Commenta

Commissione disciplinare: punto di penalità per la Cremonese

Penalizzazione

Al Foro Italico a Roma si è aperto oggi il processo sportivo. Sotto accusa 22 società e 61 tra tesserati e non. La commissione disciplinare, composta dal presidente Sergio Artico (vice Claudio Franchini, Riccardo Andriani, Valentino Fedeli e Andrea Morsillo), ha accolto il patteggiamento della Cremonese a un punto di penalizzazione (da scontare la prossima stagione) e 30mila euro di ammenda. Tra le partite sotto la lente della giustizia sportiva c’era la gara di Coppa Italia Cremonese-Monza del 27/10/2010 (il match Monza-Cremonese del 21 novembre 2010 era finito nel primo deferimento di quest’estate). Il deferimento era arrivato per ‘responsabilità oggettiva’ a causa delle accuse mosse ai tesserati Gervasoni, Paoloni e Stefani. Anche alla luce delle attività di Gervasoni e Stefani in Pisa-Monza dell’8 dicembre 2010. Dunque nuova mazzata sulla società, che ha già dovuto affrontare questa stagione con una penalizzazione di sei punti dopo l’esplosione del caso calcioscommesse.

Patteggiamenti tutti accolti dalla Disciplinare tranne quello di Sbaffo dell’Ascoli. Eccoli nel dettaglio: Atalanta (2 punti di penalizzazione e 25 mila euro di ammenda); Modena (2 punti); Livorno (15 mila euro di ammenda); Ascoli (1 punto di penalizzazione e 20 mila euro di ammenda); Grosseto (6 punti di penalizzazione, da scontare nel campionato di Serie B 2012/13, e 40 mila euro di ammenda); Frosinone (1 punto); Cremonese (1 punto di penalizzazione e 30 mila euro di ammenda). Cristiano Doni (2 anni di squalifica), Carlo Gervasoni (1 anno e 8 mesi), Filippo Carobbio (1 anno e 8 mesi), Kewullay Conteh (1 anno e 8 mesi), Alex Pederzoli (1 anno e 4 mesi, oltre a 10 mila euro di ammenda), Francesco Ruopolo (1 anno e 4 mesi), Antonio Narciso (1 anno e 3 mesi), Dario Passoni (1 anno e 2 mesi), Mirco Poloni (1 anno), Juri Tamburini (10 mesi), Andrea De Falco (6 mesi), Alfonso De Lucia (5 mesi), Marco Cellini (4 mesi), Vittorio Micolucci (4 mesi), Nicola Mora (4 mesi) e Gianfranco Parlato (2 mesi).

Per quanto riguarda le posizioni degli ultimi arrestati, la commissione, viste le istanze di rinvio, sospensione o stralcio e acquisizione di ulteriore documentazione del processo penale di Cremona proposte dai deferiti, rilevato che l’oggetto riguarda norme di diritto sportivo e valutate con diversi standard probatori, ha deciso di accogliere, concordando con il procuratore federale Stefano Palazzi, la richiesta degli arrestati Marco Turati, Paolo Acerbis, Alessandro Pellicori, Jose’ Joelson, Cristian Bertani, in quanto “i deferiti colpiti da misure cautelari non sono in grado di esercitare pienamente il loro diritto di difesa”.

SCARCERAZIONI

Accolte le richieste dei legali per il difensore Marco Turati e il portiere Paolo Acerbis: obbligo di firma. Rimangono in carcere Stefano Mauri e Omar Milanetto. 

NEL MIRINO ANCHE SAMPDORIA-BRESCIA

Da alcune intercettazioni agli atti dell’inchiesta di Cremona sul calcioscommesse, si evince un interessamento da parte di Safet Altic, pregiudicato bosniaco in contatto con il calciatore del Genoa, Giuseppe Sculli, a due partite di seria A del 2011: Sampdoria-Brescia e Napoli-Genoa.

DA BUFFON PRESUNTE GIOCATE VIETATE DA 1,5 MLN

Gigi Buffon avrebbe effettuato scommesse vietate per oltre un milione e mezzo di euro. Lo ipotizza la Guardia di Finanza di Torino in un’informativa che e’ stata allegata agli atti dell’inchiesta di Cremona, scaturita da una segnalazione di operazioni contabili sospette. Il giocatore della Juve e capitano della Nazionale azzurra non e’ pero’ indagato. L’informativa e’ datata 13 giugno 2011 ed e’ allegata ad una lettera che il pm di Torino Cesare Parodi invia alla procura di Cremona dopo che nella prima fase delle indagini dei pm lombardi sul calcioscommesse era uscito il nome del portiere della Juve.

BONUCCI INDAGATO

Leonardo Bonucci, giocatore della Nazionale, è iscritto nel registro degli indagati dal 3 maggio scorso. Lo stesso giorno sono stati iscritti nel registro degli indagati della procura di Cremona anche l’allenatore della Juventus Antonio Conte e il nazionale Domenico Criscito. Per tutti l’accusa è di associazione a delinquere e frode sportiva per “reati commessi in Cremona e in altre località straniere fino alla fine del 2011”. Bonucci è stato convocato per Euro 2012, mentre Mimmo Criscito, in seguito all’avviso di garanzia e alla perquisizione effettuata dalla polizia a Coverciano, è stato escluso dalla competizione. 

TELEFONATA INCHIODA SCULLI: “DISORDINI MARASSI ANNUNCIATI” 

Da una telefonata tra il giocatore del Genoa e uno dei capi ultra’ genoani emerge che gli incidenti durante Genoa-Siena, con i calciatori rossoblu costretti dai tifosi a togliersi le magliette, erano annunciati. Il tutto e’ riscostruito da una nota della squadra mobile di Alessandria che si sta occupando dei disordini: “Altro soggetto rilevante – si legge sulla nota – risulta essere Massimo Leopizzi, gia’ segnalato nel corso dell’attivita’ investigativa, che appare rivestire un ruolo di vertice nell’ambito delle frange ultra’ genoane”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata
Commenti