Commenta

Convertini alla Capannina chiude il progetto del Comune 'Meno alcol, meno problemi'

meno-alcool-capannina

Beppe Convertini

Una serata sulla prevenzione dell’abuso di alcol a conclusione del progetto Indoor. L’iniziativa – organizzata e promossa dall’Assessorato alle Politiche Giovanili in collaborazione con l’ASL di Cremona, della Polizia Municipale e del consigliere comunale Santo Canale – si terrà sabato 16 giugno, a partire dalle 22, nel locale “la Capannina”. Interverrà alla serata il noto attore televisivo Beppe Convertini, scelto dagli organizzatori per l’immagine positiva che trasmette ai giovani di età compresa tra i 15 e i 16 anni. Beppe Convertini sarà intervistato dai ragazzi della redazione di Uppress (una delle diverse iniziative di UpCremona, progetto educativo dell’Assessorato alle Politiche Giovanili).
La serata è conclusiva dei percorsi di prevenzione attuati nelle scuole per l’anno scolastico che si è appena concluso. La serata offrirà anche l’occasione di lanciare i progetti di prevenzione previsti per l’anno scolastico 2012/2013, attuati in stretta sinergia con l’ASL di Cremona e le cooperative del terzo settore, nei quali saranno affrontate anche le nuove dipendenze che stanno emergendo, quali, ad esempio, il gioco d’azzardo e il cattivo o eccessivo uso di Intenet. Presenti gli assessori Alquati e Amore, Sonia Bernardi, in rappresentanza della Polizia Municipale, e il direttore sanitario dell’ASL, Raffaello Stradoni.

Il progetto Indoor, gestito dall’Assessorato alle Politiche Giovanili in collaborazione con le cooperative Iride, Fuxia, l’Umana Avventura e Solco, si è occupato della prevenzione dell’uso di sostanze che danno dipendenza, rivolgendosi al biennio delle scuole superiori cittadine. Durante l’anno scolastico 2011/2012 sono stati realizzati complessivamente 84 incontri ognuno della durata di 5 ore, in 13 scuole di Cremona coinvolgendo poco più di duemila ragazzi di età compresa tra i 15 e i 16 anni. L’attività è stata svolta partendo da una programmazione condivisa, prendendo in considerazione gli stili di vita, gli interessi e le relazioni degli studenti in modo da coinvolgerli in possibili attività future.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti