Commenta

Concerto Lirico benefico al teatro La Pergola di Parma a favore della terremotata Novi

concerto-lirico-parma

Nonostante i numerosi problemi politici ed economici che negli ultimi mesi assillano Parma e il suo teatro, l’attività artistica nella città emiliana non è cessata, grazie sì ai tanti eccellenti concerti organizzati dal Conservatorio, ma anche in virtù di associazioni quali gli Amici della Lirica del CRAL Cariparma che, per l’ennesima volta, si sono fatte promotrici di eventi tendenti a lasciare importanti segni nel territorio.

L’ideatore dell’iniziativa che fa capo al sodalizio musicale organizzatore dell’attuale manifestazione, Paolo Zoppi, si è mosso ora all’insegna della solidarietà nei confronti delle persone colpite a Novi, nel modenese, dal recente terremoto e, in collaborazione con la Corale Verdi, martedì 17 luglio alle ore 20, 30, presso lo spazio all’aperto denominato Teatro la Pergola adiacente ai giardini (vicolo Asdente, 9), presenterà una serata con protagonisti alcuni dei maggiori interpreti della lirica dei nostri giorni. Artisti tra i più noti quali Desirée Rancatore (soprano), Celso Albelo (tenore), Vladimir Stoyanov (baritono), Michele Pertusi (basso) e Rossana Rinaldi (mezzosoprano) con Pina Coni al pianoforte e Sandu Nagy al flauto saranno infatti in palcoscenico per una carrellata di brani tra i più noti del melodramma ottocentesco italiano, certi di contribuire con la propria maestria a una nobile causa umanitaria. Tra le proposte maggiormente accattivanti figurerà il celebre quartetto «Bella figlia dell’amore» tratto dal verdiano Rigoletto con l’intervento di quattro dei cinque solisti nei panni di Gilda, Maddalena, Rigoletto e Sparafucile; personaggi che, certo, sapranno trovare nei nostri interpreti una caratterizzazione vocale coerente col dettato del compositore. Tra le altre proposte della serata la nota «Scena della Pazzia» dalla donizettiana Lucia di Lammermoor, brano con la protagonista dell’opera in preda ad una delle arie maggiormente ardue del repertorio ottocentesco che richiede assoluta padronanza del registro acuto, espressività e contestuale controllo del suono.

La manifestazione si prospetta davvero seducente ed ha già trovato riscontro in numerosissime adesioni. Chi fosse interessato agli ultimi biglietti rimasti potrà comunque rivolgersi al numero 338 8741800.

Paola Cirani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

© Riproduzione riservata
Commenti