29 Commenti

Dalla scuola al cimitero: dipendenti comunali, cresce il malessere

scontro-dipendenti-giunta-e

E’ altissima la temperatura in Comune tra Giunta, dirigenza e dipendenti. Per mercoledì alle 14,30 è fissato un incontro urgente tra “la delegazione di parte pubblica e quella di parte sindacale” dopo la disdetta attuata dalla Rsu e dai sindacati Cgil-Cisl-Uil dell’accordo sul sistema di valutazione con le tanto discusse schede. “Il sistema non è chiaro, non è trasparente ed è discrezionale” hanno denunciato i sindacati .  “La scheda di valutazione 2012 formulata nei tavoli tecnici – affermano Rsu, Cgil, Cisl e Uil – era nella direzione giusta per avviare un sistema credibile, più attento alle esigenze dei cittadini e non orientato principalmente all’adeguamento alle normative e agli obblighi di legge. La stessa presenza del Direttore Generale  espressamente dichiarato incompatibile per tale ruolo in una delibera della stessa CiVIT, è un ostacolo alla credibilità del sistema”. Sostanzialmente non si lavora con obiettivi e target orientati alla misurabilità e al miglioramento dei servizi. Ma oltre all’assemblea generale dei dipendenti che si è espressa sulla questione, il malessere esistente negli uffici comunali è stato evidenziato anche dalle assemblee di settore. Nel settore dell’educazione e scolastico  c’è l’affidamento all’esterno del tempo pieno nelle scuole comunali, in quello dei servizi sociali ci sono le criticità di sportelli ma affrontate con il dirigente. Poi c’è il problema dell’affidamento all’esterno del Servizio informatico del Sed, dove una ditta esterna starebbe già monitorando la situazione. Ed ancora il tema “caldo” dei servizi cimiteriali ed il rapporto dei dipendenti comunali con la cooperativa che, di fatto, gestisce in autonomia il settore. Da parte sindacale, bocche cucite: “noi parliamo solo con documenti ufficiali”. Ma già lunedì potrebbe esserci qualche mossa al riguardo. I dipendenti sono comunque in fibrillazione, la questione delle schede e il ricorrente problema dei premi ai dirigenti ha messo altro sale sulle ferite aperte da tempo. Una delle lamentele che si coglie frequentando gli uffici comunali è l’assoluta incapacità della Giunta nell’affrontare il problema del personale. La parte politica dell’Amministrazione non se ne occupa e tutto viene demandato al Direttore Generale Placchi e al Direttore del Personale Segalini, con risultati che sono sotto gli occhi di tutti – come dimostra la disdetta dell’accordo. Anche l’opposizione scende in campo: “La disdetta dell’accordo sulla performance – dichiarano il capogruppo Pd  Maura Ruggeri e il segretario cittadino Daniele Burgazzi – e i segnali di malessere che da qualche tempo si fanno più evidenti tra i dipendenti, sono la spia che la macchina comunale è in difficoltà e che c’è molto fumo dietro le operazioni vendute dai vertici comunali come grandi risultati di efficientamento. Magari, per rendere più efficiente la macchina, sarebbe il caso di partire dalla testa, dalla cabina di comando. Chiediamoci se è opportunamente dimensionata, per le nuove esigenze, anche la cabina di comando determinata dalle attuali posizione dirigenziali, che costa al comune quasi un milione e mezzo di euro, a cui ne è stata aggiunta una nuova: la direzione strategica e controllo di gestione. Vero è che la nuova posizione, per ora, è in capo al Direttore generale, ma in futuro la normativa non consentirà più ad un Comune come il nostro di permettersi, come ha scelto di fare la giunta Perri, un Direttore generale che costa al Comune 150 mila euro all’anno. A dire il vero, anche la questione dei premi dei dirigenti, oltre 500 mila euro a bilancio 2012, suscita qualche imbarazzo; curioso legarli  al pieno raggiungimento degli obiettivi di bilanci approvati a giugno, ma forse anche questo fa parte della performance…”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti
  • elia

    Sono anni che scrivo ai giornali denunciando le esagerate paghe e premi dati al Direttore generale che costa al Comune 150 mila euro e ai dirigenti, che costano oltre 100.000 mila euro anno, ma non si smuove nulla si fanno riunioni con i sindacati, che non possono, certamente contrastare la linea comunale poichè alcuni dirigenti sono iscritti ai loro sindacati, ai dipendenti si danno dei premi ridicoli prendono le briciole, ma tacciono per paura perchè sanno che se sono li devono ringraziare qualcuno, e la recita continua……per tenere buono il popolino si diminuiscono del 10% i premi e tutti alla fine sono contenti .
    povera Cremona ……che pena

    • Luca Ferrari

      Mi dispiace, caro Elia, ma il ritornello dei dipendenti che “tacciono per paura perchè sanno che se sono lì devono ringraziare qualcuno” non regge più. Perlomeno nel mio caso.
      Ho scritto più volte su queste pagine cosa penso del “sistema delle valutazioni”, delle indennità dirigenziali e dei premi-burla dati a noi dipendenti. Ho scritto che sono contrario ai ‘premi’ perché penso che raggiungere gli obiettivi fissati dall’amministrazione sia soltanto il nostro dovere di dipendenti; che non abbiamo bisogno di incentivi per lavorare; che i sindacati farebbero meglio a ‘lottare’ per ottenere a livello nazionale un aumento contrattuale medio degli stipendi dei lavoratori che, ai livelli più bassi, sono un’indecenza; che il tempo dei privilegi e delle caste deve finire se vogliamo mantenere in piedi quel poco che resta della coesione sociale…

      Mi sono sempre firmato, diversamente da quei cittadini che – pur legittimamente ‘incazzati’ per la situazione – stanno riservando ai lavoratori del pubblico solo illazioni, luoghi comuni generici, offese, volgarità.

      Ci vuole più rispetto per chi è stato assunto con regolare concorso pubblico e lavora seriamente, a testa alta, senza doversi vergognare di alcunché. Assicuro che, almeno tra i dipendenti del Comune di Cremona, siamo in tanti.

  • elia

    caro Luca so che tu sei una persona seria e consapevole, e che non hai paura ad esporti ma credimi ho qualche anno più di te e so che molti dipendenti sono imparentati tra loro e hanno preso il posto di genitori sindacalisti e no ,che sono andati in pensione, per questi è logico che conviene tirare a campare non possono lamentarsi. nell’attesa che scrivi al giornale esprimendo il tuo parere sui premi spropositati e assurdi ti saluto.

    • Luca Ferrari

      Dato che da 29 anni lavoro per questa amministrazione, credo di conoscere anch’io la situazione e ti assicuro che il fenomeno che descrivi, pur esistendo, è marginale. E’ ovvio che per quei dipendenti che sono stati assunti grazie a clientele e nepotismi paga di più non esporsi e “tirare a campare” come sostieni tu: che interesse avrebbero, dopo tutto?

      Il tema da indagare, semmai, potrebbe essere perché i dipendenti che sono stati assunti regolarmente e sono convinti di compiere fino in fondo il loro dovere – e ribadisco: credo siano la stragrande maggioranza! – in genere non esprimano il loro parere su vicende di questo tipo.
      Io un’idea me la sono fatta ed è questa: c’è il timore di essere richiamati dai superiori e comunque in qualche modo ‘puniti’ per aver osato esprimere il proprio parere; c’è anche un diffuso scetticismo su quanto possa incidere realmente il ‘denunciare pubblicamente’ questi fatti, così come un visibile menefreghismo tra tanti colleghi, che chinano la testa e ‘tirano a campare’. Aggiundo che molti sono sfiduciati, non credono più in un cambiamento…
      Oltre tutto, com’è evidente, i tempi suggeriscono ai più avveduti e cauti di star ‘riparati’. Non si sa mai cosa possa succedere…
      Quello che personalmente non posso accettare è che si generalizzi, si faccia della ‘retorica di pancia’ senza andare a fondo delle questioni, senza voler fare i debiti distinguo: è sin troppo facile sostenere che ‘tutti’ i dipendenti pubblici sono dei ‘fancazzisti’, che lavorano in Comune perché li ha fatti assumere qualcuno, che hanno solo privilegi, che nessuno controlla quello che fanno e via dicendo…

      Quanto poi allo scrivere ‘al giornale’ (immagino tu intenda l’unico ad ampia diffusione esistente oggi in cartaceo, “La Provincia”), non credo esprima un atto di particolare ‘eroismo’, non dimostra alcunché. Tu sei la prova vivente che quanto hai scritto in questi anni con coraggiosa indignazione non ha cambiato una sola virgola al sistema… e io stesso in alcuni frangenti ho espresso a mio modo quello che pensavo senza che sia accaduto nulla.
      L’effetto di questo sistema (muro di gomma? dividi et impera? latinorum mazoniano?…), senza con questo voler giustificare alcuno, è il proliferare dei ‘pecoroni’…

      • Mammolo

        …e se non vi è un vero e proprio “richiamo” da parte del dirigente, questo viene comunque tradotto in scarsa valutazione: del tipo “scarsa capacità di integrazione” oppure “difficoltà nei rapporti con l’utenza” o altre amenità, pur di schiacciare il dipendente ribelle.

  • elia

    caro Luca tu dici ci vuole più rispetto per chi è stato assunto con regolare concorso pubblico e lavora seriamente, a testa alta, senza doversi vergognare di alcunché. Assicuro che, almeno tra i dipendenti del Comune di Cremona, siamo in tanti.
    Io ti credo ma come mai se siete cosi in tanti solo tu critichi gli sprechi e i favorotismi?
    Siamo alle solite i pecoroni stanno sempre alla finestra e lasciano che si espongano gli altri, di modo che se va bene, ne usufruiscono gratuitamente i frutti, vedi i non iscritti al sindacato che usufruiscono degli aumenti senza partecipare ad un ora di sciopero, e senza aver mosso un dito.
    ricordati che i pecoroni se va male sono i primi a isolare colui che si è esposto,è l’eterno discorso a Cremona ci sono troppi pecoroni e gli amministratori lo sanno e quindi continuano imperterriti a sprecare denaro pubblico, ed a occupare la città vedi cabrini che da 45 anni è il direttore dell’associazione industriali , Aurucchio che occupa 23 poltrone che giorni fa ne ha occupata un’altra, naturalmente è tutto regolare, che per accontentare la fame di poltrone 2 anni fa ha dovuto modificare lo statuto della camera di commercio di Cremona, per incrementare il numero delle poltrone in giunta e quindi sistemare anche Ferrari, pluri poltronaro come vedi cremona è una città di morti viventi che tira a campare e vive rassegnata. che da 30 anni assiste indifferente al minuetto del scambio delle poltrone tra i soliti noti che non citerò. per evitare attacchi di orticaria ai lettori.

  • DIPENDENTI COMUNALI

    Ancora fuori le armi al Comune di Cremona, da che non si riesce a trovare un accordo che resista più di qualche mese. E certo se i presupposti da una parte sono: dobbiamo scegliere collaboratori esterni perché i 751 impiegati, dirigenti esclusi, sono incapaci, e dall’altra, invece di ribattere colpo su colpo, ci si limita a ripetere che incapaci sono i politici, i dirigenti proni, e per giunta i cittadini che non son d’accordo con la trimurti sindacale, quasi scemi, un accordo non sarebbe capace di inventarlo nemmeno il mitico Giobbe……

    Cremona 15 07 2012 http://www.flaminiocozzaglio.info

  • Verità

    Io non riesco a capire questa polemica e questo accanimento nei confronti dei dirigenti e dei dipendenti comunali!!noi paghiamo le tasse e va bene !! Ma bisogna guardare tutti enti dalla provincia, regione, ministeri, stato ,municipalizzate,tutti ! E allora fare un confronto !!!!e sapete
    cosa emergerebbe!!!! Che nel comune i dirigenti non sono in esubero!!!!e i loro premi sono inferiori ad altri dirigenti di tutti gli altri enti!!! Se siamo in un periodo di crisi E bisogna tagliare perché non si comincia dalle indennità parlamentari e tutti i loro vitalizi!!!! Italiani per questo dovete insorgere!!!!

    • elia

      ma per carità agli italiani piace che i problemi li risolvono gli altri, hai mai visto delle pecore aggredire dei lupi? e allora mettiti il cuore in pace caro verità, vuoi capirla che la stragrande maggioramza degli Italiani ha nel dna il virus del menefreghismo e della rassegnazione e pertanto quindi non farà maì nulla, solo l’insorgere dell’atavica fame potrebbe trasformarlo in belva e spaccherà tutto, ma fino a quando potrà trovare un tozzo di pane tirerà a campare.

  • Ftw

    Luca Ferrari…… l’eccezzione che conferma la regola! Propongo una sottoscrizione per farlo passare di grado…..tanto e’ capace e onesto nell’ ottemperare alle sue funzioni!

    • Luca Ferrari

      Ma perché, zuzzzzurelllonnne,non ci dici una buona volta chi ca*** sei tu e come ti guadagni da vivere, così proviamo anche noi a giudicare accaz** anche te, ragionando con il didietro e sparando luoghi comuni da bar sport…?
      Caro Silla e redazione di CremonaOggi: ha ragione Francesca. Impostata l’informazione in questo modo, consentendo a cani e porci l’anonimato in nome di una presunta libertà di espressione, non si fa che provocare la rissa. Serve davvero a poco.

  • FRANCESCA

    MA BASTA PIANTANTELA!!!!!!! C’E’ GENTE ONESTA CHE LAVORA , CHE HA FAM, CHE TUTTI I GIORNI SI RECA AL LAVORO.
    MA PERCHE’ SEMPRE IL COMUNE E MAI LA PROVINCIA, O LE ALTRE ISTITUZIONI.
    SIETE MANIPOLATI DA QUESTO SCHIFO DI GIORNALE NON COSTRUTTIVO.
    CREMONAOGGI BASTA FINISCILA DI IZZARE LE PERSONE E DI ROVINARE I DIPENDENTI E CITTADINI CREMONESI.

    • elia

      Francesca è inutile difendere l’indifendibile è comodo dire si noi lavoriamo poco, gli altri della provincia o dello stato lavorano meno di noi ecc il pubblico è sempre stato il rifugio di molti fannulloni protetti dai sindacati e adesso i nodi vengono al pettine. dovreste essere i primi a criticare gli assurdi premi dei dirigenti e direttore generali che gia anno degli stipendi elevatissimi,e invece taciete per i motivi che tutti sanno molti di voi sono entrati grazie a spinte di partiti locali, amicizie all’interno del comune o tramite il sindacato ,lo sanno anche i sassi quindi almeno abbiate il buon senso di non lamentrvi siete peggio dei lavoratori della Tamoil che piangono con lo stipendio per sette anni al 90% di quello reale. e basta …ci avete rotto …

  • Ftw

    Se lo mando a c…..e si incazza; se lo propongo per una promozione si incazza lo stesso! Ma sei sicuro che ti piace il lavoro che fai?

    • DIPENDENTE DEL COMUNE DI CREMONA

      ANCHE TU COME GIOVANNI FLAMINIO BALDESIO SEI UN COMMENTATORE UFFICIALE FASCISTA DI CREMONAOGGI O SEI LA STESSA PERSONA? SPIEGACI UN PO IL TUO LAVORO CHE TI LASCIA COSI TANTO TEMPO PER LEGGERE TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO SITO.. FLAMINIO BALDESIO NON MI HA MAI RISPOSTO EPPURE UNA DECINA DI VOLTE GLI HO POSTO LA DOMANDA

      • elia

        in comune ci sono 751 dipendenti dicci chi sei tu, prima di chiedere agli altri di farsi riconoscere e solo dopo potrai chiedere a baldesio e FTW di farsi rioconoscrere, anche se dubito che lo faranno poichè chi non si fa riconoscre generalmente è un seminatore di zizzania .

        • DIPENDENTE DEL COMUNE DI CREMONA

          elia di nome e il cognome?

          • DIPENDENTE DEL COMUNE DI CREMONA

            non ho chiesto il nome ed il cognome, ho chiesto la “professione”

          • elia

            scrivo da circa 25 anni ai giornali di Elia ne esiste per adesso uno solo il mio cognome è SCI…….. vediamo se sei bravo ad indovinarlo altrimenti guarda le lettere al direttore della provincia poichè Cronaca ha chiuso da qualche mese sappi che il tuo nome non mi interessa e non ho nessuna intenzione di chiedeterlo.

          • FRANCESCA

            MA COME NON CONOSCI ELIA …..!
            MAI NIENTE DI COSTRUTTIVO SOLO DISTRUTTIVO.
            CONOSCIAMO BENE I TUOI TRASCORSI E LE TUE MILITANZE.
            FACILE TROPPO FACILE SEMPRE CONTESTARE .
            CERTO SONO TUTTI FANNULLONI I 751 DIPENDENTI E QUESTO E’ UN COMUNE CHE FA’ SCHIFO.
            PECCATO PERO’ CHE QUANDO C’E’ BISOGNO CASA, SCUOLA ECC SI BUSSA SEMPRE IN COMUNE.
            I DIRIGENTI DEVONO GUADAGNARE DI PIU’ DI UN IMPIEGATO O OPERAIO ALTRIMENTI NON FAREBBERO I DIRIGENTI.
            VI SCANDALIZZATE PER 80.000 EURO LORDI O PREMI DA 12.000 EURO.
            SONO ALTRE LE COSE DA GUARDARE E RICORDATI CHE IL PREMIO E’ DA CONTRATTO.
            PER I LAVORATORI DELLA TAMOIL CERCA DI PORTARE RISPETTO E’ PUR SEMPRE UN LAVORATORE CHE HA PERSO IL POSTO E NON ESISTE SOLO IL PROBLEMA ECONOMICO

        • elia

          sei sicuro di stare bene, tu mi hai chiesto il cognome non la professione vedi la tua richiesta che ti ripeto ;

          By DIPENDENTE DEL COMUNE DI CREMONA, 17 luglio 2012

          elia di nome e il cognome?

  • Ftw

    Mi piacerebbe poter dire di fare il dirigente del comune di Cremona! Perche a me, 80.000 euro lordi e 12000 di premi da contratto, proprio schifo non mi farebbero! 751 dipendenti….. Meno di uno ogni 100 abitanti e avete il coraggio di chiamarlo lavoro? Ma andate tutti quanti a c……e!

    • DIPENDENTE DEL COMUNE DI CREMONA

      non il lavoro che ti piacerebbe, il tuo lavoro attuale, qual’è? non chiedo di identificarti, chiedo la tua “professione”

    • elia

      concordo i comunali non si rendono conto di cosa c’è all’esterno del loro mondo ovattato e pieno privilegi avete mai visto un comunale andare in cassa di integrazione? e allora abbiate almeno il rispetto di coloro che devono vivere senza nessuna tutela una volta perso il posto di lavoro, e che vivono di stenti.

  • elia

    Francesca come dipendente comunale dovresti tacere, visto che avete il posto fisso sia che lavoriate sia che vi giriate le dita telefonando a spese del contribuente,ecc mettiti nei panni di coloro che perdono il lavoro senza nessuna tutela conosco giovani madre che hanno perso il lavoro senza cassa integrazione senza assegni familiari ecc .quindi prima di difendere a spada tratta i lavoratori della tamoil rifletti maggiormente sforza un po le meningi che ti farà certamente bene, è normale, che tu difenda i cassintegrati tamoil che se ne stanno al calduccio o al fresco con il 90% dello stipendio reale per almeno 7 anni?. Solo voi comunali potete difendere questi privilegiati, perché vivete in un mondo dorato e non vi rendete conto di cosa succede all’esterno della vostra sfera ovattata di super tutelati e privilegiati.

  • ftw

    errata corrige…. 751 dipendenti…. ben più di 1 ogni 100 abitanti!

    • DIPENDENTE DEL COMUNE DI CREMONA

      IO SONO UN SEMPLICE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CREMONA CATEGORIA C1, TU CHE LAVORA FAI?

      • Ftw

        E va beh ve lo dico….. Faccio l’ arrotino….. Avete presente quelli che girano con l’ apecar con la mola attaccata dietro? Pero’ solo ed esclusivamente senza emettere fattura….. tanto siamo rimasti talmente in pochi che non riescono neppure a fare uno studio di settore serio per cui puoi denunciare anche solo 5000 euro l’anno. Vuoi sapere anche che macchina ho in garage?

        • elia

          sei forte FTW dimmi quando passi da bonemerse che ti faccio affilare i coltelli da dare ai dirigenti comunali per accappararsi il premio maggiore.