostante le note difficoltà di bilancio a seguito dei pesantissimi tagli governativi agli enti locali, è stata presa per evitare ulteriori appesantimenti del carico fiscale dei cittadini cremonesi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti