Commenta

Nuovi imprenditori "figli della crisi"? A Cremona sono donne o under 35 Ma il tasso di crescita è a -0,7%

donne-imprenditrici-cremona

In tempi difficili, il sistema delle imprese lombarde arranca ma tiene (tasso di crescita delle imprese a +0,3%). Non quello cremonese che  fa registrare il tasso di decrescita maggiore in Regione: -0,7% tra gennaio e giugno 2012. Cremona è però una delle province che ha visto nascere più titolari di imprese individuali under 35 (42,8%), seguono quelli tra i 35 e i 49 anni (39,1%), tra i 50 e i 64 anni (15,2) e over 65 (2,8%). Accanto all’alto tasso di nuovi giovani imprenditori, anche quello di provincia più ‘women friendly’ con il 31,8% dei neo titolari d’impresa al femminile, contro il 68,2% di quelle al maschile. Per quanto riguarda la nazionalità, il 15,7% dei nuovi titolari di impresa nel cremonese sono di provenienza extra Ue.

LA SITUAZIONE DELLE ALTRE PROVINCE

Milano e Monza fanno registrare le performance migliori per tasso di crescita delle imprese: +0,9% e +0,6%. A incrementare il numero di imprese, c’è chi sfida la crisi mettendosi in proprio: sono circa 7mila i nuovi imprenditori titolari di impresa individuale “figli della crisi”, che hanno aperto una propria attività per rispondere alle difficoltà occupazionali. Ci sono giovani alla ricerca del primo posto di lavoro (più di un terzo delle nuove iscritte ha meno di 35 anni), donne che si “reinventano” (il 27,4%) e quasi 1 su 3 è straniero. Il trend di chi si mette in proprio: le imprese di pulizie, con 865 imprese attive in più rispetto al 2011. I settori che registrano flessioni più significative sono le imprese di intermediari del commercio (-746) e di costruzione di edifici (-847). Sondrio è la provincia che ha visto nascere più imprenditori giovani under 35 (46,5% sul totale dell’area provinciale), mentre nel mantovano si registra il maggior peso degli over 65 che rappresentano il 3,5% del totale delle nuove iscritte. Gli stranieri scelgono Milano: il 30,1% dei nuovi iscritti nell’area milanese è di provenienza extra UE. È quanto emerge da elaborazioni e stime dell’Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro Imprese.

Tasso di crescita delle imprese gennaio – giugno 2012

 

Tasso di crescita

Bergamo

0,0%

Brescia

0,3%

Como

-0,2%

Cremona

-0,7%

Lecco

-0,3%

Lodi

-0,5%

Mantova

-0,4%

Milano

0,9%

Monza e Brianza

0,6%

Pavia

0,0%

Sondrio

-0,6%

Varese

-0,1%

LOMBARDIA

0,3%

Titolari di nuove imprese individuali iscritte nel 1° semestre 2012, per classe d’età (distribuzione %)

 

under 35

35-49

50-64

over 65

Totale

Bergamo

41,9%

40,3%

15,4%

2,3%

100,0%

Brescia

42,1%

40,4%

15,0%

2,5%

100,0%

Como

42,0%

42,5%

13,4%

2,1%

100,0%

Cremona

42,8%

39,1%

15,2%

2,8%

100,0%

Lecco

42,1%

39,2%

16,9%

1,8%

100,0%

Lodi

36,4%

43,2%

18,2%

2,2%

100,0%

Mantova

36,0%

42,8%

17,7%

3,5%

100,0%

Milano

39,6%

43,2%

14,8%

2,4%

100,0%

Monza e Brianza

39,2%

45,0%

13,8%

2,0%

100,0%

Pavia

39,7%

42,1%

14,8%

3,3%

100,0%

Sondrio

46,5%

39,0%

11,4%

3,1%

100,0%

Varese

42,2%

41,2%

14,5%

2,1%

100,0%

LOMBARDIA

36,3%

37,9%

13,3%

2,2%

100,0%

Titolari di nuove imprese individuali iscritte nel 1° semestre 2012, per genere (distribuzione %)

 

Maschi

Femmine

Totali

Bergamo

72,7%

27,3%

100%

Brescia

71,0%

29,0%

100%

Como

72,2%

27,8%

100%

Cremona

68,2%

31,8%

100%

Lecco

69,6%

30,4%

100%

Lodi

73,9%

26,1%

100%

Mantova

70,1%

29,9%

100%

Milano

73,4%

26,6%

100%

Monza e Brianza

77,6%

22,4%

100%

Pavia

71,3%

28,7%

100%

Sondrio

68,6%

31,4%

100%

Varese

72,8%

27,2%

100%

LOMBARDIA

72,6%

27,4%

100%

Titolari di nuove imprese individuali iscritte nel 1° semestre 2012, per nazionalità (distribuzione %)

 

Comunitaria

Extra U.E.

Italiana

Totale

Bergamo

3,5%

20,1%

76,4%

100,0%

Brescia

4,8%

22,6%

72,5%

100,0%

Como

4,6%

17,7%

77,7%

100,0%

Cremona

7,4%

15,7%

77,0%

100,0%

Lecco

2,9%

17,5%

79,6%

100,0%

Lodi

5,9%

16,0%

78,2%

100,0%

Mantova

3,6%

25,0%

71,4%

100,0%

Milano

4,2%

30,1%

65,7%

100,0%

Monza e Brianza

5,7%

16,2%

78,1%

100,0%

Pavia

6,8%

17,2%

76,0%

100,0%

Sondrio

2,1%

10,9%

87,0%

100,0%

Varese

4,7%

18,7%

76,5%

100,0%

LOMBARDIA

4,6%

22,6%

72,8%

100,0%

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti