72 Commenti

Ricavi Arvedi verso quota tre miliardi "Energia, liberalizzare"

Arvedi

Sopra, Giovanni Arvedi

Proiezione internazionale e innovazione tecnologica. Sono ingredienti dell’attività e dei numeri del gruppo siderurgico di Giovanni Arvedi, come riporta oggi il Sole 24 Ore in un articolo che parla di come il 2011 sia stato chiuso con ricavi più che raddoppiati se confrontati al 2009 e di un fatturato attuale, 2,4 miliardi (massimo storico) che diventeranno 3 nell’arco di un paio d’anni. Proprio grazie a quei due ingredienti. “Tra il 2008 e il 2010 abbiamo investito quasi 700 milioni di euro assumendo 700 addetti per creare il centro siderurgico più avanzato al mondo – spiega Arvedi al giornalista del Sole Luca Orlando – . Senza la tecnologia non potremmo competere e se nell’acciaio c’è un futuro è soprattutto per i prodotti più avanzati, quelli ad alto valore aggiunto”.

“Per il comparto manifatturiero italiano – aggiunge, tra le altre cose pubblicate, il Cavaliere –  fare prodotti di alta qualità è ormai cruciale e limitarsi ad attività a basso valore aggiunto significa porre le basi per essere sopraffatti dalla concorrenza estera. Guardi i costi dell’energia, l’inadeguatezza della logistica e dei servizi, la scarsa flessibilità del mercato del lavoro: per le nostre imprese sono handicap gravi, che occorre superare al più presto”. Poi, sull’energia, la richiesta di liberalizzazione per lasciare alle imprese l’opportunità di acquistare in Europa, con costi inferiori. “Caricare sulle bollette troppi oneri significa aumentare i costi per il manifatturiero e limitare la nostra competitività: per noi ad esempio l’energia rappresenta il 50% dei costi di trasformazione. Ecco perché, se dovessi fare al ministro Passera una richiesta prioritaria, gli chiederei di intervenire proprio qui, liberalizzando al più presto il settore”.

Michele Ferro

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti
  • libero

    Complimenti al Cav. Arvedi. Ce ne fossero in italia di Industriali di questo tipo. Auguroni per l’Azienda e per tutti i Dipendenti.

    • Libero dai padroni

      Nessun complimento; prima la salute che è prima di tutto, infatti si lavora per vivere, ma bisogna anche vivere per lavorare. Siccome la salute in questo caso NON E’ TUTELATA nessun complimento al Sig. Arvedi Giovanni.

  • kunta

    i cittadini di spinadesco e di cavatigozzi, intossicati, ringraziano.

    • luigi

      concordo pienamente!!!

    • ftw

      morti di fame sarebbe stato meglio…. vero? ci vorrebbe una bella carestia…. altro che intossicati!

      • mario

        ma per cortesia….

    • Libero dai padroni

      Concordo in pieno; prima di “dare aria alla bocca” come si suol dire, venite prendere una boccata d’aria alla Cava e poi parlate! Bella fatica abitare a chilometri di distanza e parlare, parlare…

  • franco

    peccato per l’impatto ambientale….il fine non sempre giustifica i mezzi!

  • by paolo

    Cremona è sempre la solita,no alla tangenziale sud,no al raddoppio (già fatto per fortuna)dell’acciaieria (700 posti di lavoro in un momento di crisi)no al terzo ponte,no alla autostrada Cremona Mantova… e poi ci si lamenta se Cremona non offre niente e è una città morta…

    • Luca

      concordo in pieno, ma si sà, cremona purtroppo è dominata da una mentalità contadina e con una popolazione molto anziana.. quando la città sarà morta ci ricorderemo di loro..

  • Luca

    complimenti al Cav. Arvedi, esempio di cremonesità nel mondo!! grazie a lui anche per piazza marconi, museo del violino, ecc ecc.

    • luigi

      e senza secondi fini!!!! VERO?

      • Luca

        nessuno fa niente per niente

  • CARAVAGGIO

    Articolo dovuto sui numeri dell’Acciaieria Arvedi, dal Sole24Ore, e solito scontro tra le parti, o di qua, o di là. O angelo, o diavolo. Un’acciaieria disturba più di un vigneto, ma ogni tanto nelle nostre campagne si levano proteste anche per gli odori delle, ormai poche, stalle. Chi abita alla Cava senz’altro è disturbato più di chi alloggia in via Mercatello, almeno se non gli aprono sotto casa un bar alla moda tipo piazza della Pace, ma questo è il nostro mondo, dove, pur se regolato puntigliosamente dalle leggi, siamo troppi e ravvicinati. Un paio di dati certi: chi vuol andarsene dalla Cava, non riesce nemmeno nel primo passo, vender la casa, i guadagni di Arvedi finiscono, tanti, in piazza Arvedi, alla Pace, al Centro sportivo etc.
    Vogliamo portare tutto all’estremo? Caravaggio era anche un assassino…..

    Cremona 22 04 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • by paolo

    E poi chi mi sa dire dove Arvedi dovrebbe spostare i suoi stabilimenti?….i campi ci sono ovunque e quindi non va bene…in città? non parliamone…io credo che ovunque vada dia fastidio a qualcuno… AH scusate forse nel deserto… Tanta manna che una realtà così esiste e da da vivere a migliaia,dico migliaia di gamilie.E Gli agricoltori che spesso sottopagano gli indiani….ah be,scusate allora va bene.

  • by paolo

    volevo dire ovviamente famiglie,scusate.

  • Luca

    FLAMINIO ma tu che lavoro fai? oltre a voler essere il Beppe Grillo della bassa padana.. per caso ti credi anche un po Dante Alighieri?? ma cerca di scrivere come mangi.. un po di polenta non ti farebbe male..
    l’unica cosa che si nota dai tuoi commenti è che sei bravo a criticare tutto e tutti.. se proprio a Cremona non va bene NULLA, magari non sarebbe meglio emigrare (portandoti via anche Nonna Quercia)?!

  • by paolo

    @ luca,il tuo commento è per me?

    • Luca

      ciao Paolo, no assolutamente.. il commento era per flaminio!!

  • by paolo

    e poi vedi che per me la quercia la possono abbattere tranquillamente,e il mio mestiere è metalmeccanico…e grazie a questo lavoro riesco a vivere.Sicuramente lo stipendio non me lo da chi è contrario a tutto.

    • mario

      complimenti

    • kunta

      mi unisco ai complimenti già fatti da altri. gran bel pensiero!

  • kunta

    Quindi ricapitoliamo: Arvedi è un grande imprenditore (e non lo metto in dubbio), ha fatto crescere l’economia, lo sviluppo e il benessere locale creando occupazione(e non lo metto in dubbio): quindi perchè ci sono dei rompicoglioni che hanno sempre qualcosa da dire, che vogliono obiettare su tutto?
    La mia risposta è: il fine non sempre giustifica i mezzi. il fatto che il Cav. abbia fatto tante belle cose e creato occupazione a Cremona non può permettergli di fare ciò che crede (e lo sta facendo, grazie a giunte di dx e di sx): Arvedi crea in modo inconfutabile inquinamento e preoccupazione per la salute degli abitanti attigui al polo industriale, oltre che rovina del paesaggio.
    Se si pensa solo ai posti di lavoro (un grazie particolare, sarcastico, va ai sindacati) e non alla salute dei cittadini, perchè allora così tanti cori, unanimi, contro la raffineria Tamoil?
    Anzi, consiglierei un bel tubificio in piazza Marconi, che così com’è è sempre deserta ed è brutta come la fame. Risolveremmo, forse, anche il problema del parcheggio spesso deserto.
    Infine, dopo una bella bonifica della zona vicino alla raffineria, una nuova raffineria con progetto di raddoppiarla…chissà quanti posti di lavoro, quanto benessere, quanto reddito…
    saluti,

    • Luca

      bravo bel discorso, te l’hanno insegnato al kavarna?!

      • kunta

        no, ragiono col mio cervello.

        tu, invece, classico automa ingolfato di ideologia, chi ti ha costruito?

        • Luca

          laurea in economia con 110 e lode e master in finanza a londra.. penso di saper ragionare con la mia testa.. mio caro no tav

          • kunta

            economia davanti e commercio dietro…evidentemente disoccupato, visto tutto il tempo che passi a scrivere stronzate.

    • Luca

      almeno io ho il commercio di dietro e non qualcos’altro come te…. ahahah tu che fai di lavoro? l’elemosina in chiesa??

      • kunta

        sei talmente demente che non capisci neanche le battute. evidentemente a te i fumi di arvedi danno alla testa.
        vai a fare il professorino a londra, pirla.

        • Luca

          demente.. pirla… lei è proprio un signore.. complimenti per il bon tòn!!

          • kunta

            ti prego di scusarmi. ho esagerato. non volevo urtare la sensibilità di un laureato in economia (lo sono anch’io, per tua info) e con tanto di master.
            Tuo,
            Kunta.

  • by paolo

    e allora gli stabilimenti li dovrebbero costruire dove non ci sono campi,dove non ci sono abitazioni e allora dite voi dove un imprenditore deve costruire,sulle cime delle alpi?,no perchè poi i camion devono transitare per le valli…

    • sandro

      una via di mezzo no, eh?

      a spinadesco è stato ABBATTUTA una porzione di paese costituita da villette e casette…andate a vedere prima di scrivere.

      certo che devono esistere centri industriali, ci mancherebbe altro…
      non ti dice niente la sigla V.I.A. (valutazione impatto ambientale)?

      ha ragione il sig. kunta quando provoca proponendo un tubificio in piazza marconi…
      non si può ragionare solo nell’ottica occupazione.

      cordialmente,

      • Luca

        spinadesco, patrimonio dell’umanità per l’Unesco..

      • ftw

        vuoi vedere che sono talmente incuranti del bene pubblico che ci hanno lasciato dentro pure gli inquilini! non mi ricordo di aver letto di gente legata ai cancelli delle case…. chissà che indennizzi saranno girati!

      • luigi

        L’IMPATTO è VERAMENTE BRUTTO…IN NOME DELLO SVILUPPO?

    • luigi

      BUONA IDEA

  • luigi

    PROPORREI UNA FABBRICA IN CENTRO CITTA’.
    poi vediamo se sono tutti contenti!!!

    • Luca

      non capisco come mai non ti hanno ancora dato un nobel..

      • luigi

        il 10 dicembre a Stoccolma (Svezia)
        grazie

  • ftw

    master in finanza nella patria del liberismo e della stampa indipendente e ti metti a criticare l’unica penna che scrive liberamente e oggettivamente di cremona e di quel che vi capità! sarai mica amico di piva per caso? God save Flaminio Cozzaglio!

    • kunta

      come ti permetti di criticare questo bravo e promettente ragazzo? Guarda che è laureato con 110 (CENTODIECI, UAN ANDRED END TEN), ha un master (dico MASSSSSTER) e non un master qualunque: un master in FAINANS a LONDRA…Insomma, in poche parole un GENIO.

      Attendiamoci un PROGET FAINANS su tutte le iniziative cremonesi da questo AINSTAIN della valpadana.

      Ma lassa leeee

      • Luca

        @ Kunta makaka – la laurea l’hai trovata nel dixan? se ti sei laureato tu, abbiamo la spiegazione alla crisi dell’Italia..

        @ FTW – quando c’è da elogiare Flaminio lo faccio, quando c’è da criticarlo lo critico. Poi per fortuna esiste la libertà di pensiero. ciao

        • kunta

          @ Luca era gay: ti brucia caro professorino, eh? vai dalla mamma a piangere. il papà lascialo stare: sta finendo di pagare il mutuo fatto mantenerti.

          • Luca

            pure razzista verso i gay? complimenti!! l’italiano lasciato a casa o non te lo hanno insegnato?!
            almeno a mio padre il mutuo l’hanno concesso essendo un onesto lavoratore.. i tuoi che hanno dovuto fare per farti crescere e studiare?!

          • kunta

            no sono razzista verso i presuntuosi e saccenti come te. troppo difficile per te capire che nel mio precedente post manca solo un ‘per’…maybe you forgot italian during your english vacation (not studies, but vacation).
            io, gli studi, me li sono pagati, caro signorino. ora vai a mangiare la pappa: ti raccomando, dì alla mamma di cambiarti bavaglia, ogni volta la sporchi come un poppante.

          • Luca

            bravo, hai usato google translate?

          • ftw

            si dice omofobico non razzista verso i gay, a meno che si considerino i froci una razza a se stante!

          • kunta

            la mia era una citazione di una canzone di L. Carboni, a seguito del “kunta makaka” scritto dal maestrino col master

          • Luca

            kunta è un uomo di classe, a lui piacciono le citazioni.

  • ftw

    come volevasi dimostrare…. meglio stare alla larga dagli
    economi-commerciali! ma quei bravi ragionieri di una volta… li fanno ancora?

    • leo

      avete mai sentito parlare dell ILVA di Taranto???beh è la prima mega acciaieria d italia,subito dopo viene Arvedi……informatevi che battaglia stanno facendo i tarantini……nell area circostante ci sono polveri color rosa depositate sulle lapidi dei cimiteri,sulle strade,sui balconi,sui panni stesi dai balconi della gente che abita nei quartieri limitrofi…quello si che è un inquinamento senza eguali!!!!Arvedi decisamnete diversa la storia…..se sono i rumori molesti che assillano i paesi limitrofi,beh ritenetevi fortunati allora!!!by leo

  • Roberto

    A leggere certi commenti sembra che Arvedi faccia tutto non rispettando le leggi. Invece seguendo la vicenda si legge che controlli ce ne sono eccome, episodi di inquinamento nessuno, le pm sono piu alte in piazza Duomo a Cremona che a Spinadesco. Ci sono si problem ida risolvere (rumore ecc) ma stiamo parlando ina azienda che rispetta leggi paramentri e si sottopone a controlli! Tutto è migliorabile ma in altre parti della Lombardia (vedi brescia) la situazione è molto ma molto peggiore!
    Certi attaccacchi a testa bassa frutto dell ideologia mi lasciano senza parole

  • Roberto

    Come si fa a dire che la salute non è tutelata cosi a caso? dati alla mano per favore senno si fa prendere aria alla bocca

    • sandro

      è sufficiente prendere, dati alla mano come richiedi, i valori rilevati dalle centraline nei mesi di dicembre-gennaio-febbraio.

      è noto che Cremona+Spinadesco hanno avuto livelli di inquinamento da polveri sottili che non si sono registrati nemmeno in una città come Milano…in alcuni giorni sono stati superati.

      Riferimento Studio Larsen:
      cremonademocratica.wordpress.com/category/pm10/
      Cremona è la città più inquinata d’Italia dopo Parma.

      il tutto con la raffineria ormai ‘spenta’, targhe alterne, ecc.

      Ah, so già la risposta: sono contro il progresso, contro le aziende, sono un comunista che se ne sbatte dei lavoratori, ecc. ecc.

      Scusatemi, Arvedi non c’entra nullla: anzi, quando c’è sereno fa così tante belle nuvolette bianche e grigie nell’aria che sono pecorelle…che paesaggio bucolico…

      • kunta

        sandro,
        qui non c’entra essere di dx o di sx…c’entra focalizzare l’attenzione sull’inquinamento da polveri sottili, problema che interessa a tutti.
        ho letto anch’io, circa due mesi fa, che cremona è risultata la città più inquinata d’italia con parma nel mese di gennaio (se ricordo bene).
        l’acciaieria fa paura a molti cittadini che ci abitano vicini, volete capirlo o no? così come faceva paura la raffineria. finiamola con l’ipocrisia e la demagogia.

        • Roberto

          ti sfugge un particolare…se leggi bene noterai che a dicembre e fino al 10 gennaio l’Arvedi era ferma per manutenzioni..c’è scritto nel rapporto Arpa on line…quando si dice far prender aria alla bocca…

      • luigi

        IL PROBLEMA E’ MOLTO SERIO….
        DARE IL LAVORO NON PUò GIUSTIFIACRE L’INQUINAMENTO….
        PURTROPPO TUTTI TACIONO

        • kunta

          Caro Roberto, dovresti andare oltre i titoli degli articoli, non fare come i bambini che non leggono e guardano solo immagini.
          L’acciaieria IRC è stata chiusa per manutenzione, è parzialmente vero. il problema è che non si è fermata, come credi o vogliono farti credere. le colate sono diminuite, gli impianti non sono mai stati fermi, processando il semilavorato. il forno comunque sempre attivo
          la zincatura idem.
          detto da uno che sa, e mi fermo qui.
          non faccio prendere aria alla bocca inutilmente.
          tu, invece, non interscambiare il tuo pensiero con la flatulenza.

        • Luca

          non contraddire kunta!!! lui è uno che sa. forse l’unico al mondo.

          • kunta

            ah, guarda chi si risente…il maestrino col master! oggi giornata di riposo, caro parassita?

          • Luca

            caro kunta che sa tutto, tu, uno e trino, sceso sulla terra a spiegare a noi poveri dementi come funziona l’economia mondiale, paladino del bene e della giustizia, stratega mondiale, illuminaci.. dpiegaci umilmente come sei riuscito anche ad ottenere una giornata libera dal Cottolengo?? non c’è mai fine ai miracoli… :O

          • kunta

            complimenti per aver preso come riferimento i diversamente abili del Cottolengo, a proposito di razzismo, vero?…E’ proprio vero che non c’è mai limite al peggio.
            E’ dai tuoi post che si legge che personaggio sei: mantenuto, parassita, fancazzista…però col master! di nuovo complimenti,
            tuo kunta.

  • Bertoldo

    Leggo i commenti e mi viene da ridere…..

    L’Acciaieria inquina…. CHIUDIAMOLA! con buona pace delle 3000 famiglie che con quel lavoro ci mangiano. Così finalmente gli abitanti della Cava respireranno (un po’) meglio…. (ma quanto degli abitanti della Cava vi si sono trasferiti DOPO aver iniziato a lavorare in Acciaieria?)

    Seguendo quasto ragionamento, allora :

    La raffineria inquina, chi prende il sole nelle canottieri non ne può più di sentire l’odore degli idrocarburi…. CHIUDIAMOLA!!! …e così è stato fatto (ma c’erano prima le canottieri o c’era prima la raffineria? …. e il quartiere PO, non si è forse sviluppato proprio a seguito dell’insediamento della raffineria?)….

    e ancora :

    A S.Felice e al Bosco passa l’autostrada che provoca inquinamento acustico e atmosferico…. CHIUDIAMOLA!!!! così cremona che è già tagliata fuori dai principali assi autostradali, sarà ancora più isolata…

    Al battaglione c’è l’inceneritore che inquina l’aria…. CHIUDIAMOLO!!! così potremo riaprire la discarica di via S.Rocco che dava da mangiare a tanti animaletti….

    Il PO lambisce la città trasportando tutto l’inquinamento idrico proveniente da Milano (attraverso i suoi immissari, primo tra tutti il Lambro che è una fogna a cielo aperto)…. CHIUDIAMOLO!!!!! – MA COME “CHIUDIAMOLO” E’ UN FIUME, NON SI PUO’ CHIUDERE – e allora SPOSTIAMOLO!!!! facciamolo passare da un’altra parte….

    OH GENTE, LA POLITICA “NIMBY” è morta. Siamo nel ventunesimo secolo, il progresso non si può fermare (si, anche una acciaieria come quella di spinadesco è progresso: una azienda che assume quando gli altri licenziano, che investe quando gli altri delocalizzano, che aumenta la produzione quando gli altri chiudono…. E’ IL PROGRESSO!!!) e allora si cominci a cercare un dialogo con chi ci fa paura, si chiedano riscontri, controlli, dati (che tra l’altro l’acciaieria rende pubblici, basta chiederli) e si bastoni chi veramente non rispetta le leggi…. non si rompa sempre i coglioni a chi lavora e ci mette anche del suo (sempre curando i propri interessi eh?) per rendere un po’ più bella Cremona….

    • leo

      BERTOLDO….complimenti!!!Viva Arvedi e il lavoro che da alla gente per farla mangiare…..mentre come dici tu le altre aziende licenziano,chiudono, manco con gli ausili della cassa o mobilità!!!Quoto in pieno il tuo bellissimo discorso:-)BY LEO

    • kunta

      come scrivere, scrivere, scrivere e scrivere senza focalizzare il problema. sei degno del nick che porti. anzi, ne fai peggio…gente, chiudiamolo!

      • Bertoldo

        Allora dall’alto della sua laurea con 110 e lode, mi focalizzi lei il problema, caro sig. Kunta, visto che in qualche manciata di posts non è proprio riuscito a far altro che demonizzare l’acciaieria o dire di essere “uno che sa”….
        Sa abbastanza poco, visto che l’acciaieria ha dimostrato, dati ARPA alla mano di emettere polveri sottili ben al di sotto dei limiti di legge.
        Sa anche per caso che la zincatura, così come gli impianti di decappaggio non emettono polveri sottili? Semmai emetteranno (comunque sempre nei limiti di legge) altri inquinanti….. ah già, ma che scrivo a fare, tanto lei queste cose le sa…..
        A me, invece, sa tanto che lei è uno che sputa nel piatto in cui mangia…..

      • Bertoldo

        “decapaggio” mi perdoni per l’errore ortografico, ma lei sono sicuro che lo sa come si scrive…..

        • kunta

          il suo non è un semplice errore di battitura, la sua è ignoranza sull’argomento. mi viene il sospetto che lei sia dell’ambiente, dato che il decapaggio non è noto ai più…che fa, lo sponsor del cav? beh, non sarebbe il primo…magari pure un sindacalista interno all’acciaieria? il campo si restringe.
          Cmq il Suo è il solito contributo di chi non si informa bene: l’Arpa non ha detto che l’acciaieria non inquina, ha detto che le emissioni rientrano nei limiti…il che è ben diverso!
          Secondo Lei, perchè l’Arpa non spiega a cosa è dovuto l’inquinamento atmosferico che ha reso Cremona la seconda città italiana (dopo Parma) per inquinamento?
          Ah, forse ho capito: la colpa è della Sperlari, quando sforna le galatine…Lei è illuminante.

          • Bertoldo

            “Sa abbastanza poco, visto che l’acciaieria ha dimostrato, dati ARPA alla mano di emettere polveri sottili ben al di sotto dei limiti di legge.” – cit. – Bertoldo

            “l’Arpa non ha detto che l’acciaieria non inquina, ha detto che le emissioni rientrano nei limiti…il che è ben diverso!” – cit. – Kunta

            Forse dall’alto della sua sapienza non è in grado di leggere e comprendere? Ha ripetuto la stessa cosa che ho detto io…

            A Parma (che a quanto dice lei, è la prima città per inquinamento) non mi risulta ci siano acciaierie….

  • fabrizio

    Elia, batti un colpo!!

  • fabrizio

    Non è che il tuttologo “ELIA” ha paura di mettersi contro il Cavaliere di Cremona? Su, forza, fatti sentire…